venerdì 20 luglio 2018

Fusione Spaxs - Banca Interprovinciale: Corrado Passera amministratore delegato

Corrado Passera guiderà la nuova banca nel ruolo di amministratore delegato. 

Corrado Passera
Corrado Passera
Si è tenuta questa mattina a Milano presso la sede di Boston Consulting Group la presentazione alla comunità finanziaria della business combination tra Spaxs e Banca Interprovinciale e del piano strategico 2018-2023 della nuova banca che ne nascerà. 

La fusione tra Spaxs e Banca Interprovinciale è finalizzata alla creazione di un nuovo modello di banca, innovativa e specializzata. 

Nel dettaglio, la banca si rivolgerà al segmento delle PMI italiane con buone prospettive industriali, ai servizi di turnaround e all'acquisto e gestione di crediti NPL.

Spaxs anticipa che, a regime, la banca si propone di conseguire un utile netto di circa 300 milioni di euro con un Roe nell'intorno del 25%. 

La banca intende raggiungere un risultato soddisfacente già nel 2020, anno in cui è atteso un utile tra i 40 e i 50 milioni di euro e un 6-7% di Roe.

Gli attivi sono stimati in crescita con un primo obiettivo indicato tra i 3,8 e i 4,6 miliardi di euro al 2020 e a circa 7 miliardi di euro a regime.

La gestione del rischio sarà prudente con una piena corrispondenza nelle scadenze di attività e passività e una buona diversificazione delle fonti di finanziamento.

La banca intende mantenere un solido profilo di patrimonializzazione, con un CET1 ratio che si manterrà costantemente superiore al 15% durante tutto l’arco di piano. 

Tale obiettivo include una politica di dividendi conservativa, con distribuzione di dividendi crescenti a partire dall'esercizio 2022, una volta raggiunto un valore di patrimonio netto di 1 miliardo di euro, con pay-out del 20% nel 2022 e del 25% nel 2023.

Le tre aree di attività avranno diverse velocità di entrata a regime: più veloce sarà la Divisione Npl, che rappresenterà il principale contributo all'utile ante imposte nel 2020. 

Successivamente, a regime, la banca sarà pienamente diversificata, con un contributo equilibrato al risultato economico tra Npl e Pmi, con la divisione Retail che avrà invece un ruolo decisivo per la raccolta finalizzata al sostegno delle attività della banca.

Quanto al management, oltre a Corrado Passera, ecco le altre nomina: 

Andrea Clamer, che ha promosso Spaxs al fianco di Passera, guiderà la divisione Npl, forte di una esperienza decennale nel settore avendo guidato come Head of NPL Division il team di Toscana Finanza e di Banca Ifis. 

Enrico Fagioli Marzocchi, che guiderà la divisione Pmi, ha una significativa esperienza nel mondo del credito alle imprese, inclusa la gestione del credito problematico e le ristrutturazioni, avendo ricoperto, tra gli altri, la carica di responsabile della Direzione Crediti ed Assets Problematici del Gruppo MPS e recentemente la carica di ceo della joint-venture tra Quaestio e Cerved. 

Carlo Panella, a cui è affidata anche la responsabilità dell’Information Technology, guiderà la divisione Retail dopo essere stato Direttore Generale di CSE Consulting e precedentemente direttore generale di WeBank. 

Francesco Mele ha assunto la carica di Chief Financial Officer & Central Functions dopo un’esperienza come Cfo del Gruppo MPS e precedentemente una lunga esperienza in investment banking con particolare riferimento alla clientela financial institutions.