lunedì 10 settembre 2018

SIT, semestrale conferma buona crescita di fatturato ed utile

Il Consiglio di Amministrazione di SIT, società quotata all'AIM Italia; che sviluppa, produce e commercializza componenti e sistemi per il controllo, la regolazione e la sicurezza degli apparecchi a gas; ha approvato la Relazione semestrale del Gruppo al 30 giugno 2018.

Punti chiave
Federico de'Stefani, Presidente e Amministratore delegato di SIT
Federico de'Stefani,
Presidente e AD di SIT
Federico de'Stefani, Presidente e Amministratore delegato di SIT ha dichiarato:
  • I risultati conseguiti confermano il costante sviluppo della società in termini di vendite, redditività operativa e risultato netto, col contributo di entrambi i business. 
  • Si sta lavorando per poter cogliere le opportunità di sviluppo internazionale anche per le attività di Smart Gas Metering.
  • Nel secondo semestre dell’anno la società beneficierà dei primi effetti del piano di investimenti finalizzato ad aumentare del 30% la capacità produttiva.. 
  • Possiamo contare sul due nuovi manager di elevata competenza ed esperienza.
  • La quotazione sull’MTA rimane tra gli obiettivi a breve termine della Società.”

Dati di bilancio al 30 giugno 2018
migliaia di euro
2018 vs 2017

Ricavi
175.391 vs 149.124, +17,6% (+ 20,4% a cambi costanti)

     di cui Divisione Heating
     142.303 (81,1% su ricavi) vs 129.030 (86,5%), +10,3%

     di cui Divisione Smart Gas Metering
     32.922 (18,8% su ricavi) vs 19.954 (13,4%), +65,0%


Ebitda adjusted
23.352 (13,3% su ricavi) vs 21.599 (14,5%), +8,1%

Ebitda
20.026 (11,4% su ricavi) vs 21.609 (14,5%), -7,3%

Utile netto
8.417 (4,8% su ricavi)
vs 912 (0,6%), +822,9%

Flusso di cassa gestione operativa
- 8.417.000 vs +4.370.000

     di cui FC corrente +24.506.000 vs +21.575.000
     di cui Var. Capitale Circolante - 22.367.000 vs -12.185.000
     di cui Investimenti -10.556.000 vs -5.020.000


Posizione finanziaria netta (debiti)
80.867 vs 65.105

Note al bilancio
Nel calcolo dell'Ebitda adjusted 2018 non sono inclusi il costo della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con il precedente Direttore generale e Amministratore Delegato, Fulvio Camilli, per 2.452.000 euro e 682.000 euro relativi al progetto di transizione dall'AIM Italia al MTA.

Gli oneri finanziari lordi del periodo sono pari a 2,3 mln di euro contro gli 8,0 mln di euro dello stesso periodo del 2017, con una significativa riduzione derivante dalla nuova struttura finanziaria conseguente all’operazione di fusione con la SPAC Industrial Stars of Italy 2 intervenuta nel corso del 2017.

La crescita repentina della domanda registrata a partire dalla seconda metà dell’anno scorso ha generato la necessità di incrementare le scorte e ha comportato una tensione di liquidità per alcuni clienti che ha comportato un livello di crediti scaduti, rilevato al 30 giugno, particolarmente elevato.

L’andamento di tali scaduti è tuttavia in sensibile miglioramento e alla data odierna esso è già significativamente rientrato.

Rafforzamento della struttura manageriale
Entrano nella squadra SIT due nuovi manager con solido background ed esperienza internazionale maturati in un settore all'avanguardia come quello dell’automotive:
  • Ing. Giulio Prandi, che ha già assunto il ruolo di Chief Operating Officer, ha sviluppato il proprio percorso professionale in aziende multistabilimento quali Isringhausen Italia, Dayco e Olsa operanti nella produzione di componentistica per il settore automotive.
  • Ing. Tomaso Valdinoci, che assumerà il ruolo di Chief Product Officer con responsabilità sul marketing strategico e ricerca & sviluppo, ha maturato una lunga esperienza nella società di consulenza Bain&Company e negli ultimi anni è stato in CNH Industrial dove si è occupato di business development EMEA per tutte le divisioni del gruppo.

✅ SIT 
✔ Prezzo 9,68 € 
✔ Fair Value 9,63 € 
✔ Rendimento implicito 11,2% 
✔ Rating A - VALUE