giovedì 8 novembre 2018

Nuova quotazione: Digital Value entra in AIM Italia

Digital Value, cerimonia di quotazione
Digital Value, cerimonia di quotazione
Digital Value, gruppo di information technology nato dall’unione della romana Italware srl e della milanese ITD Solutions spa, è stata quotata oggi all’Aim Italia.

E' la prima operazione condotta con la struttura Spac-in-Cloud sulla piattaforma di private placement Elite Club Deal di Borsa Italiana, promossa da Electa Ventures e con cornerstone investor Ipo Club, il fondo chiuso del Gruppo Azimut dedicato a investimenti in pre-ipo che ha investito circa 6,7 mln di euro in Digital Value.

A investire tramite Spac-in-Cloud sono stati sia investitori istituzionali che investitori privati, che hanno aderito al collocamento organizzato da CFO sim.

I dati dell'IPO
La raccolta è stata di 22,5 mln di euro, con un flottante risultante del 25,1% del capitale.

Il capitale della Società è costituito da 8.962.233 azioni di cui:
  • n. 3.981.562 azioni ordinarie detenute dall'azionista di controllo DV Holding S.p.A. 
  • n. 2.250.000 azioni ordinarie piazzate sul mercato
  • n. 2.670.671 Price Adjustment Shares, detenute dall'azionista di controllo DV Holding S.p.A. Sono azioni che, nel caso in l’azienda non riesca a raggiungere obiettivi di performance prefissati, vengono in tutto o in parte annullate determinando, quindi, una riduzione del numero di azioni della società detenute dai soci fondatori
  • n. 60.000 azioni speciali, detenute dai promotori.
Sul mercato sono trattati anche n. 2.250.000 warrant che danno diritto a sottoscrivere azioni di compendio sino ad un massimo di n. 647.775 azioni ordinarie, condizionatamente al raggiungimento di un prezzo medio mensile di mercato delle azioni Digital Value di euro 13,30 ed in conformità a quanto stabilito nel relativo regolamento.

Il numero delle azioni in mano agli investitori potrà arrivare al 30,1% nel momento in cui verranno esercitati i warrant.

Nel 2017 la società, che ha oltre 200 dipendenti, ha avuto i seguenti risultati proforma:

Bilancio proforma
migliaia di euro
Anno 2017 vs 1° semestre 2018

Ricavi
258,045 vs 143.292

Ebitda
19.652 vs 14.323

Utile netto
10.767 vs 9.219

Patrimonio netto
46.779 vs 54.998 al 30 giugno 2018 (dati pre-IPO)

Debiti finanziari netti
1.788 vs 14.732

Il business plan di Digital Value prevede un ebitda di 22,6 milioni nel 2018 e di 25,6 milioni nel 2019 e un miglioramento della posizione finanziaria netta che a fine 2018 dovrà essere positiva per 15 milioni e nel 2019 positiva per 21 milioni.

Per approfondimenti è possibile scaricare il Documento d'ammisione (169 pagine, formato pdf).

Digital Value è stata assistita da CFO Sim in qualità Nomad, Global Coordinator e Specialist.

Nel 2018 sono state ammesse 29 nuove società su AIM Italia, che attualmente conta 113 imprese quotate.

La società
Digital Value è uno dei maggiori player di IT solution e system integrator del mercato italiano e svolge attività di ricerca, progettazione, sviluppo e commercializzazione di soluzioni e servizi IT per la digitalizzazione di clienti large account.

Massimo Rossi, presidente esecutivo di Digital Value, socio di riferimento della società e fondatore di Italware, ha dichiarato:

“La quotazione in Borsa rappresenta il coronamento di un percorso di crescita ultradecennale ed il punto di partenza di un progetto imprenditoriale di maggiore dimensione, con lo sviluppo di specializzazioni e competenze a beneficio della competitività della nostra clientela, operante in settori strategici per l’intera economia italiana.

Perseguiremo obiettivi di creazione di valore a beneficio dei nostri stakeholder, proseguendo il nostro percorso di crescita virtuoso e sostenibile”.

Carlo Brigada, vice presidente esecutivo di Digital Value e presidente di ITD Solutions
Carlo Brigada, vice presidente
esecutivo di Digital Value e
presidente di ITD Solutions
Carlo Brigada, vice presidente esecutivo di Digital Value e presidente di ITD Solutions, ha così commentato:

“Affrontiamo la quotazione con l’intenzione di ampliare ulteriormente la nostra offerta di servizi di digital trasformation, con l’obiettivo di rafforzare la nostra capacità di supportare e abilitare le imprese clienti nel proprio percorso di adozione di soluzioni digitali.

Digital Value costituisce un progetto di aggregazione di competenze e risorse che potrà ulteriormente ampliarsi configurandosi come polo di attrazione e player di riferimento del mercato italiano delle soluzioni digitali per il mercato dei large account”.

La modalità di quotazione
Il modello  Spac-in-Cloud, prevede che la società quotanda (in questo caso Digital Value) e i promotori (Electa Ventures) negozino i termini e le condizioni di investimento insieme al cornerstone investor (Ipo Club), che sottoscrive almeno il 20% dell’offerta totale.

Successivamente entrano i follow-on investor (altri istituzionali e i privati raccolti da CFO sim), parzialmente tutelati dalla presenza delle price adjustment shares.

In sostanza si tratta di un club deal che ricalca la struttura delle Spac, con dei promotori che hanno finanziato la fase preparatoria e di verifica dell’operazione, sottoscrivendo strumenti finanziari il cui sviluppo di valore è subordinato alla crescita di valore di mercato delle azioni della società una volta quotata; e con dei cosiddetti corner investor e dei follow-on investor.

La tempistica del listing è ridotta, nell’ordine dei 2 mesi.