sabato 21 luglio 2018

Intervista tv di Corrado Passera sulla nuova banca che dirigerà

Corrado Passera, Presidente Esecutivo di Spaxs, ha rilasciato venerdì 20 luglio un'intervista a Class CNBC TV sulla business combination tra Spaxs e Banca Interprovinciale.

Durata: 12' 58"

Intervista Class CNBC TV a Corrado Passera

Clabo: espansione in Cina

Clabo SpA, operante nel settore delle vetrine espositive professionali per gelaterie, pasticcerie, bar, caffetterie e hotel, ha siglato un accordo per l’acquisizione degli asset industriali e del marchio “Easy Best”.

Clabo
L'accordo prevede l'acquisto del settore "vetrine refrigerate" dell'azienda cinese Qingdao Easy Best Refrigeration Co. Ltd, comprensivo di attività di produzione e commercializzazione.

Easy Best è un marchio leader nel settore di riferimento nel mercato domestico cinese, con una quota superiore al 30%.

Spaxs: nuove azioni di prossima e futura emissione

Dalla documentazione disponibile riassumiamo la situazione delle azioni ordinarie Spaxs a seguito dell'acquisizione della Banca Interprovinciale:

SpaxsAttuali azioni ordinarie (numero) 
60.000.000

Fusione
+ 2.160.000 derivanti dalla conversione gratuita di n. 360.000 azioni speciali Spaxs
+ 987.128 derivanti dal conferimento di n. 8.411 azioni BIP (19,39% del capitale sociale BIP)

=63.147.128
Totale azioni ordinarie dopo fusione


12 mesi dopo fusione
+ 6.000.000 derivanti dalla conversione gratuita di 30 mln di diritti di assegnazione Spaxs

=69.147.128
Totale azione ordinarie dopo conversione automatica diritti


Eventuale conversione rimanenti azioni speciali
+11.520.000 derivanti dalla conversione gratuita delle residue 1.440.000 azioni speciali Spaxs

= 80.667.128
Totale azioni ordinarie dopo conversione condizionata azioni speciali

NB 
Perché si verifichi la conversione automatica il prezzo di mercato delle azioni Spaxs deve superare i 15 euro entro 48 mesi dalla fusione.

[Redazione Aim Italia News]

Spaxs: documento d'ammissione all'AIM Italia

E' stato pubblicato il Documento informativo della fusione Spaxs - Banca Interprovinciale.pdf.

Il documento di 156 pagine presenta nel dettaglio l'operazione, che prevede l'acquisto da parte della spac Spaxs del 98,3% della Banca Interprovinciale, valutata complessivamente 56,0 mln di euro.

venerdì 20 luglio 2018

Esautomotion: insediamento produttivo in Cina

Esautomotion ha avviato le pratiche per un insediamento produttivo in Cina.

Esautomotion La società ha avviato il processo di trasformazione della filiale Esautomotion di Shanghai da commerciale a unità manifatturiera, avendo identificato il sito produttivo, ordinato i macchinari ed avviato la selezione del relativo personale.

Contestualmente è stato acquisito un nuovo e importante cliente, ABH Laser, azienda cinese produttrice di macchine per il taglio laser.

Fusione Spaxs - Banca Interprovinciale: Corrado Passera amministratore delegato

Corrado Passera guiderà la nuova banca nel ruolo di amministratore delegato. 

Corrado Passera
Corrado Passera
Si è tenuta questa mattina a Milano presso la sede di Boston Consulting Group la presentazione alla comunità finanziaria della business combination tra Spaxs e Banca Interprovinciale e del piano strategico 2018-2023 della nuova banca che ne nascerà. 

La fusione tra Spaxs e Banca Interprovinciale è finalizzata alla creazione di un nuovo modello di banca, innovativa e specializzata. 

Nel dettaglio, la banca si rivolgerà al segmento delle PMI italiane con buone prospettive industriali, ai servizi di turnaround e all'acquisto e gestione di crediti NPL.

Spaxs anticipa che, a regime, la banca si propone di conseguire un utile netto di circa 300 milioni di euro con un Roe nell'intorno del 25%. 

La banca intende raggiungere un risultato soddisfacente già nel 2020, anno in cui è atteso un utile tra i 40 e i 50 milioni di euro e un 6-7% di Roe.

Gli attivi sono stimati in crescita con un primo obiettivo indicato tra i 3,8 e i 4,6 miliardi di euro al 2020 e a circa 7 miliardi di euro a regime.

La gestione del rischio sarà prudente con una piena corrispondenza nelle scadenze di attività e passività e una buona diversificazione delle fonti di finanziamento.

La banca intende mantenere un solido profilo di patrimonializzazione, con un CET1 ratio che si manterrà costantemente superiore al 15% durante tutto l’arco di piano. 

Tale obiettivo include una politica di dividendi conservativa, con distribuzione di dividendi crescenti a partire dall'esercizio 2022, una volta raggiunto un valore di patrimonio netto di 1 miliardo di euro, con pay-out del 20% nel 2022 e del 25% nel 2023.

Le tre aree di attività avranno diverse velocità di entrata a regime: più veloce sarà la Divisione Npl, che rappresenterà il principale contributo all'utile ante imposte nel 2020. 

Successivamente, a regime, la banca sarà pienamente diversificata, con un contributo equilibrato al risultato economico tra Npl e Pmi, con la divisione Retail che avrà invece un ruolo decisivo per la raccolta finalizzata al sostegno delle attività della banca.

Quanto al management, oltre a Corrado Passera, ecco le altre nomina: 

Andrea Clamer, che ha promosso Spaxs al fianco di Passera, guiderà la divisione Npl, forte di una esperienza decennale nel settore avendo guidato come Head of NPL Division il team di Toscana Finanza e di Banca Ifis. 

Enrico Fagioli Marzocchi, che guiderà la divisione Pmi, ha una significativa esperienza nel mondo del credito alle imprese, inclusa la gestione del credito problematico e le ristrutturazioni, avendo ricoperto, tra gli altri, la carica di responsabile della Direzione Crediti ed Assets Problematici del Gruppo MPS e recentemente la carica di ceo della joint-venture tra Quaestio e Cerved. 

Carlo Panella, a cui è affidata anche la responsabilità dell’Information Technology, guiderà la divisione Retail dopo essere stato Direttore Generale di CSE Consulting e precedentemente direttore generale di WeBank. 

Francesco Mele ha assunto la carica di Chief Financial Officer & Central Functions dopo un’esperienza come Cfo del Gruppo MPS e precedentemente una lunga esperienza in investment banking con particolare riferimento alla clientela financial institutions.

Alkemy acquisisce il gruppo Ontwice Interactive Services

L’acquisizione mira a consolidare la presenza dell’agenzia in Spagna e ad aprire un percorso di sviluppo in America Latina.

Alkemy
Alkemy ha firmato un accordo per l’acquisizione iniziale del 51% di Ontwice Interactive Services SL, con completamento entro quattro anni dell’acquisizione del restante 49% del capitale sociale, a seguito dell’esercizio di opzioni put/call.

Il valore complessivo dell’operazione è di 11 milioni di euro. 

Continua, quindi, la crescita per linee esterne della società dopo le operazioni legate a Nunatac e Kreativa New Formula.

Ontwice Interactive Services SL, con sede a Madrid e fondata nel 2006 dai soci David Bravo, Manuel Mercader, Ignacio Tortosa e Luis Vegas, è una digital agency spagnola con presenza anche in Messico. 

Tra i marchi serviti, per citarne alcuni, EBay, Microsoft, Rolex, Gruppo DIA, EuropeAssistance, Mahon, Hawkers e Mapfre.

Duccio Vitali, Amministratore Delegato di Alkemy S.p.A. ha dichiarato:

“L’acquisizione di Ontwice Interactive Services SL consolida la presenza di Alkemy in Spagna, dove la controllata Alkemy Iberia, guidata dal Ceo Ferdinando Meo, si è inizialmente focalizzata sulle attività di Advisory. 

L’integrazione della tecnologia e lo sviluppo delle attività, infatti, permetteranno il trasferimento ai clienti spagnoli della stessa catena del valore già sviluppata e testata con successo in Italia.

Al contempo, grazie alla presenza in Messico di Ontwice Interactive Services SL, vengono poste le basi per lo sviluppo in tutta l’America Latina". 

Con un fatturato 2017 di circa 20 milioni di Euro e un’Ebitda di circa 1,6 milioni di Euro, il valore complessivo dell’operazione è stimato in circa 11 milioni di Euro. 

L’iniziale 51% sarà acquistato in base ad una valorizzazione della Società pari a 7 volte l’Ebitda adjusted 2017 ed il pagamento del corrispettivo sarà effettuato in parte per cassa e in parte in azioni proprie di Alkemy mediante utilizzo del proprio magazzino titoli.

Le azioni così trasferite saranno sottoposte ad un periodo di lock up di oltre 12 mesi.

Come per le altre aziende aggregate in passato, pur rimanendo un’entità giuridica separata, l’operatività commerciale e la gestione finanziaria della nuova realtà saranno completamente integrate con quelle di Gruppo, lasciando spazio all'imprenditorialità dei fondatori nella gestione ordinaria d’impresa.

SCM SIM lancia nuova linea di gestione

Scm Sim, la prima sim quotata sul mercato Aim Italia, ha lanciato sul mercato la nuova linea di gestione “Chronos”.

Chronos nasce con l’obiettivo di cogliere nel lungo periodo nuove opportunità di investimento
nell’ambito di:
    SCM SIM
  • Economia digitale (IoT, big data, fintech, cybersecurity),
  • Salute (medtech, biotech, life science tool / diagnostic), 
  • Industria 4.0 (smartfactory, electric vehicles / autonomous driving, artificial intelligence), 
  • Nuove tecnologie energetiche (smartgrid, energy storage, solar energy, windpower).
La linea Chronos è costruita attraverso la selezione di società  quotate, principalmente negli Stati Uniti e in Europa, che sono considerate "best in class" nel proprio settore.

Si tratta generalmente di aziende di grandi dimensioni, con un forte vantaggio competitivo sia in termini di prodotto sia di mercato, in settori in forte crescita (disruptive approach) e con buona generazione di cassa.

Vimi Fasteners si prepara all’Aim Italia

Vimi Fasteners, azienda di Novellara (Reggio Emilia) che opera nel settore della meccanica di precisione, ha avviato, con l'advisor Scouting, il periodo di offerta per la quotazione sull'AIM Italia, dove il gruppo dovrebbe sbarcare il prossimo 31 luglio.

Vimi Fasteners
Il prezzo di offerta delle azioni sarà determinato dagli azionisti d’intesa con il Global Coordinator BPER Banca, al termine del collocamento previsto per il 27 luglio prossimo.

L’intervallo di prezzo indicativo è compreso tra un minimo di 3,4 e un massimo di 3,9 euro per azione.

Al termine del collocamento, il flottante sarà intorno al 25%, pari a complessivi 11 milioni di euro, in aumento di capitale, con la facoltà di incrementare l’offerta tramite un ulteriore aumento di capitale e quotazione di 1 milione di euro in opzione Greenshoe. 

Attualmente il capitale sociale della società è detenuto al 100% dalle holding Finregg, delle famiglie di Fabio e Fabrizio Storchi, e da Astork di proprietà della famiglia di Aimone Storchi. 

La società non detiene azioni proprie.

Obiettivo della quotazione è accelerare l’espansione e la dimensione internazionale dell’azienda con particolare riferimento ai mercati USA e Cina, nonché diversificare ulteriormente i settori in cui opera e rafforzare la struttura finanziaria dell’azienda.

Il bilancio 2017 di Vimi Fasteners presenta un fatturato consolidato pro-forma pari a 50,2 milioni di euro, in crescita di circa il 19,5% sull'esercizio precedente, un Ebitda di 8,0 milioni di euro e una quota di export di circa il 65% dei ricavi consolidati pro-forma.

Innovatec chiede la quotazione su AIM Italia dei warrant 2018-2021

Innovatec, attiva nei settori dell'efficienza energetica, teleriscaldamento e nella costruzione e gestione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e degli impianti e servizi per l'ambiente, rende noto di aver fatto formale richiesta a Borsa Italiana per la quotazione sul mercato AIM Italia dei n. 62.993.280 "Warrant azioni ordinarie 2018-2021 Innovatec S.p.A.", ISIN CODE: IT0005333270.

InnovatecI Warrant sono stati assegnati gratuitamente ai titolari del Green Bond Innovatec SPA, 2% JUL21, EUR ISIN IT0005057770, a seguito delle delibere favorevoli dell'assemblea degli obbligazionisti tenutasi in data 8 maggio 2018 e dell'assemblea degli azionisti dell'Emittente tenutasi in data 29 giugno 2018, nell'ambito dell'aumento di capitale della Società riservato agli obbligazionisti per massimi n. 65.618.000 nuove azioni tramite conversione di parte del Prestito originario.

giovedì 19 luglio 2018

Finlogic compra azienda di automazione magazzino

Finlogic acquisisce il 51% di Irideitalia srl, società specializzata nell’organizzazione dell'ufficio e nell'identificazione automatica del magazzino attraverso codici a barre e sistemi in radiofrequenza .

Nel 2017, Irideitalia ha realizzato un fatturato di circa 3 milioni di euro e un Ebitda di Euro 371 mila.

Il costo dell’operazione è di 0,550 milioni di Euro:
  • 0,400 milioni di euro al closing,
  • 0,100 milioni dopo l'ok al bilancio 2018, se rispettato il target dell’Ebitda,
  • 0,050 milioni dopo l’ok al bilancio 2019 se rispettato il target dell’Ebitda.
“Siamo veramente soddisfatti di questa ulteriore acquisizione che, oltre a portare un contributo significativo sul nostro fatturato consolidato, rispetta e conferma quanto annunciato al mercato in fase di IPO sulla crescita per linee esterne – spiega Dino Natale, Amministratore Delegato di Finlogic -, validando la nostra strategia di sviluppo orientata alla creazione di valore. 

Irideitalia, specializzata nell’offerta di soluzioni di identificazione automatica anche tramite RFid, molto radicata nel territorio toscano e nel settore del fashion, porta un notevole vantaggio competitivo in termini commerciali al nostro Gruppo e fortifica la presenza territoriale nelle regioni del centro Italia”.

SITI-B&T Group: pubblicato nuovo studio societario

Corporate Family Office SIM ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento sulla società SITI-B&T Group (formato pdf).

CFO SIM conferma le previsioni di bilancio per gli anni 2018-2020, il rating BUY e il target price di 11,50 €.

Spaxs: al via le procedure di fusione con Banca Interprovinciale

Il Consiglio di Amministrazione di Spaxs S.p.A. ha approvato la proposta di Business Combination con Banca Interprovinciale S.p.A.

La proposta verrà sottoposta agli azionisti Spaxs nella prossima assemblea dei soci, convocata per l'8 di agosto.

La Business Combination ha per oggetto l'acquisto di circa il 99,3% del capitale sociale di Banca Interprovinciale, istituto bancario attivo dal 2009 nel segmento delle PMI con un totale attivo di circa 1 miliardo di euro e un patrimonio netto di circa 60 milioni di euro.

La fusione avverrà in parte per contanti (circa 44,7 milioni di euro per l'acquisto di circa il 79,9% del capitale sociale) e in parte mediante conferimento in Spaxs di azioni della Banca (pari a circa il 19,4% del capitale sociale).

L'operazione è soggetta ad autorizzazione da parte della Banca Centrale Europea, il relativo procedimento amministrativo è ancora in corso.

La fusione con Banca Interprovinciale è finalizzata alla creazione di un modello di banca innovativa e specializzata.

La banca si rivolgerà al segmento delle PMI italiane con buone prospettive industriali, anche se di rating non elevato o senza rating, cui offrirà servizi di invoice e crossover lending.

Offrirà inoltre servizi di turnaround, acquistando e gestendo crediti verso imprese già classificati come deteriorati ma con prospettive di ritorno in bonis, combinando soluzioni di debito con adeguata attività di advisory.

La banca sarà anche attiva nell'acquisito e gestione di crediti NPL focalizzandosi principalmente su portafogli corporate, garantiti e non garantiti.

Infine, offrirà una serie di servizi di digital banking attraverso una piattaforma supportata da tecnologie innovative.

Il CDA ha deliberato, ai fini dell'esecuzione dell'operazione, l'aumento di capitale della società a pagamento, per Euro 10.858.408,00 euro (incluso sovrapprezzo), mediante emissione di massime 987.128 nuove azioni Spaxs a un prezzo di 11,00 euro per azione, riservato ad azionisti di Banca Interprovinciale e quindi senza spettanza del diritto di opzione, da liberarsi mediante conferimento di massime 8.411 azioni della Banca (pari a circa il 19,4% del capitale sociale).

Il CDA ha inoltre determinato in euro 10 per azione il valore di recesso delle azioni ordinarie Spaxs spettante, ai sensi di legge, agli eventuali azionisti che non concorrano alla deliberazione di modifica dello statuto sociale ai fini della Business Combination, da cui il diritto di recesso trae origine.

PharmaNutra festeggia il primo anno di AIM Italia

PharmaNutra SPA azienda che opera nel settore dei complementi nutrizionali, festeggia il primo anniversario della quotazione all'AIM Italia, avvenuta il 18 luglio 2017.

Il prezzo dell’azione di PharmaNutra è passato dai 10 euro del giorno della quotazione ai 15,05 euro del 17 luglio 2018, mentre la capitalizzazione dell’azienda è cresciuta di oltre il 48%, passando da 89 mln a 145,7 mln di euro.

Se si prende in esame il periodo gennaio-maggio 2018, rispetto allo stesso intervallo di tempo del 2017, in Italia le vendite sono aumentate del 20%, mentre a livello internazionale l’incremento è stato pari al 48%. 

Il Presidente di Pharmanutra, Andrea Lacorte, ha commentato: 

“Il bilancio di questi 12 mesi in Borsa è molto positivo: l’andamento del titolo, da inizio anno ad oggi, ha evidenziato un incremento molto superiore rispetto agli indici FTSE AIM e FTSE MIB, a conferma dell’apprezzamento da parte del mercato di quanto finora realizzato. 

Fondata e guidata dal Presidente Andrea Lacorte e dal Vice Presidente Roberto Lacorte, PharmaNutra è un'azienda nata nel 2003 che sviluppa complementi nutrizionali e dispositivi nutrizionali, curando l’intero processo produttivo, dalle materie prime proprietarie al prodotto finito. 

In Italia, l’attività di vendita è svolta attraverso una rete di 180 Informatori medico scientifici. 

La vendita all'estero è garantita in oltre 70 Paesi attraverso 35 aziende partner.

Bomi Italia: acquisizione per 2,9 mln di euro

Bomi Italia S.p.A. operante nel settore della logistica biomedicale e della gestione di prodotti ad alta tecnologia per la tutela della salute ha proceduto oggi all’acquisizione del 100% del capitale sociale di “Farma Logistica S.r.l.”,  società attiva nel settore della logistica e trasporti per il settore healthcare nell’area Centro-Sud Italia sita a Somma Vesuviana (Napoli).

L'operazione si è conclusa per un corrispettivo pari a Euro 2.900.000, oltre ad una componente in earn-out (fino a massimi ulteriori Euro 1.100.000) legata al raggiungimento di alcuni parametri di performance da calcolare entro il 18 luglio 2021.

Questa acquisizione permetterà al Gruppo Bomi di creare interessanti sinergie nella propria rete di servizio di trasporto e ulteriori possibilità di cross-selling, ed è in linea alla propria strategia di consolidamento in Europa.

Nel 2017 Farma Logistica ha realizzato un fatturato pari a circa Euro 5,3 milioni con un Ebitda Adjusted (secondo i principi di Gruppo IAS) pari a circa Euro 0,8 milioni ed una Posizione Finanziaria Netta (secondo i principi di Gruppo IAS) pari a circa Euro 0,4 milioni.

mercoledì 18 luglio 2018

Go internet: proroga fino al 2029 dei diritti d'uso frequenze

La società italiana, attiva nel settore dell’Internet Mobile, ha ottenuto dal ministero dello Sviluppo Economico una proroga dei diritti d’uso delle frequenze BWA in banda 3.5 GHz fino al 31 dicembre 2029.

La proroga, che potrà essere concessa subordinatamente al rispetto delle condizioni stabilite nel rispetto delle condizioni prescritte dall’Agcom, consentirà a Go internet di continuare ad esercitare i diritti d’uso della banda 3.5 GHz nelle regioni Marche ed Emilia Romagna, favorendo la transizione verso le nuove tecnologie 5G.

Notorious: commessa di 5 mln di euro per la produzione esecutiva di un nuovo film

Notorious Pictures ha sottoscritto un accordo con il produttore spagnolo Milburn A.I.E. per la produzione esecutiva internazionale del film "Across the river into the trees", tratto dal romanzo di Ernest Hemingway.

Notorious Pictures assume l'incarico per la realizzazione delle riprese del film che si svolgeranno in Italia a Venezia e che inizieranno entro l'estate.

Con la regia di Martin Campbell (Casino Royale, Lanterna verde, La leggenda di Zorro) il film drammatico vanta nel cast attori di rilievo internazionale tra cui Cast:

  • Pierce Brosnam, 
  • Maria Valverde, 
  • Giancarlo Giannini, 
  • Laura Morante, 
  • Matilde De Angelis.

Il valore della commessa è pari a 5,133 milioni di Euro.

Il corrispettivo per l'attività esecutiva e di riprese in Italia verrà incassato da Notorious Pictures per circa il 90% nel 2018.

L'attività di produzione esecutiva beneficerà della normativa sul tax credit che si applica alla produzione di film stranieri in Italia.

Guglielmo Marchetti, Presidente e Amministratore Delegato della Società, ha così dichiarato: "Con questo nuovo accordo per la realizzazione esecutiva del film drammatico

Trama: il colonnello USA Cantwell, segnato dagli avvenimenti della Seconda guerra Mondiale per la quale ha combattuto e dalle cagionevoli condizioni di salute, si innamora di una giovane donna di Venezia.

Il rapporto, scandito da momenti di felicità e tristi ricordi di guerra, è minacciato dal poco tempo a disposizione, che scorre inesorabile

Safe Bag; accordo per l’acquisto della greca Care 4 Bag

Safe Bag ha annunciato di aver concluso con gli azionisti di riferimento (Kostas Darivakis, Sotiris Anyfantis e Athanassios Karageorgopoulas) un accordo vincolante per l’acquisto del 60% della Società Care4Bag, principale operatore greco nell’ambito del servizio di protezione bagagli.

La società, presente nei due principali aeroporti greci di Atene e Salonicco, nel 2017 ha registrato ricavi per 1,2 milioni di euro, un Ebitda pari a circa 0,21 milioni di euro ed una posizione finanziaria netta vicina a zero.

L’accordo è subordinato al positivo completamento della due diligence, atteso entro il 17 settembre.

Il controvalore dell’operazione verrà determinato sulla base di un multiplo pari a 3 volte l’Ebitda 2017 adjusted, allo stato ancora soggetto a due diligence, cui si aggiungerà la Posizione Finanziaria Netta attesa al Closing.

martedì 17 luglio 2018

First Capital investe in Intred, la prossima entrata all'AIM Italia

Value First SICAV, del gruppo First Capital, affianca i Soci Fondatori di Intred S.p.A. come Cornerstone Investor nell’IPO Intred.

Nell’ambito dell'accordo, la SICAF ha sottoscritto in fase di collocamento per l’IPO, una quota pari all’8,34% di Intred, con un investimento pari a circa Euro3 milioni, a supporto del piano di crescita dell’azienda, che intende consolidare il proprio posizionamento competitivo sia per via endogena sia, eventualmente, tramite operazioni straordinarie.

Inoltre, la SICAF ha assunto un impegno di lock-up per un periodo compreso tra 12 e 36 mesi sulla partecipazione sottoscritta in IPO.

La data prevista di inizio delle negoziazioni del titolo Intred è il 18 luglio 2018.

Safe Bag: contratto con l'aeroporto di Vladivostok

Safe Bag S.p.A. attiva nei servizi di protezione e rintracciamento bagagli per i passeggeri aeroportuali, comunica che la propria controllata Wrapping Service LLC, acquisita nel corso dell'operazione PackandFly, ha firmato un contratto della durata di 3 anni per la fornitura della propria offerta integrata di servizi per i viaggiatori presso l'Aeroporto Internazionale di Vladivostok, Russia.

L'avvio delle attività è previsto per il prossimo 1° agosto 2018.

Vladivostok è lo scalo più importante dell'estremo oriente russo, con circa 2 milioni di passeggeri nel 2017, in crescita nel 2018 prevalentemente sulle direttrici cinesi, coreana e giapponese.

Cft, in attesa di perfezionare la fusione con la Spac Glenalta, acquista azienda bergamasca

Il perfezionamento dell'operazione, dal valore di 25 milioni di euro, è sospensivamente condizionato all’efficacia della fusione con Glenalta

La Comac di Bonate Sotto passa alla Cft di Parma il 61,72% delle quote. L'operazione si è conclusa nella serata di lunedì 16 luglio. 

L'acquirente è vicina alla quotazione dell'Aim.

La Cft che conta oltre 600 dipendenti e ricavi consolidati pro-forma per circa 200 milioni ha rilevato il 61,72% della Comac di Bonate. Comac conta circa 150 dipendenti, vanta un fatturato di 33,1 milioni, un Ebitda pari a circa 6,1 milioni, un utile netto di circa 3,9 milioni oltre a una posizione finanziaria netta per circa 4,7 milioni. 

Ad acquisizione completata, il consiglio di amministrazione di Comac sarà composto in maggioranza da consiglieri nominati da Cft, mentre le deleghe operative rimarranno in capo ai soci venditori, che saranno tra i componenti – di minoranza – del cda.

L’azienda bergamasca fondata nel 1990 è attiva nella produzione di macchine per la confezione, l’imballaggio e la distribuzione di prodotti alimentari, con un particolare focus sugli impianti di infustamento della birra. 

Si tratta di un’operazione di 25 milioni di euro da corrispondersi al closing (che avverrà nelle prossime settimane), a fronte di una valutazione del valore della società di circa 40,5 milioni.

“Il perfezionamento dell’acquisizione è sospensivamente condizionato all’efficacia della fusione con Glenalta ed è previsto entro il 10 settembre 2018” si legge in una nota della Spac (Special purpose acquisition company) con sede a Milano. 

Una fusione finalizzata alla quotazione di Cft all’Aim Italia, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle Pmi che vogliono investire nella loro crescita.

I soci della Comac – i fratelli Giuseppe e Marco Scudeletti, insieme ai fratelli Giorgio e Fabio Donadoni – detengono l’intero capitale sociale dell’azienda bergamasca.

È prevista un’opzione, per cui fra cinque anni potrà essere ceduto il restante 38,28% del capitale.

SosTravel.com, controllata da Safe Bag, ha depositato oggi la domanda di pre-ammissione alle negoziazioni su Aim Italia

SosTravel.com, controllata da Safe Bag (nei servizi di protezione e rintracciamento bagagli per i passeggeri aeroportuali), ha depositato oggi la domanda di pre-ammissione alle negoziazioni su Aim Italia delle azioni ordinarie e dei warrant SosTravel.com 2018 – 2021.

In una nota la società precisa che il range di prezzo approvato dal consiglio di amministrazione prevede un prezzo minimo di 5,6 euro per azione e un prezzo massimo di 6,6 euro per azione, corrispondenti ad un Equity Value pre-money pari a 28-33 milioni di euro.

L'operazione prevede un aumento di capitale con collocamento privato di azioni ordinarie a cui sono abbinati dei warrant nel rapporto di 1 warrant per 1 azione a tutti coloro che hanno sottoscritto nell’ambito del collocamento privato e prima della data di avvio delle negoziazioni.

Inoltre è prevista anche una bonus share nel rapporto di 1:10 a coloro che sottoscrivono nell’ambito del collocamento privato prima della data di avvio delle negoziazioni e mantengano le azioni per almeno dodici mesi da tale data.

L’Osservatorio AIM Italia di IR Top Consulting il 25 luglio alla Borsa Italiana

IRTop Consulting presenterà le principali evidenze dell'Osservatorio AIM Italia sui risultati economico finanziari, liquidità e governance a Palazzo Mezzanotte (Borsa Italiana) il prossimo 25 luglio a partire dalle ore 11.00.

 Il quadro aggiornato del mercato, i risultati del report e il focus sui benefici della quotazione a seguito del Decreto Attuativo relativo al Credito di imposta sui costi di IPO saranno presentati da Anna Lambiase, CEO&Founder IRTop Consulting. 

Seguiranno gli interventi di:
  • A. Lapalorcia - Dirigente MISE, 
  • B. Lunghi – Head of Primary Markets Borsa Italiana LSEG, 
  • F. Brunori - Direzione Credito e Finanza Confindustria, 
  • F. Carpano – già Tavolo Finanza per la Crescita Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Si terrà inoltre una tavola rotonda sul tema “AIM Società quotate e Investitori istituzionali” in cui interverranno, da un lato i gestori:
  • A. Buragina (Mediolanum Gestione Fondi Sgr), 
  • M. Castagnola (GENERALI Investments), 
  • L. Glarey (AZIMUT Libera Impresa SGR)
e dall’altro le società quotate: 
  • TPS (A. Rosso), 
  • Kolinpharma (R.P. Petrelli), 
  • ICF Group (S. Lustig).
L’Osservatorio AIM Italia di IR Top Consulting è il punto di riferimento per il mercato azionario delle PMI: centro di ricerca, elaborazione e analisi del mercato e delle società AIM, rappresenta il riferimento per la quotazione e per gli investitori istituzionali.

L'Invito è riservato a Investitori, società quotate e quotande e Stampa, con Iscrizione obbligatoria ai fini dell’ingresso: IR Top Consulting - ir@irtop.com – 02 45473884/3

Intred: dopo il collocamento di 11 mln di euro sbarco sull'AIM Italia il 18 luglio

Concluso con successo il collocamento 

Borsa Italiana S.p.A. ha emesso l'Avviso relativo all'ammissione alle negoziazioni delle azioni ordinarie Intred sull’AIM Italia.

La data di inizio delle negoziazioni è prevista il 18 luglio 2018.

Intred è operatore di telecomunicazioni con un’importante presenza in Lombardia orientale, in particolare nella Provincia di Brescia, specializzato nella connettività delle reti in banda ultra-larga, banda larga, wireless, telefonia fissa, servizi cloud e accessori correlati, per clienti Business e Retail. 

Il collocamento di 4.861.000 azioni ordinarie Intred si è concluso con successo, con una domanda per oltre 2,5 volte l’offerta da parte di investitori italiani ed esteri.

La Società ha determinato in Euro 2,27 per azione il prezzo delle azioni ordinarie riservate al mercato e in Euro 2,04 il prezzo delle azioni riservate ai dipendenti e amministratori.

Il controvalore del collocamento, includendo anche le azioni provenienti dall’opzione Greenshoe, è pari a Euro 11.000.660 inclusivo dell’opzione Greenshoe concessa dagli azionisti per un controvalore pari a circa Euro 1 milione (al prezzo di collocamento).

lunedì 16 luglio 2018

MailUp, nuovo finanziamento da € 5,1 mln

MailUp, attiva nel campo delle Marketing Technologies, comunica che si è conclusa con successo la procedura di istruttoria per l'attribuzione di un finanziamento di Euro 5,1 mln, concernente un progetto di ricerca e sviluppo denominato "NIMP – New Innovative Multilateral Platform", da realizzarsi nel prossimo triennio con la partecipazione, tra gli altri, del Politecnico di Milano come partner scientifico.

Il progetto rientra nell'intervento dell'"Agenda Digitale" ed in particolare nell'ambito delle "Tecnologie per l'innovazione dell'industria creativa, dei contenuti e dei media sociali". 

Esso permetterà alla Società di migliorare il proprio posizionamento competitivo nell'area del marketing relazionale orientato alla multicanalità e alla collaborazione.

Gli investimenti previsti permetteranno di realizzare nuovi servizi e funzionalità integrati con la piattaforma MailUp, quali personalizzazione dei contenuti in tempo reale, automazione e multicanalità (SMS, email, social, chat, etc), con l'obiettivo di rendere disponibili ai clienti strategie di customer loyalty attraverso l'engagement dei consumatori. 

Il finanziamento include:
  • Una linea a tasso agevolato di Euro 3,5 mln da Cassa Depositi e Prestiti.
  • Una linea a tasso di mercato da erogarsi dalla Banca Popolare dell'Emilia Romagna di Euro 0,4 mln.
Entrambe hanno la durata di cinque anni più tre di pre-ammortamento.
  • Un finanziamento a fondo perduto di Euro 1,3 mln.
I fondi, a valere su investimenti e costi sostenuti nel triennio dal 1 marzo 2018 al 28 febbraio 2021, saranno erogati a consuntivo a fronte della rendicontazione delle spese effettivamente sostenute, subordinatamente alle usuali garanzie nonché all'adozione delle necessarie delibere.

Elettra Investimenti: contratto di 12 anni con Nuovo Pignone

Elettra Investimenti S.p.A., società quotata all'AIM Italia,  tramite la controllata Alea Energia S.p.A., ha firmato un contratto con Nuovo Pignone S.r.l..

La Nuovo Pignone appartiene al gruppo Baker Hughes, a GE company (BHGE), primo operatore fullstream al mondo nel settore dell'oil & gas in grado di offrire congiuntamente attrezzature all'avanguardia, servizi e soluzioni digitali per l'intera catena del valore del petrolio e del gas.

Il contratto della durata di 12 anni con possibilità di rinnovo alla scadenza, prevede:

  • L'acquisto e la gestione da parte di Alea Energia S.p.A. della esistente centrale di cogenerazione da 7,1 MWe di proprietà di Nuovo Pignone S.r.l..
  • La realizzazione, mediante l'ammodernamento della centrale esistente, di un nuovo impianto per la produzione combinata di energia elettrica e termica costituito da una turbina a gas naturale da 5,3 MW e da una turbina a vapore da 1,8 MW con recupero di calore e 
  • La fornitura da parte di Alea Energia a Nuovo Pignone dei vettori energetici e termici di processo per i propri fabbisogni per tutta la durata contrattuale. La realizzazione del nuovo impianto inizierà non appena ottenute le autorizzazioni previste.

La gestione della centrale sarà svolta da Alea Energia S.p.A. generando importanti sinergie con le altre società del gruppo.

Le risorse finanziarie necessarie per l'investimento complessivo ammontano a circa 6,0 milioni di euro e provengono da disponibilità di cassa di Elettra Investimenti per il 30% e per il restante 70% dal ricorso al finanziamento bancario.

Questa operazione consolida ed incrementa il portafoglio ordini del gruppo Elettra che raggiunge così i 300 milioni di euro al 2030.

Dal punto di vista strategico la collaborazione di Elettra Investimenti con BHGE permette inoltre di gettare le basi per nuovi e importanti progetti futuri connessi al risparmio energetico, utilizzando turbine prodotte da BHGE.

Nuovo polo produttivo della Bio-on, ok i primi test tecnici

La produzione a pieno regime dall'autunno. 
Già nell 2018 verranno prodotte 150 tonnellate di micro polveri in bioplastica speciale PHAs destinate a nicchie merceologiche ad alto valore aggiunto del settore cosmetico

Bio-on, attiva nel settore della bioplastica di alta qualità e quotata all'AIM Italia, ha completato con successo la prima fase di test sugli impianti del nuovo polo produttivo inaugurato il 20 giugno 2018 a Castel San Pietro Terme vicino a Bologna.

Si tratta della prima fabbrica di proprietà progettata per produrre bioplastiche speciali PHAs, naturali e biodegradabili al 100%, per nicchie merceologiche avanzate ad alto valore aggiunto come le microscopiche perline (microbeads) destinate al settore cosmetico.

L'investimento complessivo per il polo produttivo e per i nuovi laboratori di ricerca è di 20 milioni di euro.

"Siamo estremamente soddisfatti e vogliamo ringraziare le 50 aziende che hanno permesso la costruzione di questa fabbrica che rappresenta un'eccellenza del Made in Italy e l'inizio di una nuova era per la chimica verde mondiale", ha sottolineato Marco Astorri, presidente e Ceo di Bio-on .

Nei giorni scorsi la società ha portato a termine il 100% dei Factory Acceptance Test (FAT) che consistono in una serie di verifiche effettuate assieme ai fornitori sulle macchine, sia a livello meccanico che software.

Parallelamente da inizio giugno è in corso un'altra importante fase di test conosciuta come Site Acceptance Test (SAT) per poi passare dopo l'estate alla fase di Pre-Commissioning/Commissioning, un insieme di procedure per far funzionare l'impianto in continuo in conformità con i tempi del progetto.

Finora tutti i test hanno dato esito positivo e sono stati effettuati nei tempi previsti.

"Come annunciato il 20 giugno durante l'inaugurazione prevediamo di andare definitivamente a regime entro l'autunno", ha spiegato Riccardo Casoni, direttore di Bio-on Plants, la divisione di Bio-on che si occupa dell'unità produttiva, "e di essere in grado di produrre e commercializzare già nel 2018 un quantitativo di micro polveri PHAs di circa 150 tonnellate".

Il nuovo polo produttivo ha una capacità produttiva di 1.000 tonnellate l'anno che è possibile raddoppiare velocemente.

Sono oltre 40 i fornitori e 10 le aziende che hanno lavorato nel cantiere per realizzare il più moderno polo produttivo al mondo per la produzione di bioplastica.

Il primo prodotto che uscirà dall'impianto di Castel San Pietro Terme sarà Minerv Bio Cosmetics, le micro perline in bioplastica destinate all'industria cosmetica per sostituire le attuali particelle di plastica derivate dal petrolio, inquinanti e non biodegradabili.

Queste microscopiche perline (microbeads), che vengono utilizzate come addensanti o stabilizzanti nei prodotti più comuni come rossetti, lucidalabbra, mascara, eyeliner, smalti, creme, shampoo, bagnoschiuma e pure nei dentifrici, inquinano l'ambiente perché una volta disciolte in acqua, dopo il normale risciacquo, entrano per sempre nel ciclo naturale: il plancton di mari e fiumi inghiotte queste particelle plastiche introducendole nella catena alimentare.

Un inquinamento così grave che gli Usa per primi hanno deciso di vietare per legge (Microbead-Free Waters Act of 2015) l'utilizzo di polimeri ottenuti dal petrolio nei prodotti per la cura del corpo.

Una decisione seguita recentemente da altri Paesi come Canada, Inghilterra, Svezia e Francia, o annunciata come in Irlanda, Olanda, Italia e altri.

L'uso, nei prodotti cosmetici, della bioplastica Minerv Bio Cosmetics elimina questi inquinanti perché le micro particelle di bioplastica sono naturalmente biodegradabili in acqua e dunque non entrano nella catena alimentare.

Non solo, il biopolimero sviluppato nei laboratori di Bio-on costituisce, in fase di decomposizione, un nutriente per alcuni microrganismi e vegetali presenti in natura.

Quindi il beneficio per l'ambiente è doppio.

Tutte le bioplastiche Minerv PHAs (poli-idrossi-alcanoati) sviluppate da Bio-on sono ottenute da fonti vegetali rinnovabili senza alcuna competizione con le filiere alimentari, garantiscono le medesime proprietà termo-meccaniche delle plastiche tradizionali col vantaggio di essere completamente ecosostenibili e al 100% biodegradabili in modo naturale.

domenica 15 luglio 2018

I 4 fattori che stanno favorendo lo sviluppo dell'AIM Italia

Piani individuali di risparmio
I PIR, inseriti nella legge di Bilancio 2017, hanno superato ogni attesa da parte del Governo in termini di raccolta, con quasi 11 Miliardi di Euro rispetto ad una stima iniziale da parte del Governo pari a 1,8 miliardi di Euro.

I PIR, inoltre, hanno consentito il lancio di nuovi fondi.

Attualmente ci sono 64 Fondi PIR Compliant:
  • Nuova istituzione: 40
  • Pre-esistenti: 24
La raccolta netta nel 2017 è stata di 10,9 miliardi di Euro (di cui 7,9 miliardi da nuovi fondi e 3,0 miliardi da fondi pre-esistenti), così suddivisa:
  • Bilanciati: € 6,0 miliardi 
  • Flessibili: € 2,6 miliardi 
  • Azionari: € 2,3 miliardi 
  • Obbligazionari: € 0,07 miliardi 
Totale patrimonio gestito: € 16 miliardi

Credito d'imposta per le spese di quotazione
La Legge di Bilancio 2018 ha approvato la concessione di un credito di imposta del 50% dei costi di consulenza legati alla quotazione in Borsa delle PMI.

Il credito copre i costi di consulenza sostenuti dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 finalizzati alla procedura di ammissione su un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione, cioè all'AIM Italia.

Il limite massimo di 500.000 Euro è più che sufficiente per coprire tutti i costi connessi alla quotazione sull'AIM Italia.

All'ammissione la società deve avere un minimo di 5 investitori istituzionali
Questa modifica al Regolamento Aim Italia porta tre vantaggi: 
  • Un vaglio informale della qualità della società ammessa alla negoziazione da parte di investitori professionali.
  • Un prezzo di collocamento ragionevole.
  • Un mercato del titolo più liquido e stabile.

Obbligo di copertura da parte di analisti finanziari
Attualmente quasi il 40% delle società quotate all'AIM Italia non ha nessun analista finanziario che la segua.

Si contano sulle dita di una mano quelle con due o più analisti.

Questa modifica al Regolamento Aim Italia riconosce formalmente che la presenza di una copertura di ricerca è il presupposto per una corretta formazione del prezzo, basato su una valutazione fondamentale.

[Redazione "Aim Italia News"]

Valutazione Fondamentale mercato AIM ITALIA

Rendimento Implicito: 9,82%

Analisi: fondamentale
Orizzonte temporale: medio/lungo periodo
Parametro: mediana
Stima: campionaria
Calcolo: al lordo di imposte e inflazione
Aggiornamento: 13 Luglio 2018
Indice di riferimento: FTSE AIM Italia, 9.574,59
Fonte: elaborazione "Aim Italia News"

N.B. Il rendimento implicito è il tasso che eguaglia il flusso futuro atteso di utili e dividendi all'attuale prezzo di mercato e non corrisponde al rendimento atteso né al rendimento richiesto.

Aim Italia News inizia oggi l'attivazione del servizio di valutazione fondamentale delle imprese quotate all'AIM Italia.

Verrà pubblicato, con una cadenza iniziale mensile, il rendimento implicito (mediano) di un sotto-campione delle azioni incluse nell'Indice FTSE AIM Italia.

Sono escluse dal calcolo:
  • Imprese non coperte da analisti finanziari.
  • Imprese coperte da analisti finanziari, ma con ricerche non aggiornate.
  • Imprese coperte da analisti finanziari, ma con valutazione patrimoniale e non reddituale o di flusso di cassa.