www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 2.600 articoli pubblicati

sabato 28 luglio 2018

Acceleratori ed incubatori a supporto dello sviluppo - i casi H-Farm e LVenture Group

Pubblicata in rete una interessante tesi riguardante l'AIM ITALIA: Acceleratori ed incubatori a supporto dello sviluppo - i casi H-Farm e LVenture Group.pdf

La ricerca fornisce un’analisi dettagliata sulle modalità di supporto allo sviluppo di acceleratori e incubatori.

È stata condotta facendo riferimento a due casi pratici di accelerazione nel contesto italiano:
  • H-Farm, società fondata nel 2005 con sede a Roncade (Treviso) e quotata presso l’AIM (mercato alternativo del capitale di Borsa Italiana),
  • LVenture Group, società di Venture Capital proprietaria dell’acceleratore LUISS Enlabs con sede a Roma e quotata presso l’MTA di Borsa Italiana. 

Autore: Nicola Giannizzari

venerdì 27 luglio 2018

Leone Film: pubblicato nuovo studio societario

Studio KT&Partner su Leone Film Group
KT&Partner ha pubblicato un nuovo studio societario di aggiornamento della società Leone Film Group (7 pagine, formato pdf).

KT&Partner non assegna alcun rating al titolo.

Il Fair Value del titolo scende a 6,31 euro, dalla precedente stima di 6,54 euro.

✅ Leone Film Group 
✔ Prezzo 4,84 € 
✔ Fair Value 5,00 € 
✔ Rendimento implicito 10,5% 
✔ Rating A - VALUE 

Nove nuove società si preparano a essere quotate sull'AIM Italia

2 agosto 2018
1. Vimi Fasteners
Azienda di Reggio Emilia attiva nel settore dei sistemi di fissaggio.

Entro l'estate
2. Sciuker Frames
L'azienda è attiva nella progettazione e produzione di infissi in legno alluminio e legno vetro strutturale.
E' attualmente impegnata nel roadshow rivolto a investitori qualificati, italiani e esteri, e retail.
La forchetta del prezzo delle azioni è stata fissata tra 1,50 euro e 1,80 euro.
Il collocamento avverrá integralmente in aumento di capitale

Entro l'estate
3. TheSpac
E' partito il collocamento da 50 mln euro, riservato a investitori istituzionali, della nuova spac promossa dagli imprenditori Marco Galateri di Genola e Vitaliano Borromeo con l'avvocato Giovanni Lega.

4. EdiliziAcrobatica
Il gruppo, fondato nel 1994 a Genova da Riccardo Iovino, è specializzato in lavori di edilizia in doppia fune di sicurezza, quali manutenzioni e ristrutturazioni di edifici residenziali, pubblici, aziendali e religiosi.

5. Fatto Quotidiano
La societá Editoriale Il Fatto è media content provider, editrice de "Il Fatto Quotidiano" e di diversi prodotti editoriali e multimediali.

6. Ramponi Stones and Strass
Strass, borchie e pietre in cristallo sintetico per il settore moda.

7. Spefin
Societá specializzata nell'acquisto di crediti performing e specialty finance nell'erogazione di contratti di finanziamento contro cessione del quinto dello stipendio.

8. UCapital24
Ha l’obiettivo di sviluppare un social network economico e finanziario, integrato con le più importanti piattaforme social media.
E' partecipata al 25% da Vetrya.
E' previsto Ipo da 5 mln di euro, con il supporto di Ambromobiliare.

Nel 2019
9. Acqua Group
Gruppo specializzato nella consulenza e nella comunicazione integrata omni-channel.

Fonte: MF-Dowjones

Vimi Fasteners: acquisizione pre quotazione

Vimi Fasteners prepara il debutto su Aim Italia, previsto per giovedì 2 agosto, con una acquisizione.

La società ha perfezionato l’acquisizione del 100% di MF Inox, controllata dalla famiglia Meroni.

MF Inox, che ha sede a Como, progetta e produce sistemi di fissaggio speciali destinati principalmente ad impianti e applicazioni industriali nei settori del Oil&Gas, Energy e nelle grandi opere infrastrutturali.

Con 20 addetti, l’azienda ha conseguito ricavi pari a 6,4 milioni di euro nell'esercizio 2017.

Vimi Fasteners con l’acquisizione del 100% di MF INOX e per effetto del suo consolidamento pro-forma, nel 2017 ha realizzato un fatturato di gruppo di 48,7 milioni di euro, con un Ebitda pari a 8,0 milioni di euro.

Fabio Storchi, presidente di Vimi Fasteners
Fabio Storchi, presidente di Vimi Fasteners
Da oltre 50 anni Vimi Fasteners opra nel settore dei fastener industriali, componenti che costituiscono una minima parte del costo del prodotto finale ma che sono indispensabili per la sua realizzazione.

Il mercato è frammentato e caratterizzato dalla necessità di un elevato know how a livello tecnico. 

Nel 2016 registrava un valore di 84,9 miliardi di dollari che entro il 2022 è atteso raggiungere i 116,5 miliardi di dollari con un tasso di crescita annuo 2016-2022 del 5,4 per cento. 

La domanda sarà trainata in particolar modo dai settori aerospaziale, oil & gas, costruzioni e automobilistico. 

Quest’ultimo è il principale mercato di sbocco per Vimi Fasteners (circa il 52% del fatturato pro-forma nel 2017, di cui il 7% legato ai veicoli commerciali), che può vantare tra i propri clienti Honeywell, Ferrari e Maserati.

Glenalta: nuove azioni di prossima e futura emissione

Dalla documentazione disponibile riassumiamo la situazione delle azioni ordinarie Glenalta a seguito della fusione con Cft.

Azioni ordinarie pre-fusione (numero)
9.800.000

Alla fusione
+ 5.826.361 emesse agli azionisti di Cft
+ 399.996 derivanti dalla conversione gratuita di n. 66.666 azioni speciali
=16.026.357 Totale azioni ordinarie dopo fusione

48 mesi dopo fusione
+ 3.000.000 possibile conversione delle azioni a voto plurimo (x 3) emesse agli azionisti Cft
=19.026.357 Totale azioni ordinarie, non condizionate da eventi

Azioni emettibili, condizionate da eventi futuri

Azioni speciali rimanenti

Seconda tranche:

+ 400.002 derivanti dalla conversione gratuita di n. 66.667 azioni speciali (x 6) se, entro 48 mesi dalla fusione e per almeno 15 (quindici) giorni su 30 (trenta) giorni di borsa aperta consecutivi, il prezzo supera gli 11 euro.

in alternativa

+ 66.667 derivanti dalla conversione gratuita di n. 66.667 azioni speciali (1 x 1), al 48° mese se non si verifica l'evento.

Terza tranche:

+ 400.002 derivanti dalla conversione gratuita di n. 66.667 azioni speciali (x 6) se, entro 48 mesi dalla fusione e per almeno 15 (quindici) giorni su 30 (trenta) giorni di borsa aperta consecutivi, il prezzo supera i 12 euro.

in alternativa

+ 66.667 derivanti dalla conversione gratuita di n. 66.667 azioni speciali (1 x 1), al 48° mese se non si verifica l'evento.

Warrant

+4.739.580 derivante dall'utilizzo, da parte dei possessori dei 4.739.580 warrant in circolazione, del diritto di sottoscrivere nuove azioni al prezzo di 0,10 euro l'una.
Il diritto può venire esercitato in qualsiasi momento, la sua scadenza massima varia in base ai seguenti scenari:

Scenario A

Il prezzo medio dell'azione, in un mese di calendario, supera i 9,50 euro.
Entro 60 giorni si può utilizzare il warrant.

Scenario B

Il prezzo medio dell'azione, in un mese di calendario, supera i 13,30 euro.
Entro 60 giorni si può utilizzare il warrant.

Scenario C
Se i due scenari precedenti non si sono avverati, entro il 31 luglio 2023.

Azioni premianti

Al fine di incentivare l'attuale management nel processo di crescita, sia per linee interne ma soprattutto per linee esterne, sono state previste delle azioni premianti, sotto forma di stock granting, legate al raggiungimento di determinati obiettivi di redditività e di corso azionario.

24.565.941
Numero massimo di azioni emesse ed emettibili, escluse le azioni premianti.

[Redazione Aim Italia News]

✅ Glenalta 
✔ Prezzo 9.66 € 
✔ Fair Value 8,41 € 
✔ Rendimento implicito 6.6% 
✔ Rating C - SPECULATIVO 

In porto la fusione Glenalta Cft

Glenalta S.p.A. ha iscritto oggi, presso il Registro delle Imprese di Milano, l’atto di fusione per incorporazione di CFT S.p.A.

La Fusione acquisterà efficacia il prossimo 30 luglio 2018, gli effetti contabili e fiscali saranno imputati al bilancio della Società a partire dal 1° gennaio 2018.

Il progetto di fusione relativo alla Fusione è stato approvato dall'Assemblea Straordinaria di Glenalta del 19 aprile ai termini e condizioni previsti dall'accordo sottoscritto e comunicato al mercato in data 27 febbraio 2018.

Il 21 marzo 2018 Glenalta ha pubblicato il Documento Informativo relativo alla Fusione, costituendo la stessa un’operazione di reverse take-over ai sensi dell’art. 14 del “Regolamento Emittenti AIM di Borsa Italiana”.

La Fusione verrà realizzata mediante un aumento di capitale di Glenalta, a servizio della stessa, per Euro 86.500.000.

Roberto Catelli, presidente e Alessandro Merusi, ceo di Cft
Roberto Catelli, presidente e
Alessandro Merusi, ceo di Cft
Verranno emesse agli azionisti di CFT 8.826.361 nuove azioni.

3.000.000 saranno azioni a voto plurimo, prive di indicazione del valore nominale e che non saranno negoziate sull’AIM Italia.

5.826.361 saranno azioni ordinarie, prive di indicazione del valore nominale, godimento regolare, e aventi le medesime caratteristiche di quelle già ammesse alle negoziazioni sull’AIM Italia.

Il rapporto di cambio è di 16 azioni di CFT ogni 21 azioni di Glenalta di nuova emissione.

Gli attuali azionisti di CFT, alla luce dei recessi esercitati dagli azionisti di Glenalta in relazione alla Fusione e delle azioni a voto plurimo che verranno a detenere, avranno circa il 62,40% dei diritti di voto complessivi della Società.

Il capitale sociale della Società sarà pari a nominali Euro 98.300.000, suddiviso in:
  • 15.626.361 azioni ordinarie quotate sull'AIM Italia, 
  • 3.000.000 azioni a voto plurimo,
  • 200.000 azioni speciali. 
Gli attuali azionisti di CFT deterranno complessivamente una partecipazione nel capitale sociale ordinario della Società pari al 37,29% circa, e pari al 46,88% circa del capitale sociale complessivo e una percentuale dei diritti di voto pari al 62,40% circa.

Le azioni assegnate agli azionisti di CFT saranno soggette ad impegni di lock-up che disciplinano l'intrasferibilità di tali azioni, per un periodo pari a 36 mesi per le azioni ordinarie e 48 mesi per le azioni a voto plurimo. 

In caso di trasferimento delle azioni a voto plurimo successivamente al predetto termine di 48 mesi, le medesime si convertano automaticamente in azioni ordinarie, con un rapporto di conversione 1:1. 

La Società assumerà la denominazione di “CFT S.p.A.

N. 3 warrant saranno assegnati gratuitamente ogni n. 10 azioni ordinarie Glenalta.

Pertanto il numero complessivo di warrant in circolazione sarà pari a massimo n. 4.739.580.

La Fusione non inciderà sulle caratteristiche dei warrant della Società, che verranno ridenominati “Warrant CFT S.p.A.”.

I “Warrant CFT S.p.A.” potranno essere esercitati a partire dal 5 settembre 2018 e scadranno alla prima tra le seguenti date: (i) il 31 luglio 2023), e (ii) il 60° giorno successivo alla Comunicazione di Accelerazione (come definita nel Regolamento).

Per effetto della Fusione, n. 66.666 azioni speciali (pari ad 1/3 delle azioni speciali della Società) si convertiranno in azioni ordinarie l’8 agosto 2018, nel rapporto di n. 6 azioni ordinarie ogni n. 1 azione speciale detenuta e senza modifica alcuna dell’entità del capitale sociale.

Il capitale sociale della Società, di nominali Euro 98.300.000, successivamente alla conversione parziale delle azioni speciali, sarà suddiviso in:
  • 16.026.357 azioni ordinarie quotate sull'AIM Italia, 
  • 3.000.000 azioni a voto plurimo,
  • 133.334 azioni speciali. 

✅ Glenalta 
✔ Prezzo 9.66 € 
✔ Fair Value 8,41 € 
✔ Rendimento implicito 6.6% 
✔ Rating C - SPECULATIVO 

giovedì 26 luglio 2018

PharmaNutra: ricavi primo semestre 2018 in crescita del 20%

PharmaNutra S.p.A., azienda che opera nel settore dei complementi nutrizionali di ferro, comunica l’anticipazione dei ricavi consolidati preliminari del primo semestre 2018, non sottoposti a revisione legale.

Nel primo semestre 2018, il Gruppo PharmaNutra ha registrato ricavi consolidati pari a 22,1 milioni di Euro, in crescita di circa il 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I risultati complessivi saranno diffusi a seguito del Consiglio di Amministrazione chiamato all'approvazione della relazione finanziaria semestrale in data 25 settembre 2018. 

✅ PharmaNutra 
✔ Prezzo 15,15 € 
✔ Fair Value 15,2 € 
✔ Rendimento implicito 10,2% 
✔ Rating B - GROWTH 

GPI si aggiudica il call center regionale del Lazio

GPI ha vinto l'appalto per la fornitura di software e servizi per la gestione dei Call/Contact Center dell'intera Regione Lazio e degli sportelli di 13 Aziende Sanitarie e Ospedaliere.

Il valore complessivo a base d'asta è pari a 71,5 mln di euro.

La durata del contratto è di 36 mesi, 24 contrattuali e 12 opzionali di rinnovo.

La gara prevede la prestazione di servizi specialistici di varia natura:

  • l'approntamento di adeguate infrastrutture logistiche e tecnologiche, 
  • la fornitura di prodotti Software per la piena e corretta esecuzione dell'appalto, 
  • il coordinamento tecnico e organizzativo dei servizi Call/Contact Center, 
  • la gestione dei servizi di back office e front office degli sportelli delle Aziende Sanitarie. 

A corredo i relativi servizi di assistenza e manutenzione.

Fausto Manzana – Presidente e AD del Gruppo GPI "L'aggiudicazione di questa gara rafforza la nostra presenza nel mercato dei servizi amministrativi per la Sanità.

Al bacino di utenza che già oggi usufruisce dei nostri servizi, parliamo di oltre 23 milioni di cittadini italiani, oggi si aggiungono altri 6 milioni di utenti.

Le competenze che il Gruppo ha maturato sul campo negli anni trovano un altro significativo riconoscimento".

mercoledì 25 luglio 2018

I principali investitori istituzionali sull'AIM Italia

Investitore,
Veicolo,
Importo in mln di euro,
Numero partecipazioni.

1. Banca Mediolanum Spa
Mediolanum Gestione Fondi Sgr Spa
102,4 mln di euro
53 partecipazioni

2. Julius Bar Gruppe Ag
Kairos Partners Sgr Spa
71,7 mln di euro
25 partecipazioni

3. MOMentum Alternative Investments Sa
54,1 mln di euro
20 partecipazioni

4. Arca Holding Spa
Arca Fondi Sgr Spa
40,6 mln di euro
25 partecipazioni

5. Anima Holding Spa 
37 mln di euro (Anima Sgr Spa 35 - Aletti Gestielle Sgr Spa 2)
18 partecipazioni (Anima Sgr Spa 17 - Aletti Gestielle Sgr Spa 4)

6. Azimut Holding Spa
35,9 mln di euro
(Azimut Capital Management Sgr Spa 31,7 - Az Swiss & Partners Sa 3,2 - Compagnie de Gestion Privee Monegasque Sam 1,1)
30 partecipazioni
(Azimut Capital Management Sgr Spa 25 - Az Swiss & Partners Sa 5 - Compagnie de Gestion Privee Monegasque Sam 7)

7. Carthesio Holding Sa
Carthesio Sa
27,8 mln di euro
17 partecipazioni

8. Nextam Partners Sgr Spa
25,4 mln di euro
(Nextam Partners Sgr Spa 25 - Nextam Partners Ltd 0)
14 partecipazioni
(Nextam Partners Sgr Spa 13 - Nextam Partners Ltd 1)

9. Government of Norway
Norges Bank Investment Management
23,2 mln di euro
6 partecipazioni

N.B. Spac non incluse.
Fonte: Elaborazioni IR Top Consulting su dati Factset, società e Borsa Italiana, giugno 2018

SosTravel.com presenta domanda di ammissione all'AIM Italia

SosTravel.comSosTravel.com, società  controllata da Safe Bag e attiva nei servizi di assistenza al viaggiatore, ha depositato la domanda di ammissione alle negoziazioni all'AIM Italia delle azioni ordinarie e dei warrant SosTravel.com S.p.A. 2018-2021.

Il prezzo delle azioni offerte in sottoscrizione è stato fissato a 5,6 euro, corrispondenti ad un Equity Value pre-money pari a 28 milioni di euro.

La data di inizio delle negoziazioni è prevista per il 1° agosto 2018.

L'operazione prevede un aumento di capitale con collocamento privato di azioni ordinarie, abbinate ad un warrant per ogni azione sottoscritta.

E' prevista anche una bonus share nel rapporto di 1:10 agli azionisti che sottoscrivono nell'ambito del collocamento e mantengano le azioni per almeno dodici mesi da tale data.

Safe Bag ha annunciato che il Presidente del Cda, Rudolph Gentile, ha rimesso le deleghe operative per dedicarsi allo sviluppo della controllata SosTravel.com, dove ricopre l’incarico di Presidente e Amministratore delegato.

“Ho deciso di dedicarmi a pieno alla crescita di SosTravel.com, ormai alle battute finali nel processo di quotazione su AIM Italia”, ha detto Gentile.

Notorious Pictures: nuova co-produzione con Elio Film e Rai Cinema

Notorious Pictures avvia una nuova coproduzione con Elio Film e Rai Cinema per un budget complessivo di 2,1 milioni di Euro. 
Notorious Pictures
Notorious Pictures, oltre ad essere produttore associato, ha acquisito i diritti di distribuzione.

Le riprese del film inizieranno il 30 di luglio e la distribuzione nelle sale cinematografiche è prevista nel 1° trimestre 2019.

La regia è di Eros Puglielli, protagonista è Luca Argentero.

Trama

Questa è la storia di Anselmo, un uomo speciale.

Attraverso i suoi occhi la realtà assume i colori delle fiabe, la purezza dei bambini e la forza magica dei supereroi.

Cresciuto senza imparare a diffidare degli altri, nonostante la durezza della vita, riuscirà comunque a mantenere la sua limpida e particolare visione del mondo.

✅ Notorious Pictures 
✔ Prezzo 2,05 € 
✔ Fair Value 1,74 € 
✔ Rendimento implicito 9,7% 
✔ Rating A - VALUE 

Convegno a Milano sull'AIM Italia

Si è tenuto oggi l'Osservatorio AIM Italia, organizzato da IR Top Consulting.

Anna Lambiase, ceo di IR Top Consulting, nel corso dell'incontro tenuto oggi a Milano ha presentato il quadro aggiornato del mercato, i risultati del report e il focus sui benefici della quotazione a seguito del Decreto Attuativo relativo al Credito di imposta sui costi di IPO.

Anna Lambiase, ceo IR Top Consulting
Anna Lambiase, ceo IR Top Consulting
"Quotarsi su AIM è una opzione che vale considerare per le società con una dimensione appropriata che intendono investire nella propria ulteriore crescita".

"Dall’introduzione dei PIR il mercato ha registrato performance positive sia in termini di indice che di liquidità dei titoli".

"Dall’analisi condotta, emergono precise indicazioni sulla policy di investimento AIM in pre-IPO, quali l’orizzonte temporale a medio lungo termine e in genere coincidente con la consegna del primo piano industriale, la crescita storica e attesa come elementi principali di selezione, il livello di flottante come indicatore di liquidità e la qualità della governance".

"Alle società già quotate invece gli investitori chiedono trasparenza, comunicazione finanziaria e analisi indipendente".

IR Top prevede 140 società quotate sull'AIM Italia a fine 2018, trainate anche dalla recente introduzione del Credito d’Imposta per le PMI, che prevede lo sconto del 50% su tutti i costi legati al collocamento.


Profilo delle società quotate all'AIM Italia
Sono 108 le società quotate sull’Aim Italia, al 25 luglio 2018.

Un anno prima erano 83.

La capitalizzazione raggiunge quota 7,7 miliardi di euro.

La raccolta da IPO è pari a 3,5 miliardi di euro, che sommata a quella da mercato secondario (pari a 558 milioni di euro), è complessivamente pari a 4,0 miliardi di euro.

Il giro d’affari 2017 è pari a 4,3 miliardi di euro (3,9 miliardi nel 2016: i ricavi 2017 delle società registrano un incremento medio dell’11% rispetto al 2016, mentre l’EBITDA registra una crescita media del 28 per cento).

Le società AIM impiegano oltre 20.000 dipendenti con una crescita, in media, pari al 12% rispetto al 2016.

L’identikit della società quotata presenta i seguenti dati medi:
  • ricavi 2017 pari a 43 milioni di euro, 
  • EBITDA margin 2017: 13%, 
  • capitalizzazione: 45 milioni di euro, 
  • flottante 23%, 
  • raccolta in IPO pari a 8,1 milioni di euro (6,2 milioni di euro il dato mediano). 

Andamento delle IPO
Tra luglio 2017 e luglio 2018, le nuove IPO sono state 31.

Dall’inizio del 2018 sono già 16 le IPO registrate sul mercato AIM Italia, 3 le ammissioni.

Le operazioni di IPO delle società sono state caratterizzate per il 91% da aumento di capitale e per il 9% da OPV.

IR Top Consulting stima, per il secondo semestre dell’anno, un’ulteriore crescita del numero di quotazioni, sostenuta dal credito di imposta sul 50% dei costi per le PMI.

Osservatorio AIM Italia 2018
Osservatorio AIM Italia 2018
Appartengono ai settori
  • Finanza (45%), 
  • Industria (23%), 
  • Servizi (10%),
  • Tecnologia (6%). 
Le prime presentano la raccolta maggiore nel periodo considerato.

Per le IPO del 2018 la raccolta media (al netto delle SPAC) è pari a Euro 10,6 milioni in crescita del +37% rispetto alla raccolta delle IPO a luglio 2017.

“Quotarsi su AIM – commenta Anna Lambiase - è una opzione che vale considerare per le società con una dimensione appropriata che intendono investire nella propria ulteriore crescita.

L'elevato numero di nuove quotazioni nei primi sei mesi del 2018, 16 IPO contro 7 dell’anno passato, sono un segnale di come le misure legislative adottate stiano iniziando a portare risultati tangibili per le PMI che vogliono sfruttare le potenzialità del mercato dei capitali per accelerare il proprio percorso di crescita senza perdere il controllo dell'azienda e a costi IPO dimezzati”.


Operazioni straordinarie
Il numero delle operazioni straordinarie condotte negli ultimi due anni da società quotate sul mercato AIM Italia tocca quota 170, con 50 società attive.

Complessivamente hanno registrato un controvalore di 316 milioni di euro, di cui 53 milioni di euro nel 2018.

Il valore medio delle transazioni è pari a 8,5 milioni di euro nel 2017 (2,1 milioni di euro il valore mediano) e 2,8 milioni di euro nel 2018 (2,5 milioni di euro il valore mediano).

Il 60% delle operazioni straordinarie si configura come acquisizioni, il 14% cessioni e il 11% fusioni.

I Paesi su cui si sono concentrate le M&A sono Italia (76%), Europa (13%) con Spagna, Serbia e Croazia, Svizzera, Austria e Francia ai primi posti mentre il restante 11% ha interessato società target extra europee, concentrate principalmente in USA, Paesi dell’America Centrale, Cina e Russia.

Cresce, rispetto al dato di luglio 2017, il numero degli investitori istituzionali presenti nell'azionariato delle società AIM Italia.

Il dato passa dai 60 investitori presenti di luglio 2017 ai 102 del 2018, di cui 25 italiani (24%) e 77 esteri (76%, un anno prima erano al 62 per cento).

L’investimento complessivo è pari a 720 milioni di euro, che corrisponde a circa il 10% della capitalizzazione del mercato.

Gli investitori italiani detengono un investimento pari a 346 milioni di euro (48% del totale), gli esteri pari a 374 milioni di euro (52%).

Le partecipazioni complessive sono 660 (una media di 6 partecipazioni per investitore), per un valore mediano della singola partecipazione di 0,32 milioni di euro.

L’Investitore più presente sul mercato AIM Italia è Mediolanum Gestione Fondi SGR, con un investimento complessivo pari a Euro 102,4 milioni e un numero di società partecipate pari a 53.

“Dall’introduzione dei PIR – spiega Anna Lambiase - il mercato ha registrato performance positive sia in termini di indice FTSE AIM Italia, +25% da gennaio 2017, che di liquidità dei titoli, con controvalori medi giornalieri nel primo semestre 2018 di 90 mila euro e un controvalore totale scambiato pari a 895 milioni di euro (295 milioni nel 2016).

Questi elementi attraggono un numero importante di investitori istituzionali, che a luglio 2018 si attestano a 102 per un investimento complessivo di 720 milioni di euro”.

Spaxs inserita nell'elenco delle società valutate da Aim Italia News

Con la pubblicazione del primo studio societario che la riguarda, Spaxs entra nell'elenco delle società valutate da "Aim Italia News".

Alla Spaxs sono state assegnate le seguenti valutazioni iniziali:

Rating:
B - Growth

Rendimento annuo implicito: 
11,4 % (al prezzo di mercato corrente di 10,0 euro)

Fair Value: 
17,86 euro

[Redazione Aim Italia News]

Spaxs: pubblicato il primo studio societario sulla fusione

Banca IMI ha pubblicato il primo studio societario della società Spaxs (52 pagine, formato pdf), firmato dall'analista finanziario Manuela Meroni.

Studio Banca IMI su Spaxs
Studio Banca IMI su Spaxs
Banca IMI non assegna alcun rating al titolo.

La valutazione complessiva della società è compresa tra 865 e 1242 mln di euro.

La valutazione per azione è compresa tra 12,50 e 17,96 euro, utilizzando come base le 69.147.128 azioni ordinarie esistenti 12 mesi dopo la fusione.

La valutazione per azione diluita, che comprende le 11.520.000 azioni aggiuntive che potrebbero derivare dalla conversione delle azioni speciali in circolazione (entro 48 mesi dalla fusione), è compresa tra 10,72 e 15,39 euro.

Banca IMI è Nomad e Specialist di Spaxs.

Ha agito come Joint Global Coordinator e Joint Bookrunner nel processo di piazzamento e quotazione delle azioni Spaxs.

martedì 24 luglio 2018

SG Company in AIM Italia il 26 luglio

SG company S.p.A., società che opera nel settore della comunicazione integrata Live & Digital, è stata oggi ammessa da Borsa Italiana S.p.A. all'AIM Italia.

SG Company
La negoziazione delle sue azioni partirà il 26 luglio 2018, nel medesimo giorno avverrà il regolamento delle azioni assegnate nell'ambito del collocamento.

L’ammissione a quotazione è avvenuta in seguito a un collocamento istituzionale di n.1,5 milioni di azioni ordinarie di nuova emissione.

Il prezzo di offerta è stato fissato pari a Euro 2,0 euro per azione.

In base al prezzo di offerta, la capitalizzazione della Società è pari a Euro 23 milioni.

Il controvalore del collocamento istituzionale è pari a Euro 3 milioni.

Il capitale della Società post collocamento istituzionale è composto da n. 11,5 milioni di azioni.

Il flottante sarà pari al 13,0% del capitale sociale della Società.

Le 30 società dell'AIM Italia che hanno pagato dividendi nel 2018

SOCIETA'
Dividendo per azione in Euro
Data di pagamento


ALFIO BARDOLLA - 0,046 - 28 marzo 2018
ASSITECA - 0,05 - dicembre 2017

BIODUE - 0,06 - 6 giugno 2018

CDR ADVANCE - Cat. A - 0,01326 - Cat. B - 0,003932 - 18 luglio 2018
COVER 50 - 0,5 - 16 maggio 2018
CULTI MILANO - 0,08 - 18 aprile 2018

DIGITOUCH - 0,04 - 20 giugno 2018

ELETTRA INVESTIMENTI - 0,4 - 23 maggio 2018
EQUITA GROUP - 0,22 - 9 maggio 2018

FERVI - 0,15 - 20 giugno 2018
FINLOGIC - 0,1481 - 16 maggio 2018
FOPE - 0,125 - 3 maggio 2018

GPI - 0,3 - 9 maggio 2018

HEALTH ITALIA - 0,082 - 9 maggio 2018

INIZIATIVE BRESCIANE - 0,6 - 9 maggio 2018
ITALIAN WINE BRANDS - 0,4 - 25 aprile 2018

LUCISANO MEDIA GROUP - 0,05 - 16 maggio 2018

MASI AGRICOLA - 0,1 - 26 settembre 2018

NEODECORTECH - 0,153 - 30 maggio 2018

NOTORIUS PICTURES - 0,0543 - 9 maggio 2018

ORSERO - 0,12 - 9 maggio 2018

PHARMANUTRA - 0,33 - 9 maggio 2018
PITECO - 0,15 - 25 aprile 2018
PLT ENERGIA - 0,1099 - 30 maggio 2018

ROSETTI MARINO - 0,5 - 16 maggio 2018

SAFE BAG - 0,078 - 25 luglio 2018
SIT - 0,25 - 9 maggio 2018

VETRYA - 0,16 - 23 maggio 2018

WIIT - 0,83 - 9 maggio 2018

ZEPHYRO - 0,1 -  30 maggio 2018

[Redazione Aim Italia News]

Corrado Passera: capital gain di 16 milioni di euro dall'operazione Spaxs - Banca Interprovinciale

Lo statuto della Spac prevede una conversione parziale di azioni speciali in ordinarie subito dopo la fusione

Corrado Passera
Corrado Passera
Con la fusione tra Spaxs e Banca Interprovinciale, gli azionisti speciali di Spaxs convertiranno immediatamente e gratuitamente il 20% delle azioni speciali in azioni ordinarie.

360.000 azioni speciali diventeranno 2.160.000 azioni ordinarie, per un valore di mercato complessivo di 21,6 mln di euro, con un capital gain di 18,0 mln di euro.

Corrado Passera, il nuovo Amministratore Delegato della società derivante dalla business combination, che detiene, indirettamente, l'89,1% delle azioni speciali Spaxs, beneficerà di un capital gain di circa 16,04 mln di euro.

Capital gain prospettico
Nel caso di raggiungimento degli obiettivi operativi delineati nel corso della presentazione alla comunità finanziaria del piano strategico 2018-23, le prospettive di guadagno sono ancora superiori.

E' infatti previsto dallo statuto Spaxs che, se entro 48 mesi dalla fusione il prezzo di mercato delle proprie azioni ordinarie dovesse superare per 22 giorni di borsa consecutivi i 15 euro, avverrebbe la conversione automatica delle (residue) 1.440.000 azioni speciali in 11.520.000 azioni ordinarie

In tale scenario gli azionisti speciali avrebbero in prospettiva un capital gain, calcolato a 15 euro per azione ordinaria, di 187,2 mln di euro (n. 13.680.000 X 15,0 euro - 18,0 mln versati inizialmente).

La quota di capital gain di spettanza di Corrado Passera sarebbe di 166,79 mln di euro.

lunedì 23 luglio 2018

Startup di Digital Magics conclude accordo in Cina per treno a levitazione magnetica

Hyperloop Transportation Technologies ha firmato un accordo commerciale iniziale con Tongren Transportation & Tourism Investment Group del Governo della Repubblica Popolare Cinese.

E' il primo accordo per HyperloopTT con la Cina – il dodicesimo in generale e il terzo commerciale nel 2018 dopo gli annunci in Abu Dhabi e Ucraina.

Treno Hyperloop
Treno Hyperloop
HyperloopTT è una impresa di trasporti focalizzata sulla realizzazione di Hyperloop: un treno a levitazione magnetica che viaggia dentro un tubo a bassa pressione.

La società è controllata al 100% da Jumpstarter, piattaforma di crowdsourcing e startup dall’incubatore di startup Digital Magics.

Digital Magics ha investito 320 mila euro in Jumpstarter.

La partnership

Da una parte Tongren sarà responsabile per la certificazione, la struttura regolamentare e la costruzione del sistema Hyperloop. 

Dall’altra HyperloopTT, co-fondata da Bibop Gresta (Chairman) e guidata da Dirk Ahlborn (CEO), fornirà la tecnologia, le competenze ingegneristiche e lavorerà in partnership con il governo di Tongren per definire il percorso per il sistema Hyperloop in Cina.

L'iniziativa sarà finanziata grazie a una joint venture pubblico-privato con il 50% dei fondi provenienti direttamente da Tongren.

“Noi immaginiamo che Hyperloop svolgerà un ruolo decisivo nel tessuto economico della Via della Seta, collegando la regione al resto del mondo – ha dichiarato Dirk Ahlborn – la Cina spende più di 300 miliardi di dollari l’anno in infrastrutture per riuscire a stare al passo con la rapida espansione urbana."

Dello stesso avviso anche Bibop Gresta, secondo cui “la Cina è leader mondiale nella quantità di linee ad alta velocità costruite e ora sta cercando una soluzione più efficiente con HyperloopTT."

Energica, assegnate le ultime azioni ad Atlas

Energica Motor Company, società operante nel mercato della produzione e commercializzazione di moto elettriche, comunica che in data odierna sono state emesse n. 156.128 azioni ordinarie, aventi godimento nonché diritti e caratteristiche pari a quelle in circolazione alla data di oggi.

Energica Motor Company
In particolare, tali nuove azioni sono state assegnate a seguito della ricezione, in data 19 luglio 2018, della richiesta di conversione, da Atlas Special Opportunities, della nona tranche del prestito obbligazionario, emessa in data 7 giugno 2018.

In conseguenza di quanto sopra, il capitale sociale risulterà essere pari a Euro 146.731,33 suddiviso in 14.673.133 azioni ordinarie.

Con riferimento alla nona tranche, così come al prestito obbligazionario nella sua interezza, non residuano bond da convertire.

domenica 22 luglio 2018

La crescita delle imprese dopo l'IPO all'AIM ITALIA

Pubblicata in rete una interessante tesi magistrale: Crescita delle imprese dopo la quotazione: verifica empirica su un campione di società quotate su AIM Italia.pdf

La presente tesi si pone l’obiettivo di capire se, nel contesto italiano, l’esistenza del segmento di Borsa AIM Italia dedicato alle piccole e medie imprese ad alto potenziale di crescita sia in grado di  accelerane lo sviluppo.

A questo scopo si prende in considerazione un campione di imprese italiane non finanziarie entrate sul mercato AIM Italia tra il 2009 e il 2014 e si analizza il loro comportamento post IPO.

Autore: Anna Maria Ferro