www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 4.000 articoli pubblicati

sabato 20 ottobre 2018

AIM ITALIA: previsione tasso di crescita degli utili, al 19 ottobre 2018

AIM Italia: previsione tasso di crescita degli utili
Valutazione fondamentale al 19 ottobre 2018

Tasso di crescita degli utili delle imprese dell'AIM Italia, implicito nella loro quotazione.

Dati
P/E [utile previsto dagli analisti]: 12,32 (precedente 12,34)
P/E [utile corretto]: 12,62 (precedente 12,49)
E/P [1 / 12,62]: 7,92% (precedente 8,01%)
Equity cost: 12,84% (precedente 12,90%)
Inflazione prevista: 1,83% (precedente 1,83%)

Calcoli
Tasso di crescita nominale [12,84% - 7,92%]: 4,92% (precedente 4.89%)
Tasso di crescita reale [4,92% - 1,83%]: 3,09% (precedente 3,06%)

Dati utilizzati e procedura:

1.
Per singolo titolo, l'utile per azione (Eps) previsto nei successivi 12 mesi, corretto dell'intrinseco ottimismo degli analisti finanziari.

Abbiamo utilizzato a tale fine la stima del fattore di correzione fornita mensilmente dal sito di analisi fondamentale www.azioni.ml.

2. 
Per singolo titolo, l'ultimo prezzo di mercato disponibile.

3. 
Il tasso di inflazione previsto per i prossimi 10 anni, calcolato facendo la media tra le stime fornite da Survey of Professional Forecasters (SPF), Consensus Economics e Euro Zone Barometer.

4.
E' stato utilizzato il valore mediano, invece del più comune valore medio, del rapporto prezzo - utili delle società analizzate.

Ciò consente di ottenere una stima di mercato robusta: non influenzata da singole valutazioni azionarie estreme.

Redazione Aim Italia News

Il rendimento implicito di AIM Italia a 12,84%

AIM Italia: tasso di rendimento implicito
Valutazione fondamentale al 19 Ottobre 2018

Rendimento Implicito indice: AIM Italia Investable 12,84% (- 0,06%)
Stima aggiornata al 19-10-2018 (mediana)

Rendimento Implicito indice: FTSE MIB 10,36% (+ 0,09%)
Stima aggiornata al 19-10-2018 (mediana)
Fonte: www.azioni.ml


Premio di rendimento AIM Italia vs. MIB: 2,48% (- 0,15%)

Analisi: fondamentale
Orizzonte temporale: medio/lungo periodo
Parametro: mediana
Stima: campionaria
Calcolo: al lordo di imposte e inflazione
Aggiornamento: 19 ottobre 2018
Indice: AIM Italia Investable, 8.745,15 (- 1,22%)
Indice collegato: FTSE AIM Italia, 9.041,12 (- 0,35%)
Elaborazione: "Aim Italia News"

N.B. Il rendimento implicito è il tasso che eguaglia il flusso futuro atteso di utili e dividendi all'attuale prezzo di mercato e non corrisponde al rendimento atteso né al rendimento richiesto.

Redazione Aim Italia News

venerdì 19 ottobre 2018

AIM Italia Investable Index 19-10-2018

L'AIM Italia Investable è sceso nella settimana del -1,22% 8.745,15 punti.

Logo AIM Italia InvestableIl FTSE AIM Italia è sceso nella settimana del -0,35% a 9.041,12 punti.

Il LIMEYARD Finnat AIM Italia 100 ex SPAC è sceso nella settimana del -0,27% a 91,80 punti.

21 titoli su 58 (36%) hanno chiuso la settimana con una variazione positiva.

I risultati migliori della settimana:
  • Notorious Pictures +15,20%
  • BioDue +7,59%
  • Esautomotion +7,45%
  • Equita Group +5,49%
  • Elettra Investimenti +5,11%
I risultati peggiori della settimana:
  • Alfio Bardolla Training Group -12,06%
  • SITI-B&T Group -11,78%
  • Cft -11,42%
  • Clabo -9,08%
  • Agatos -9,00%
L'AIM Italia Investable (AII) è un indice di mercato azionario che comprende le azioni delle 63 società quotate all'Aim Italia coperte da un analista finanziario.

La presenza di uno o più analisti finanziari consente di attivare una modalità di investimento basata sui fondamentali delle società: l'unica adeguata ad un mercato poco liquido come l'Aim Italia.

L'indice è ricalcolato settimanalmente, alla chiusura di venerdì.

Maggiori dettagli sull'AIM Italia Investable Index.

Redazione Aim Italia News

Ftse Aim Italia 19-10-2018

Il FTSE AIM Italia scende del -0,44% a 9.041,12 punti.

Il Controvalore scambiato in giornata è di 9.388.883 euro.

Il FTSE Italia PIR PMI All scende del -0,75%.

24 titoli su 113 (21%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia


I risultati migliori della giornata:
  • Net Insurance: 3,90%
  • Notorious Pictures: 3,09%
  • Frendy Energy: 2,83%
  • Vei 1: 2,76%
  • Monnalisa: 2,71%
I risultati peggiori della giornata:
  • Mondo TV France: -8,75%
  • Lucisano Media Group: -8,73%
  • Mondo TV Suisse: -6,76%
  • Clabo: -5,05%
  • GPI: -4,96%

Redazione Aim Italia News

Modifica dell'indice AIM Italia Investable: Longino & Cardenal

Con la pubblicazione del primo studio societario, si attiva la copertura da parte degli analisti finanziari di Longino & Cardenal.

Logo AIM Italia InvestableLa società entra quindi, a partire da venerdì 19 ottobre 2018, nel paniere dell'indice AIM Italia Investable.

La sua variazione di prezzo concorrerà alla variazione dell'indice a partire dal 26 ottobre 2018.

Diventano quindi 63 le azioni incluse nell'indice, su un totale di 113 negoziate all'AIM Italia.

Redazione Aim Italia News

Elettra Investimenti compra le quote di minoranza di 2 controllate

Elettra Investimenti, società quotata all'AIM Italia, operante nella produzione di energia elettrica e termica, nell'efficienza energetica e nel car sharing, ha effettuato due operazioni di acquisto delle quote di minoranza di PHPower S.r.l. e di Alea Mobilità Urbana S.r.l.

PHPower 
Elettra Investimenti S.p.A. ha acquistato, per 50.000 euro, oltre ad un earn out da determinarsi nel 2021 sulla base dei risultati conseguiti dalla società, il 47,62 % del capitale sociale di PHPower S.r.l, società della quale Elettra deteneva il 52,38% del capitale sociale, dai soci di minoranza Andrea e Carlo Sasso.

La cessione prevede, in favore dei venditori, la facoltà di reinvestire il controvalore della cessione nell’acquisto di 5.000 azioni Elettra Investimenti S.p.A. ad un prezzo unitario di euro 10,00, detenute dalla stessa Elettra Investimenti S.p.A. a titolo di azioni proprie.

Il Signor Andrea Sasso ha comunicato alla Società di aver provveduto in tal senso.

Alea Mobilità Urbana S.r.l.
La controllata Alea Energia S.p.A. ha acquistato per 50.000 euro, oltre ad un earn out da determinarsi nel 2021 sulla base dei risultati conseguiti dalla società, il 20,00 % del capitale sociale di Alea Mobilità Urbana S.r.l, società della quale Alea Energia S.p.A. deteneva l’ 80,00% del capitale sociale, dal socio di minoranza Matteo Granatelli.

Le operazioni sono state concluse nell’ottica di una riorganizzazione delle società del gruppo Elettra Investimenti coerente con l’attuale assetto organizzativo articolato su 3 aree di business dedicate alla produzione di energia, alla gestione e manutenzione di impianti e all’efficienza energetica nonché sono finalizzate ad una razionalizzazione dell’uso delle risorse e dei costi di gestione.

✅ Elettra Investimenti 
✔ Prezzo 9,70 € 
✔ PE 12m 7,5 
✔ PB  2,18 
✔ Fair Value 12,6 € 
✔ Rendimento implicito 18,4% 
✔ Rating A - VALUE 

DigiTouch acquista Purple Ocean

DigiTouch, società quotata all'AIM Italia, attiva nel digital marketing e specializzata nel Mar-Tech, ovvero nelle tecnologie di marketing e comunicazione a supporto delle vendite, ha sottoscritto un accordo vincolante finalizzato all’acquisto di Purple Ocean.

Purple Ocean offre soluzioni innovative di managed services e software development per e-commerce.

L'operazione prevede l’acquisizione da parte di DigiTouch SpA di una quota del 51% del capitale sociale di Purple Ocean, per un corrispettivo di 590 mila euro pro quota e una Posizione Finanziaria Netta Positiva al 31 luglio 2018 pari ad 230 mila euro, a fronte di un Ebitda (post prime integrazioni derivanti dall’acquisizione) pari a 250 mila euro.

L’accordo prevede che parte del corrispettivo (100 mila euro) venga pagato mediante azioni proprie di DigiTouch.

Il restante 49% della Società potrà essere acquistato da DigiTouch SpA secondo un modello di “put and call” entro il 31 dicembre 2022.

Purple Ocean ha realizzato nel 2017 ricavi delle vendite per complessivi 1.062 mila euro in crescita del 27,9% rispetto al 2016 e un Ebitda di 162 mila euro nel 2017, in crescita del 65,4% rispetto al corrispondente periodo del 2016.

Le motivazioni dell'acquisizione
Il commercio elettronico sta assumendo un ruolo sempre più rilevante nel mercato, con una crescita a doppia cifra anno su anno.

Secondo le stime del Politecnico di Milano entro fine 2018 l'e-commerce B2C in Italia avrà un valore di 27 miliardi di Euro, +15% rispetto al 2017.

Nel corso della sua storia aziendale Purple Ocean ha sviluppato alcune soluzioni specifiche per il mercato dell’e-commerce.

In particolare, la sua selling proposition si struttura in tre macro-offerte:
    Servizio Purple Commerce di Purple Ocean
    Servizio Purple Commerce
    di Purple Ocean
  • Servizio Purple Commerce, che riguarda la realizzazione di soluzioni altamente personalizzabili per gli e-commerce; 
  • PurpleX ovvero uno strumento in grado di eseguire controlli automatizzati di qualsiasi sito web, rilevare ogni tipo di anomalia tecnica-funzionale o editoriale e simulare il comportamento degli utenti durante la navigazione del portale; 
  • Piattaforma Purple Platform, specializzata in servizi di business critical su infrastrutture di proprietà distribuite in tre data center in Italia, con certificazioni che spaziano dalla Tier III alla Tier IV Plus, dislocati geograficamente per garantire la compliance ai criteri di disaster recovery.
«L’acquisizione di Purple Ocean rappresenta un tassello importante del piano industriale e permette al nostro gruppo, che si propone sul mercato come una Full Digital Agency, di arricchirsi di nuove competenze: consulenza e tecnologia software in ambito e-commerce completano la nostra offerta dedicata alle aziende retail e ci permettono di posizionarci come partner a tutto tondo per i brand che vogliono lanciare un proprio e-commerce.», afferma Paolo Mardegan, Ceo del gruppo DigiTouch.

✅ DigiTouch 
✔ Prezzo 1,26 € 
✔ PE 12m 8,1 
✔ PB  1,25 
✔ Fair Value 1,37 € 
✔ Rendimento implicito 13,6% 
✔ Rating A - VALUE 

Equita Group, prospetto MTA approvato e scaricabile

Equita Group, investment bank indipendente quotata sull'AIM Italia, comunica che la Consob ha rilasciato il provvedimento di approvazione del prospetto relativo all’ammissione a quotazione delle azioni ordinarie di Equita Group sul Mercato Telematico Azionario, segmento STAR, organizzato e gestito da Borsa Italiana.

Il prospetto è scaricabile al link:
Equita Group - prospetto ammissione MTA - segmento STAR (615 pagine, formato pdf).

L’inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie di Equita Group sull’MTA, Segmento STAR, avverrà il 23 ottobre 2018.

Equita Group è assistita da Mediobanca in qualità di sponsor e specialista.

✅ Equita Group 
✔ Prezzo 3,38 € 
✔ PE 12m 12,3 
✔ PB  2,18 
✔ Fair Value 2,82 € 
✔ Rendimento implicito 13,9% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

DBA Group, pubblicato studio societario

Studio societario di CFO su DBA Group
Studio societario di
CFO su DBA Group
CFO ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento su DBA Group (16 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 61,1 mln di euro nel 2018 (+34,9% rispetto al 2017), 67,2 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 2,5 mln di euro nel 2018 (+92,3% rispetto al 2017), 3,5 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,217 euro nel 2018 (0,113 euro nel 2017) e 0,304 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 3,18 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 14,7 sugli utili del 2018 e 10,5 sugli utili del 2019.

CFO attribuisce il rating BUY (invariato) al titolo.

Il target price assegnato è di 4,20 euro (precedente 4,70), con un premio del 32% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 3,27 euro per azione, con un rendimento implicito del 12,0%.

Il nostro rating è B2 - GROWTH.

Redazione Aim Italia News

✅ DBA Group 
✔ Prezzo 3,18 € 
✔ PE 12m 11,7 
✔ PB  1,42 
✔ Fair Value 22,6 € 
✔ Rendimento implicito 6,3% 
✔ Rating B2 - GROWTH 

Longino & Cardenal, pubblicato il primo studio societario

Studio societario di Integrae su Longino & Cardenal
Studio societario di Integrae
su Longino & Cardenal 
Integrae ha pubblicato il primo studio societario su Longino & Cardenal (25 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 33 mln di euro nel 2018 (+15,6% rispetto al 2017), 42 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 1,0 mln di euro nel 2018 (+79,5% rispetto al 2017), 2,3 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,160 euro nel 2018 (0,089 euro nel 2017) e 0,368 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 4,72 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 29,5 sugli utili del 2018 e 12,8 sugli utili del 2019.

Integrae attribuisce il rating BUY al titolo.

Il target price assegnato è di 5,84 euro, con un premio del 24% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 4,81 euro per azione, con un rendimento implicito del 14,1%.

Il nostro rating è A - VALUE.

Redazione Aim Italia News

✅ Longino & Cardenal 
✔ Prezzo 4,72 € 
✔ PE 12m 14,9 
✔ PB  4,71 
✔ Fair Value 4,81 € 
✔ Rendimento implicito 14,1% 
✔ Rating A - VALUE 

First Capital, pubblicato studio societario

Studio societario di UBI Banca su First Capital
Studio societario di
UBI Banca su First Capital
UBI Banca ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento su First Capital (15 pagine, formato pdf).

La società è valutata col metodo patrimoniale e pertanto le previsioni di fatturato, utile netto e utile per azione non sono rilevanti.

Il prezzo corrente del titolo è 10,3 euro.

UBI Banca attribuisce il rating BUY (invariato) al titolo.

Il target price assegnato è di 13,5 euro (precedente 13,6) con un premio del 31% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 9,74 euro per azione.

Il nostro rating è P - PATRIMONIALE.

Redazione Aim Italia News

✅ First Capital 
✔ Prezzo 10,3 € 
✔ PE 12m -.- 
✔ PB  0,72 
✔ Fair Value 9,74 € 
✔ Rendimento implicito -,-% 
✔ Rating P - PATRIMONIALE 

MailUp, pubblicato studio societario

Studio societario di UBI Banca su MailUp
Studio societario di
UBI Banca su MailUp
UBI Banca ha pubblicato uno studio societario su MailUp (34 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 35,3 mln di euro nel 2018 (+33,7% rispetto al 2017), 44,8 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 1,0 mln di euro nel 2018 (+100,0% rispetto al 2017), 1,9 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,070 euro nel 2018 (0,035 euro nel 2017) e 0,133 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 2,47 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 32,3 sugli utili del 2018 e 18,6 sugli utili del 2019.

UBI Banca attribuisce il rating BUY al titolo.

Il target price assegnato è di 3,63 euro con un premio del 47% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 2,21 euro per azione, con un rendimento implicito del 8,3%.

Il nostro rating è C1 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ MailUp 
✔ Prezzo 2,27 € 
✔ PE 12m 21,4 
✔ PB  2,30 
✔ Fair Value 2,21 € 
✔ Rendimento implicito 8,3% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

Modifica dell'indice AIM Italia Investable: Askoll EVA

Con la pubblicazione del primo studio societario, si attiva la copertura da parte degli analisti finanziari di Askoll EVA.

Logo AIM Italia InvestableLa società entra quindi, a partire da venerdì 19 ottobre 2018, nel paniere dell'indice AIM Italia Investable.

La sua variazione di prezzo concorrerà alla variazione dell'indice a partire dal 26 ottobre 2018.

Diventano quindi 62 le azioni incluse nell'indice, su un totale di 113 negoziate all'AIM Italia.

Redazione Aim Italia News

Askoll EVA, pubblicato il primo studio societario

Studio societario di Finnat su Askoll EVA
Studio societario di Finnat
su Askoll EVA
Finnat ha pubblicato il primo studio societario su Askoll EVA (29 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 14,1 mln di euro nel 2018 (+283,0% rispetto al 2017), 37,1 mln di euro nel 2019.

Il risultato netto previsto è di -0,19 mln di euro nel 2018 (-18,2 nel 2017), -2,46 mln di euro nel 2019.

Il risultato per azione previsto è di -0,012 euro nel 2018 (-1,502 euro nel 2017) e -0,158 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 3,20 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di negativo.

Finnat attribuisce il rating BUY al titolo.

Il target price assegnato è di 4,22 euro, con un premio del 32% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 2,67 euro per azione, con un rendimento implicito del 10,8%.

Il nostro rating è C1 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ Askoll EVA 
✔ Prezzo 3,20 € 
✔ PE 12m neg 
✔ PB  1,90 
✔ Fair Value 2,67 € 
✔ Rendimento implicito 10,8% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

giovedì 18 ottobre 2018

Ftse Aim Italia 18-10-2018

Il FTSE AIM Italia scende del -0,55% 9.081,22 punti.

Il Controvalore scambiato in giornata è di 5.925.003 euro.

Il FTSE Italia PIR PMI All scende del -0,76%.

26 titoli su 113 (23%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia


I risultati migliori della giornata:
  • Notorious Pictures: 8,18%
  • Esautomotion: 4,85%
  • Poligrafici Printing: 3,38%
  • FOPE: 3,31%
  • Icf Group: 2,66%
I risultati peggiori della giornata:
  • WM Capital: -10,55%
  • Alfio Bardolla Training Group: -5,63%
  • Ambromobiliare: -5,25%
  • Casta Diva Group: -5,02%
  • Italia Independent Group: -4,47%

Redazione Aim Italia News

axélero, continuità aziendale in forse

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che è stato convocato il Consiglio di Amministrazione della società che si terrà il 24 ottobre 2018, per valutare la persistenza dei presupposti di continuità aziendale e conseguentemente assumere i provvedimenti più opportuni, inclusa l’eventuale revisione, modifica o revoca del progetto di bilancio approvato lo scorso 2 ottobre 2018.

Comunica inoltre di aver ricevuto in data 16 ottobre scorso, sia la relazione del Collegio Sindacale al Progetto di Bilancio al 31.12.2017, nella quale il Collegio invita l’Assemblea degli Azionisti a non approvare il Bilancio 2017, sia la relazione della società di revisione BDO Italia S.p.A., che non esprime un giudizio sul Bilancio 2017 a causa della rilevanza delle limitazioni e degli effetti connessi all’incertezza sulla continuità aziendale.

Il Nomad lascia
axélero comunica, infine, che Banca Finnat Euramerica ha manifestato l’intenzione di non rinnovare a scadenza l’incarico di Nomad, conferitole il 22 dicembre 2017 in ragione delle modifiche sostanziali del contesto societario, intervenute negli ultimi mesi, che hanno cambiato le condizioni in essere al momento del conferimento.

L’attività di Nomad svolta da Banca Finnat Euramerica S.p.A. terminerà il 31.12.2018.

La Società, una volta identificato il nuovo Nomad, provvederà a darne tempestiva informazione al mercato.

Estratti della relazione del Collegio Sindacale del 16 ottobre 2018
...

L'Organo Amministrativo, sebbene sollecitato in tal senso, non ha fornito al Collegio Sindacale le informazioni essenziali per valutare la continuità aziendale, in particolare il progetto di bilancio e le situazioni contabili aggiornate mensilmente.

...

Il Collegio Sindacale rileva che alla data odierna, la società non è in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni, sia nei confronti dei creditori, sia nei confronti dell'Erario.

Tenuto conto stato della mancanza della relazione semestrale e di una situazione contabile aggiornata al 31 agosto e del manifesto stato di crisi aziendale e e delle ulteriori considerazioni svolte nei paragrafi che seguono il Collegio Sindacale non può che esprimere un giudizio negativo sulla continuità aziendale della Vostra società.

...

Il Collegio Sindacale, nel vigilare sul rispetto dei principi di corretta amministrazione, tenuto conto che il Consiglio di Amministrazione non ha fornito alcuna situazione contabile intermedia, non è in grado di accertare che il Consiglio di Amministrazione non abbia compiuto operazioni estranee all'oggetto sociale, manifestamente imprudenti, azzardate e palesemente idonee a pregiudicare l'integrità del patrimonio sociale, volte a prevaricare o modificare i diritti attribuiti dalla legge o dallo statuto ai singoli soci.

...

Nello svolgimento delle attività appena descritte, il Collegio rileva che, nel caso in cui fosse accertato che il patrimonio contabile sia stato perso prima della data odierna, la prosecuzione dell'attività in assenza dei provvedimenti richiesti dal codice civile, costituirebbe un illecito.

Come già precisato, il Collegio Sindacale non ha potuto accertare questa circostanza perché il Consiglio di Amministrazione, sebbene sollecitato in tal senso, fino al 2 ottobre 2018 non ha fornito né il progetto di Bilancio né le normali situazioni contabili intermedie.

...

Tale incertezza ha portato ad alcune sovrapposizioni di figure apicali come dettagliato "People Chart" del 1 agosto 2018, ove ad esempio l'Amministratore Delegato riveste il ruolo di Chief Marketing Officer, Chief Finance Officer, Chief Legal Corporate Affairs Officer e Chief Peple Officer.

Questo ha fatto venire meno la segregazione delle responsabilità, fatto imprescindibile perché il Collegio Sindacale possa dare un giudizio positivo sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo.

Il Collegio Sindacale rileva che a seguito delle dimissioni del dirigente responsabile dell'area contabile, la società è priva di una figura dotata dei necessari requisiti di professionalità contabile.

... nel ricorso promosso ex art. 2409 si denunciava l'inadeguatezza del sistema amministrativo contabile.

La società infatti, più volte sollecitata dal Collegio Sindacale, non è stata in grado di fornire situazioni economico patrimoniali aggiornate, di fatto impedendo al Collegio Sindacale la verifica della consistenza del Patrimonio Netto.

...

Il progetto di bilancio al 31 dicembre 2017 evidenzia una perdita netta di euro 29.058.802 ed un Patrimonio Netto di euro 15.627.006.

...

Nel progetto di bilancio chiuso al 31/12/2017, la valorizzazione del Patrimonio Netto è influenzata in modo determinante dal cambiamento del criterio di valutazione delle partecipazioni.

Se il criterio non fosse stato modificato, il patrimonio netto avrebbe un valore negativo di circa Euro 4 milioni, fattispecie che avrebbe obbligato gli azionisti ad assumere i provvedimenti di cui all'art. 2447 o 2484 c.c.

A parere del Collegio Sindacale, il tema non è tanto e solo se la perizia che ha stimato il valore delle partecipazioni rivalutate sia formulata in modo corretto o meno, ma se, indipendentemente dalla qualità della perizia contenente la rivalutazione, la scelta del Consiglio di Amministrazione si sostanzi in una condotta potenzialmente idonea ad occultare la reale consistenza del patrimonio netto e le informazioni necessarie ai destinatari del bilancio perché essi possano comprendere chiaramente quale sia la reale consistenza del patrimonio sociale e quali  siano gli effetti reali del risultato di esercizio su di esso.

...

Si evidenzia inoltre che, con la comunicazione trasmessa in data 15 ottobre 2018, con la quale il Consigliere indipendente ha rassegnato le proprie dimissioni, lo stesso ha espresso dissenso rispetto alla scelta del Consiglio di Amministrazione di effettuare la valutazione delle partecipate al Fair value, ritenendo che tale scelta "presenti eccessivi margini di incertezza e si rilevi non corrispondente ai criteri di prudenza".

...

Il collegio Sindacale non condivide il giudizio sulla continuità aziendale formulato dal Consiglio di Amministrazione ed evidenzia che la società non è in grado di adempiere alle proprie obbligazioni pecuniarie con mezzi ordinari alle normali scadenze.

Questa circostanza non può essere sanata con una rivalutazione di poste attive o con il ricorso a nuovo debito, ma esclusivamente con la raccolta di nuovo capitale sottoscritto in denaro.

...

Considerando le risultanze delle attività di vigilanza e le osservazioni in merito al progetto di bilancio presentatoci, invitiamo l'Assemblea a non approvare il progetto di Bilancio al 31 dicembre 2017 così come redatto dagli Amministratori.

Estratti della relazione della società di revisione BDO Italia del 16 ottobre 2018

...

Al 31 dicembre 2017 la Società ha iscritto in bilancio crediti per imposte anticipate pari ad Euro 2.649 migliaia, la cui sostenibilità si basa sulla effettiva realizzazione dl piano industriale ad oggi non ancora approvato dal Consiglio d'Amministrazione e, conseguentemente, sulla possibilità della Società di operare in un'ottica di continuità aziendale.

Come evidenziato nelle note di bilancio al paragrafo dedicato alle partecipazioni, cui si rimanda, i valori delle partecipazioni nelle società controllate Arreeba S.p.A. e Privategriffe S.r.l. sono stati determinati sostituendo il criterio del costo adottato fino al bilancio chiuso al 31 dicembre 2016, con il criterio del fair value ai sensi dello IAS 39.

Per quanto riguarda la partecipazione nella società Arreba S.p.A., il trattamento contabile suindicato ha consentito di rilevare all'interno del patrimonio netto relativo al bilancio di axélero S.p.A. al 31 dicembre 2017, una riserva di rivalutazione a fair value pari ad Euro 20.653 migliaia.

Le incertezze sulla continuità aziendale della axélero S.p.A., come sopra descritte, possono determinare impatti significativi sui parametri e sulle metodologie valutative adottate ai fini della stima, aumentandone così il livello di aleatorietà, pertanto non siamo in grado di esprimerci né sulla adeguatezza delle metodologie, che tengono conto di un piano industriale di Arreeba S.p.A. non approvato dal competente Consiglio d'Amministrazione, né sulla sostenibilità del valore della partecipazione in oggetto.

Quanto sopra descritto evidenzia che il presupposto della continuità aziendale è soggetto a molteplici significative incertezze con potenziali interazioni e possibili effetti cumulati sul bilancio d'esercizio della axélero S.p.A. al 31 dicembre 2017.

Inoltre, alla data della presente relazione gli amministratori non ci hanno fornito la lettera di attestazione prevista dal principio di revisione Isa (Italia) n.580.

Tale indisponibilità rappresenta una grave limitazione al procedimento di revisione, i cui potenziali effetti sono pervasivi al bilancio nel suo complesso.

...

A causa della rilevanza delle limitazioni e degli effetti connessi alle incertezze descritte nella sezione  Elementi alla base della dichiarazione di impossibilità di esprimere un giudizio della relazione sul bilancio d'esercizio, non siamo in grado di esprimere un giudizio sulla coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio d'esercizio della axélero S.p.A. al 31 dicembre 2017 e sulla conformità alle norme di legge, né di rilasciare la dichiarazione di cui all'art. 14 co. 2, lettera e, del D.Lgs. 39/10, sulla base delle conoscenze e della comprensione dell'impresa e del relativo contesto acquisite nel corso dell'attività di revisione.

Opa di Fenice (Edison) su Zephyro conclusa

Fenice, controllata da Edison, comunica i risultati definitivi dell'Offerta Pubblica d'Acquisto (OPA) totalitaria sulle azioni Zephyro, dopo la riapertura dei termini dell'offerta.

Tenuto conto delle azioni Zephyro già possedute, Fenice verrà a detenere il 22 ottobre 2018 complessive 10.297.014 azioni ordinarie, pari al 99,956% del capitale complessivo con diritto di voto (rappresentato dalle azioni ordinarie e dalle azioni performanti).

Si segnala che, nel corso del periodo di riapertura dei termini, Fenice non ha effettuato, direttamente o indirettamente, acquisti di azioni Zephyro al di fuori dell’offerta.

Il pagamento del corrispettivo di 10,25 euro per azione verrà effettuato il 22 ottobre 2018.

Il giorno 22 ottobre 2018 sarà l’ultimo giorno di negoziazione delle azioni ordinarie Zephyro e dei Warrant Zephyro all'AIM Italia.

Convegno: L’informazione finanziaria tra obblighi e opportunità per le imprese

Si tiene a Milano il 25 ottobre, dalle ore 15:00 alle ore 18:00 il convegno “L’informazione finanziaria tra obblighi e opportunità per le imprese”, promosso dall’Associazione per l'Alta Formazione Giuridico-Economica.

Logo AFGEL’appuntamento farà il punto sulle novità introdotte, a partire dallo scorso 29 settembre, con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni del D. Lgs. n.107/2018  recante modifiche al Testo Unico della Finanza.

In particolare, con l’art. 187-octies, comma 1 TUF: “La Consob è l'autorità nazionale competente ai sensi dell'articolo 22 del regolamento (UE) n. 596/2014, relativo agli abusi di mercato”.

La Consob diventa, così, l’autorità chiamata a vigilare sugli strumenti ammessi alla negoziazione anche sui mercati non regolamentati, come l’AIM Italia.

Programma

ore 14,30-15,00
Registrazione dei partecipanti

ore 15,00-15,30
Giulia Bertezzolo, Segretario Generale - CONSOB
Apertura: il ruolo delle Authorities nello sviluppo dei mercati e nella tutela dei risparmiatori

ore 15,30-16,00
Filippo Annunziata, Università L. Bocconi
Panoramica sugli obblighi informativi degli emittenti quotati e negoziati sugli MTF

ore 16,00-16,30
Paolo Maggini, CONSOB
Principi base in materia di comunicazione al pubblico delle informazioni finanziarie da parte delle società: le Linee Guida della Consob per la gestione delle informazioni privilegiate

ore 16,30-17,00
Roberto Flor, Università di Verona
I canali per la diffusione delle informazioni finanziarie sui new media: opportunità e rischi per il pubblico e per le società

ore 17,00-17,30
Anna Lambiase, IR Top – Osservatorio AIM
L’informazione finanziaria per le PMI: l’osservatorio su AIM Italia

ore 17,30-18,00
Marcello Bianchi, Vice Direttore Generale ASSONIME
L’informazione finanziaria per le imprese, un costo solo apparente (?)

ore 18,00-18,30:
quesiti e dibattito

Informazioni utili
La partecipazione al convegno è gratuita previa iscrizione via e-mail contenente nome, cognome, e-mail e numero di telefono del partecipante a:  iscrizioni@afge.eu.

E’ richiesto agli iscritti di registrarsi presso la sede del convegno dalle ore 14,30 alle ore 15,00.

La puntualità è necessaria per garantire il rispetto dei tempi e non disturbare le sessioni in aula.

I posti disponibili in aula sono limitati e, quindi, consideriamo l’iscrizione all’evento e la mancata partecipazione un comportamento non corretto nei confronti dell’organizzazione e delle persone che avrebbero voluto assistere; per questa ragione chiediamo di  procedere all’iscrizione solo se l’impegno alla partecipazione potrà essere mantenuto.

La data del convegno è: giovedì 25 ottobre 2018.
La durata del convegno è programmata dalle ore 15,00 alle ore 18,30, 
L'indirizzo è: Milano, Spazio Chiossetto, Via Chiossetto n. 20

Per ogni altra informazione: Associazione per l’Alta Formazione Giuridico-Economica (AFGE)
  • tel 011 26.34.561 (ore 09,00-13,00; 15,00-19,00)
  • sito web: www.afge.eu

mercoledì 17 ottobre 2018

Ftse Aim Italia 17-10-2018

Il FTSE AIM Italia scende del -0,43% 9.131,33 punti.

Il Controvalore scambiato in giornata è di 7.626.992 euro.

Il FTSE Italia PIR PMI All scende del -0,74%.

31 titoli su 113 (27%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia


I risultati migliori della giornata:
  • Gambero Rosso: 12,50%
  • Prismi: 7,91%
  • Health Italia: 5,93%
  • Elettra Investimenti: 5,38%
  • Ambromobiliare: 4,96%
I risultati peggiori della giornata:
  • CFT: -5,60%
  • Visibilia Editore: -5,52%
  • DBA Group: -5,23%
  • Net Insurance:   -5,00%
  • Bio-on: -4,22%

Redazione Aim Italia News

Bomi Italia, pubblicato studio societario

Studio societario di KT su Bomi Italia
Studio societario di KT
su Bomi Italia
KT ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento su Bomi Italia (10 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 118 mln di euro nel 2018 (+16,9% rispetto al 2017), 132 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 3,17 mln di euro nel 2018 (+52,2% rispetto al 2017), 4,58 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,188 euro nel 2018 (0,137 euro nel 2017) e 0,271 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 2,61 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 13,9 sugli utili del 2018 e 9,6 sugli utili del 2019.

KT non attribuisce un rating al titolo.

Il target price assegnato è di 4,22 euro (precedente 4,76), con un premio del 62% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 3,51 euro per azione, con un rendimento implicito del 17,7%.

Il nostro rating è A - VALUE.

Redazione Aim Italia News

✅ Bomi Italia 
✔ Prezzo 2,61 € 
✔ PE 12m 11,3 
✔ PB  4,72 
✔ Fair Value 3,51 € 
✔ Rendimento implicito 17,7% 
✔ Rating A - VALUE

Dominion Hosting, pubblicato studio societario

Studio societario di Value Track su Dominion Hosting
Studio societario di Value Track
su Dominion Hosting
Value Track ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento su Dominion Hosting Holding (19 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 6,18 mln di euro nel 2018 (+16,8% rispetto al 2017), 7,48 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 0,319 mln di euro nel 2018 (+30,2% rispetto al 2017), 0,403 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,225 euro nel 2018 (0,173 euro nel 2017) e 0,284 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 5,85 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 26,0 sugli utili del 2018 e 20,6 sugli utili del 2019.

Value Track non attribuisce un rating al titolo.

Il target price assegnato è di 10,3 euro (precedente 10,2), con un premio del 76% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 5,11 euro per azione, con un rendimento implicito del 6,7%.

Il nostro rating è C2 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ Dominion Hosting Holding  
✔ Prezzo 5,85 € 
✔ PE 12m 20,7 
✔ PB  1,10 
✔ Fair Value 5,11 € 
✔ Rendimento implicito 6,7% 
✔ Rating C2 - SPECULATIVO 

Safe Bag, pubblicato studio societario

Studio societario di UBI Banca su Safe Bag
Studio societario di
UBI Banca su Safe Bag
UBI Banca ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento su Safe Bag (15 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 46,0 mln di euro nel 2018 (+50,8% rispetto al 2017), 57,8 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 2,6 mln di euro nel 2018 (+44,4% rispetto al 2017), 3,5 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,168 euro nel 2018 (0,116 euro nel 2017) e 0,226 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 4,19 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 24,9 sugli utili del 2018 e 18,5 sugli utili del 2019.

UBI Banca attribuisce il rating BUY (invariato) al titolo.

Il target price assegnato è di 5,93 euro (precedente 6,68), con un premio del 42% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 3,76 euro per azione, con un rendimento implicito del 8,0%.

Il nostro rating è C2 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ Safe Bag 
✔ Prezzo 4,19 € 
✔ PE 12m 19,4 
✔ PB  1,72 
✔ Fair Value 3,76 € 
✔ Rendimento implicito 8,0% 
✔ Rating C2 - SPECULATIVO 

Dominion Hosting acquisisce "cloud provider" serbo

Dominion Hosting Holding, società quotata all'AIM Italia, che opera nel campo del web hosting, applicazioni web e cloud computing ha completato l'acquisizione di mCloud d.o.o. Beograd, un cloud computing provider Serbo.

DHH ha acquisito il 62% della società per 195.000 euro, con l'opzione di acquistare il rimanente 38% nei prossimi 2 anni, dopo l'approvazione del bilancio 2020.

Parallelamente DHH ha venduto la società serba DHH SRB d.o.o. Novi Sad, interamente posseduta, a mCloud al valore contabile, con l'obiettivo di consolidare la propria presenza in Serbia sotto una singola società.

Bosko Radivojevic
Bosko Radivojevic
Giandomenico Sica, Presidente of DHH, ha commentato.

“Grazie a questo accordo entriamo nel mercato del cloud computing e consolidiamo la nostra presenza in Serbia.

Inoltre mCloud è guidata da un grande imprenditore, Bosko Radivojevic.

Anche se è ancora molto giovane, è uno dei pionieri dell'industria internet in Serbia.

Il nostro progetto si basa molto sulla costruzione di una partnership tra imprenditori e siamo molto felici di avere Bosko nel nostro gruppo.”

✅ Dominion Hosting Holding 
✔ Prezzo 5,85 € 
✔ PE 12m 16,4 
✔ PB  1,09 
✔ Fair Value 5,02 € 
✔ Rendimento implicito 7,6% 
✔ Rating C2 - SPECULATIVO 

IVASS ha autorizzato la fusione tra Archimede e Net Insurance

IVASS, l’organo di vigilanza del settore assicurativo, ha concesso l’autorizzazione alla business combination tra Archimede e il gruppo Net Insurance.

L'accordo quadro vincolante è stato firmato dalle parti il 16 aprile 2018.

I consigli di amministrazione di Net Insurance e Archimede sono stati convocati giovedì 18 ottobre 2018 per le conseguenti deliberazioni.

Modifica dell'indice AIM Italia Investable: SG Company e Intred

Con la pubblicazione dei primi studi societari, si attiva la copertura da parte degli analisti finanziari di SG Company e Intred.

Logo AIM Italia InvestableLe società entrano quindi, a partire da venerdì 19 ottobre 2018, nel paniere dell'indice AIM Italia Investable.

Le loro variazioni di prezzo concorreranno alla variazione dell'indice a partire dal 26 ottobre 2018.

Diventano quindi 61 le azioni incluse nell'indice, su un totale di 113 negoziate all'AIM Italia.

Redazione Aim Italia News

axélero, dimissioni del consigliere indipendente

Michele Casucci, ex amministratore indipendente di axélero
Michele Casucci,
ex amministratore indipendente
di axélero
axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che Michele Casucci, consigliere indipendente del Consiglio di amministrazione della società, ha rassegnato le proprie dimissioni.

La motivazione delle dimissioni sono divergenze con gli altri consiglieri, in particolare in relazione all’approvazione, avvenuta il 02.10.2018, del Progetto di Bilancio 2017.

Il consigliere indipendente ha precisato, al momento delle dimissioni, di essere in disaccordo sul valore dell’iscrizione al fair value della partecipazione di axélero in Arreeba, ritenendo insufficiente la documentazione acquisita a supporto.

Ricordiamo che il patrimonio netto di axélero risulta positivo per 15,6 mln di euro solo in forza della rivalutazione della partecipazione in Arreeba (di cui axélero detiene il 51%), valutata complessivamente 42 mln di euro.

Senza tale rivalutazione il patrimonio netto di axélero risulterebbe negativo per 5 mln di euro.

Intred, pubblicato primo studio societario

Studio societario di Integrae su Intred
Studio societario di
Integrae su Intred
Integrae ha pubblicato il primo studio societario su Intred (28 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 16,9 mln di euro nel 2018 (+17,4% rispetto al 2017), 20,0 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 2,3 mln di euro nel 2018 (-8,0% rispetto al 2017), 3,2 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,145 euro nel 2018 (0,158 euro nel 2017) e 0,202 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 3,02 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 20,8 sugli utili del 2018 e 15,0 sugli utili del 2019.

Integrae attribuisce il rating BUY al titolo.

Il target price assegnato è di 3,93 euro, con un premio del 30% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 2,72 euro per azione, con un rendimento implicito del 10,0%.

Il nostro rating è C1 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,02 € 
✔ PE 12m 16,1 
✔ PB  2,25 
✔ Fair Value 2,72 € 
✔ Rendimento implicito 10,0% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

martedì 16 ottobre 2018

Ftse Aim Italia 16-10-2018

Il FTSE AIM Italia sale del +1,09% 9.170,90 punti.

Il Controvalore scambiato in giornata è di 6.852.364 euro.

Il FTSE Italia PIR PMI All sale del +2,25%.

43 titoli su 113 (38%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia


I risultati migliori della giornata:
  • Mondo TV France: 14,00%
  • Mondo TV Suisse: 8,70%
  • Cellularline: 5,96%
  • Bio-on: 5,62%
  • Leone Film Group: 4,22%
I risultati peggiori della giornata:
  • Neurosoft: -7,45%
  • Prismi: -4,87%
  • Innovatec: -4,68%
  • Grifal: -3,32%
  • Imvest: -2,87%

Redazione Aim Italia News

SG Company, pubblicati due studi societari

Sia Banca Akros che Value Track hanno pubblicato i primi studi societari disponibili su SG Company.

Il fatturato netto previsto è di 27,0-28,2 mln di euro nel 2018 (+10,8% rispetto al 2017), 33,1-33,9 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 1,6-1,7 mln di euro nel 2018 (+22,2% rispetto al 2017), 2,2-2,4 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,140-0,148 euro nel 2018 (0,135 euro nel 2017) e 0,191-0,210 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 2,50 euro.

Il rapporto prezzo / utili medio è di 17,4 sugli utili del 2018 e 12,5 sugli utili del 2019.

Banca Akros attribuisce il rating BUY, Value Track non attribuiscono un rating al titolo.

Il target price assegnato da entrambi è di 3,10 euro, con un premio sul prezzo corrente del 24%.

La nostra valutazione è di un fair value di 2,97 euro per azione, con un rendimento implicito del 16,7%.

Il nostro rating è A - VALUE.

Redazione Aim Italia News

✅ SG Company 
✔ Prezzo 2,50 € 
✔ PE 12m 12,9 
✔ PB  5,39 
✔ Fair Value 2,97 € 
✔ Rendimento implicito 16,7% 
✔ Rating A - VALUE 

Circle, presto in porto all'AIM Italia

Circle Spa, società specializzata nell’analisi dei processi e nello sviluppo di soluzioni di automazione e per la digitalizzazione dei settori portuale e della logistica intermodale, ha presentato la comunicazione di pre-ammissione relativa all’ammissione delle azioni ordinarie alle negoziazioni sull’Aim Italia.

L’operazione è rivolta a investitori istituzionali italiani ed esteri, a investitori professionali e al dettaglio.

Il range di prezzo di ammissione è stato fissato tra un minimo di 2,4 euro ed un massimo di 2,8 euro per azione.

Luca Abatello, Presidente e Ceo di Circle
Luca Abatello,
Presidente e Ceo di Circle
«I benefici derivanti dalla quotazione - ha dichiarato il Presidente e Ceo di Circle Luca Abatello - si andranno a sommare alle ottime performance del gruppo, che lo scorso anno ha generato ricavi per 4,052 mln di euro, in crescita del 74%, e un Ebitda di circa il 23,8%

Il management di Circle ritiene che l’operazione porterà evidenti vantaggi, in termini di visibilità, posizionamento competitivo, qualità e supporto alla crescita, alla società, al gruppo, ai dipendenti, ai clienti, ai partner, agli investitori e a tutti gli stakeholders.

La raccolta prevista sarà destinata a supportare il piano di crescita e di internazionalizzazione della società e quindi a:
  • Rafforzare e sviluppare il portfolio prodotti; 
  • Espandersi all’estero rafforzando la propria presenza sui mercati stranieri già presidiati (prevalentemente nell’area med e nell’est Europa) ed entrando in nuovi mercati come quello del middle east; 
  • Crescere per linee esterne attraverso fusioni e/o acquisizioni di altre società attive nel business della digitalizzazione della supply chain e attraverso collaborazioni e/o joint ventures.
Gli azionisti della Società:
  • InnoTech S.r.l., riconducibile a Luca Abatello, Presidente e Ceo di Circle;
  • Alcalela S.r.l., riconducibile ad Alexio Picco, Consigliere e Responsabile della divisione Connecting EU di Circle;
  • Fondi Ligurcapital S.p.A. e Capitalimpresa S.p.A.
si sono impegnati per 30 mesi, a non vendere o disporre in altro modo delle azioni sul mercato AIM Italia.

Nell’operazione di ammissione alle negoziazioni sull’AIM Italia la società è assistita da Integrae SIM, in qualità di Global Coordinator, Nomad e Bookrunner.

Costituita a Genova nel giugno del 2012, Circle è una società di consulenza direzionale con competenze verticali distintive nel settore portuale e della logistica intermodale, specializzata nell’analisi dei processi e nello sviluppo di soluzioni di automazione e per la digitalizzazione della Supply Chain.

Nel novembre 2017 Circle ha acquisito il 51% di Info.era, software house triestina con un’esperienza ventennale nel mondo marittimo, della logistica e delle spedizioni.

Tale operazione ha garantito a Circle e a Info.era il rafforzamento dei relativi prodotti software, che esprimono una complementarietà di target essendo rivolti, rispettivamente, al settore della logistica intermodale e portuale.

Infine, grazie all’esperienza del management nel campo della progettazione europea e nella ricerca di finanziamenti europei, Circle affianca, attraverso la business unit Connecting EU, enti pubblici e aziende private individuandone le opportunità di finanziamento (Project Anticipation) nonché il posizionamento a livello Europeo (EU Branding), e sviluppandone il business attraverso un team dedicato ai progetti UE e cofinanziati.

Cassa Depositi e Prestiti aiuta Clabo ad espandersi negli USA

Clabo, società quotata sull'AIM Italia, che opera nel settore delle vetrine espositive professionali, ha sottoscritto un accordo con Simest S.p.A. per l’acquisizione del 46% di Clabo Holding USA Inc.

Simest costituisce, insieme a Sace, il polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti.

Slogan finanziamenti Simest
Simest sottoscriverà a breve un aumento di capitale di 2 mln di dollari di Clabo Holding USA Inc al fine di sostenere lo sviluppo della neo acquisita HowardMcCray di Philadelphia.

L’accordo prevede l’impegno di Clabo a riacquistare la partecipazione di Simest nel 2026.

Tale accordo sosterrà l’implementazione del piano di espansione in Nord America del business del gruppo Clabo, nel rispetto delle linee strategiche espresse nel Piano Industriale 2018-2022 presentato agli investitori e al mercato nell’aprile di quest’anno.

Il Presidente di Clabo, Pierluigi Bocchini, ha dichiarato:

“Desidero ringraziare Simest per l’apprezzamento dimostrato nei confronti del piano di sviluppo di Clabo nel mondo.

Dopo l’ingresso nel capitale di Clabo Pacific Holding a sostegno della crescita di Clabo in Asia, registriamo ora la partecipazione di Simest anche nel capitale di Clabo Holding USA con l’obiettivo di accelerare la crescita sul mercato del nord America.

Gli Usa rappresentano oggi il 25% dei ricavi del nostro gruppo e a breve saranno il primo mercato di vendita.

L’obiettivo è crescere ancora in segmenti di business limitrofi al nostro e che rappresentano nicchie di mercato ad alto valore aggiunto, come stiamo operando con Howard McCray.

In merito al proposto aumento di capitale ed in considerazione delle attuali condizioni di mercato, stiamo valutando di rimodulare il timing degli investimenti sul nostro piano industriale”.

La Ceo di Simest, Alessandra Ricci, ha dichiarato:

“Siamo orgogliosi di aver affiancato per la seconda volta un’eccellenza italiana quale il gruppo Clabo che, grazie alla presenza in Cina e USA, le due maggiori aree di sviluppo del mercato, potrà trarre beneficio in termini di ulteriore crescita e affermazione a livello mondiale.

L’operazione con Clabo è per noi un’ulteriore conferma dell’apprezzamento per il ruolo che svolgiamo a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane, come evidenziato – del resto - dall’elevato tasso di ricorsività con cui i nostri partner si rivolgono agli strumenti Simest”.

✅ Clabo 
✔ Prezzo 2,04 € 
✔ PE 12m 10,8 
✔ PB  0,89 
✔ Fair Value 2,06 € 
✔ Rendimento implicito 12,6% 
✔ Rating B2 - GROWTH 

Innovatec acquista società ed entra in nuovo settore

Innovatec, società quotata all'AIM Italia, attiva nei settori dell'efficienza energetica, teleriscaldamento e nella costruzione e gestione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e degli impianti e servizi per l'ambiente, ha acquistato il 100% delle azioni della società Sostenya Green S.p.A.

Sostenya Green è attiva nell’intermediazione di spazi presso discariche, con un backlog alla data odierna di 50mila tonnellate e contratti in corso di finalizzazione per ulteriori 20mila tonnellate.

Tale backlog e contratti rappresentano un asset strategico di rivendita a terzi - replicabile nei futuri esercizi - nel contesto attuale di sostanziale carenza nel mercato di riferimento del nord Italia di spazi di conferimento in discarica.

Il prezzo di acquisto del 100% delle azioni di Sostenya Green è stato convenuto in 1,5 mln di euro, a cui sono state aggiunte le disponibilità di cassa della società pari a 297.579 euro,

Il prezzo corrisponde al valore di Sostenya Green determinato sulla base del metodo dei multipli di mercato (media multipli Ev/Ebitda di società attive nel settore “ambiente”) rettificato di un execution risk del 50% al fine di tenere in debita considerazione l’attuale situazione di start up del business operato dalla società acquisita.

Il prezzo di acquisto dovrà essere corrisposto entro otto giorni dalla data di sottoscrizione dell’atto di acquisto.

L’operazione di acquisto è stata oggetto di parere favorevole del Comitato Parti Correlate.

Il Comitato OPC ha valutato positivamente l’interesse della società al compimento della operazione di acquisto e la convenienza e correttezza sostanziale delle relative condizioni.

L’operazione di acquisto è un’operazione di maggiore rilevanza con parti correlate ai sensi del Regolamento Parti Correlate in quanto:
    Logo Sostenya Group
  • Aker S.r.l., società cedente di Sostenya Green, è controllata al 100% da Sostenya Group Plc, la quale ha una partecipazione in Innovatec pari al 18,20%.
  • Sostenya Group Plc ha anche una partecipazione del 31,38% in Gruppo Waste Italia S.p.A., socio di riferimento di Innovatec, con una partecipazione nell’emittente pari al 45,09%.
  • Alcuni spazi presso le discariche sono di proprietà di soggetti correlati.
  • Sostenya Green partecipa – con flusso di cassa neutrale - come assuntore nell’ambito delle procedure concordatarie di Waste Italia S.p.A., di alcune partecipate di quest’ultima quali: Ecoadda S.r.l. in liquidazione e Smaltimenti Controllati SMC S.r.l. nonché degli oneri di chiusura e post-chiusura della discarica denominata “Alice Castello”. 
  • Sostenya Green, si è proposta quale soggetto assuntore anche nell’ambito della procedura concordataria promossa dalla correlata Smaltimenti Controllati SMC S.r.l.

lunedì 15 ottobre 2018

Ftse Aim Italia 15-10-2018

Il FTSE AIM Italia scende del -0,01% 9.072,26 punti.

Il Controvalore scambiato in giornata è di 4.166.544 euro.

Il FTSE Italia PIR PMI All scende del -1,04%.

30 titoli su 113 (27%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia


I risultati migliori della giornata:
  • Innovatec: 19,31%
  • Mondo TV France: 6,84%
  • SG Company: 4,84%
  • Visibilia Editore: 4,36%
  • Vetrya: 3,83%
I risultati peggiori della giornata:
  • Portobello: -8,39%
  • Ambromobiliare: -4,29%
  • Costamp Group: -3,95%
  • Ecosuntek: -3,92%
  • Sostravel.com: -3,85%

Redazione Aim Italia News

Ftse Aim Italia settimana 12-10-2018

Il FTSE AIM Italia scende in settimana del -2,07% a 9.072,87 punti.

L'AIM Italia Investable è sceso nella settimana del -4,34% a 8.853,20 punti.

Il Controvalore scambiato in settimana è di 39,1 mln di euro.

Il FTSE Italia PIR PMI All scende in settimana del -5,09%.

12  titoli su 113 (11%) hanno chiuso la settimana con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia



I risultati migliori della settimana:
  • WM Capital: 6,85% 
  • Fervi: 4,79% 
  • Capital For Progress 2: 2,11% 
  • Rosetti Marino: 2,03% 
  • Portobello: 1,86% 
I risultati peggiori della settimana:
  • Innovatec: -17,67%
  • Sostravel.com: -16,13%
  • Clabo: -16,00%
  • Alfio Bardolla Training Group: -13,60%
  • Gambero Rosso: -13,51%

Risultati settimanali di tutte le società AIM Italia

4AIM SICAF: 0,00%

Abitare In: -3,43%
Agatos: -6,83%
Alfio Bardolla Training Group: -13,60%
Alkemy: -5,06%
Alp.I: 0,00%
Ambromobiliare: -6,75%
Archimede: 1,83%
Askoll EVA: -5,62%
Assiteca: -5,33%
axélero: sosp.

BioDue: -4,60%
Bio-on: 0,59%
Blue Financial Communication: -9,40%
Bomi Italia: -3,75%

Caleido Group: 0,00%
Capital For Progress 2: 2,11%
Casta Diva Group: -9,06%
CdR Advance Capital: -4,68%
Cellularline: 0,00%
CFT: -6,44%
Clabo: -16,00%
Costamp Group: 0,00%
Cover 50: -4,04%
Culti Milano: -0,83%

DBA Group: 1,18%
DHH: -1,68%
Digital Magics: -2,43%
Digital360: -6,84%
DigiTouch: -1,95%

Ecosuntek: -5,20%
Elettra Investimenti: -2,92%
Energica Motor Company: -10,27%
Energy Lab: sosp.
Enertronica: 0,00%
EPS Equita PEP 2: -1,56%
Equita Group: -4,93%
Esautomotion: -9,68%
Expert System: -5,15%

Fervi: 4,79%
Fine Foods NTM: -1,52%
Finlogic: -2,82%
Fintel Energia Group: -2,38%
First Capital: 0,00%
FOPE: -6,72%
Frendy Energy: -1,71%

Gabelli Value For Italy: -1,52%
Gambero Rosso: -13,51%
Gel: -4,23%
Giorgio Fedon & Figli: -2,25%
GO Internet: -1,08%
GPI: -7,51%
Grifal: -12,46%
Gruppo Green Power: -0,80%

Health Italia: -2,67%
H-FARM: -2,17%

Icf Group: -1,93%
IdeaMI: -0,41%
Illa: 0,00%
Imvest: 0,00%
Industrial Stars of Italy 3: 0,00%
Iniziative Bresciane: -2,56%
Innovatec: -17,67%
Intred: -2,26%
Italia Independent Group: -12,77%
Italian Wine Brands: -2,99%

Ki Group: -2,78%
Kolinpharma: -6,45%

Leone Film Group: -4,08%
Life Care Capital: -0,53%
Longino & Cardenal: -9,23%
Lucisano Media Group: -1,36%

MailUp: 0,43%
Masi Agricola: -7,29%
Mondo TV France: -8,24%
Mondo TV Suisse: -5,21%
Monnalisa: -3,48%

Neodecortech: -8,89%
Net Insurance: 0,00%
Neurosoft: -7,47%
Notorious Pictures: -2,95%

Orsero: -4,16%

Pharmanutra: -0,32%
PLT Energia: -9,03%
Poligrafici Printing: 1,03%
Portale Sardegna: -5,81%
Portobello: 1,86%
Prismi: -5,00%

Renergetica: -5,23%
Rosetti Marino: 2,03%

S.M.R.E.: -1,67%
Safe Bag: -0,83%
Sciuker Frames: -7,22%
SCM SIM: -4,12%
SG Company: -2,77%
SIT: -5,78%
SITI B&T Group: 0,67%
Softec: 0,00%
Somec: -3,90%
Sostravel.com: -16,13%
Spactiv: -1,04%
Spaxs: -1,53%
Sprintitaly: -1,23%

Telesia: -6,06%
TheSpac: -1,07%
TPS: -2,44%

Vei 1: 1,26%
Vetrya: -11,33%
Vimi Fasteners: -0,02%
Visibilia Editore: -5,70%

WIIT: -5,09%
WM Capital: 6,85%

Zephyro: 0,00%

Redazione Aim Italia News