www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 3.800 articoli pubblicati

martedì 12 febbraio 2019

ALP.I, come esercitare il diritto di recesso

ALP.I, spac quotata su AIM Italia, comunica che è stata iscritta presso il Registro delle Imprese di Milano la delibera dell’assemblea di ALP.I del 7 febbraio 2019, che ha approvato l’operazione di integrazione societaria, c.d. business combination, tra ALP.I e Antares Vision Srl, da realizzarsi mediante la fusione per incorporazione di ALP.I in Antares Vision.

Azionisti legittimati
Gli azionisti di ALP.I che non abbiano concorso, in quanto assenti, astenuti o dissenzienti, all’adozione della delibera dell’assemblea di approvazione della fusione possono esercitare, dal 12 febbraio 2019 al 26 febbraio 2019, il diritto di recesso.

Valore di liquidazione
Il valore unitario di liquidazione delle azioni ordinarie ALP.I è stato determinato in 10,00 euro.

Procedura per l’esercizio del diritto di recesso
Per poter esercitare il diritto di recesso, l’azionista deve:
  • aver detenuto le azioni per le quali intenda esercitare il diritto di recesso da prima dell’apertura dei lavori dell’assemblea sino alla data in cui esercita il diritto di recesso; e
  • non aver concorso, in quanto assente, astenuto o dissenziente, all’adozione della delibera assembleare di approvazione della Fusione.
Il diritto di recesso potrà essere esercitato per tutte  mediante invio di lettera raccomandata entro il 26 febbraio 2019.

La dichiarazione di recesso dovrà essere inviata a “ALP.I S.p.A. – Via Manfredo Camperio n. 9 – 20123 Milano (MI)” a mezzo raccomandata.

Si invitano gli aventi diritto ad anticipare la dichiarazione di recesso via posta elettronica certificata all’indirizzo alp.i@legalmail.it.

La dichiarazione di recesso dovrà recare le seguenti informazioni:
  • le generalità del socio recedente, ivi inclusi il codice fiscale, il domicilio, un recapito telefonico e, ove possibile, un indirizzo e-mail;
  • il numero di azioni per le quali è esercitato il diritto di recesso;
  • gli estremi e le coordinate del conto corrente dell’azionista recedente su cui dovrà essere accreditato il valore di liquidazione delle azioni; 
  • l’indicazione dell’intermediario presso cui è acceso il conto sul quale sono registrate le azioni, unitamente agli estremi e alle coordinate del predetto conto.
Gli azionisti di ALP.I che intendono esercitare il diritto di recesso sono tenuti a richiedere al proprio intermediario, a pena di inammissibilità della dichiarazione di recesso, l’invio ad ALP.I dell’attestazione sulla legittimazione all’esercizio del diritto di recesso.

Le dichiarazioni di recesso inviate oltre il termine o sprovviste delle necessarie informazioni o non corredate in tempo utile delle relative dichiarazioni di cui sopra non avranno effetto.

ALP.I, ricevute le dichiarazioni di recesso e avuta adeguata conferma da parte degli intermediari circa la legittimazione all’esercizio del diritto di recesso da parte dei soci recedenti, comunicherà tempestivamente al pubblico il numero di azioni ordinarie per le quali il diritto di recesso sarà stato validamente esercitato.

Liquidazione delle azioni per le quali sia stato esercitato il diritto di recesso
  1. Le azioni per le quali sia stato esercitato il diritto di recesso verranno offerte in opzione agli altri soci di ALP.I in proporzione alle azioni da ciascuno possedute; contestualmente all’esercizio dell’opzione, i soci avranno facoltà di esercitare il diritto di prelazione e acquistare le azioni ordinarie che siano eventualmente rimaste inoptate;
  2. qualora residuassero azioni ordinarie ALP.I rimaste inoptate e per le quali non sia stato esercitato il diritto di prelazione da parte dei soci, gli amministratori di ALP.I potranno collocarle presso terzi investitori interessati al loro acquisto;
  3. qualora residuassero ulteriori azioni ordinarie ALP.I oggetto del diritto di recesso, queste saranno acquistate direttamente da ALP.I utilizzando riserve disponibili.
Il pagamento delle azioni oggetto di recesso avverrà il venerdì antecedente alla data di efficacia della fusione.