www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 3.700 articoli pubblicati

giovedì 21 febbraio 2019

Gear 1 (spac del settore meccanico) ha finito il collocamento

Gear 1 ha presentato domanda di ammissione delle proprie azioni ordinarie e dei Warrant Gear alle negoziazioni sull'AIM Italia.

Gear 1 è una Special Purpose Acquisition Company (Spac) promossa da Matteo Nobili, Maurizio Cozzolini e Arnaldo Camuffo al fine di individuare imprese target con un posizionamento competitivo rilevante e un management di comprovata esperienza.

L’attenzione, in particolare, è rivolta a società attive nel settore della meccanica agricola e industriale, per realizzare un’operazione di integrazione.

Il collocamento privato, concluso il 19 febbraio 2019 e riservato agli investitori istituzionali italiani ed esteri, ha avuto a oggetto 3 mln di azioni, a un prezzo di sottoscrizione fissato a 10 euro per azione, per un controvalore complessivo di 30 mln di euro.

Per ogni 10 azioni ordinarie è assegnato gratuitamente 1 warrant.

I promotori saranno titolari, alla data di inizio delle negoziazioni, di 50 mila azioni speciali, che si convertiranno in azioni ordinarie nei modi e nei termini previsti dallo statuto di Gear 1.

Gear 1 prevede di ottenere il provvedimento di ammissione da Borsa Italiana entro la fine di questa settimana.

EnVent Capital Markets Ltd ha agito quale Global Coordinator e Nomad.

Gear 1, secondo il modello della accelerated business combination, ha individuato Comer Industries e il gruppo dalla stessa controllato come target per la realizzazione dell'operazione, che sara' realizzata attraverso la fusione per incorporazione di Gear 1 in Comer Industries.

Le assemblee di Comer e Gear 1 hanno già approvato la fusione, perciò l’operazione non prevede l’attribuzione di alcun diritto di recesso in favore degli investitori che hanno sottoscritto le azioni ordinarie nell’ambito del collocamento privato.

Il Target
Matteo Storchi, amministratore delegato di Comer Industries
Matteo Storchi,
amministratore delegato
di Comer Industries
Il gruppo Comer Industries, di Reggiolo (RE), guidato dall'amministratore delegato Matteo Storchi, opera nel settore della progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi avanzati di ingegneria e soluzioni di meccatronica per la trasmissione di potenza, che vengono venduti a imprese operanti in Italia e all’estero nella costruzione di macchine per l’agricoltura e l’industria quali componenti di tali macchine.

La società, fondata nel 1970 dai fratelli Fabio, Fabrizio e Oscar Storchi, è di proprietà della famiglia Storchi.

Fabio Storchi è attualmente presidente di Vimi Fasteners, società quotata all'AIM Italia dall'agosto 2018.

L’87% della della produzione del gruppo è destinata all’export.

Usa, Cina, Francia, Germania, Inghilterra, India e Brasile sono i mercati strategici nei quali Comer Industries è oggi presente con consociate commerciali e impianti di produzione.

Il gruppo ha 1.394 dipendenti.

Bilancio consolidato annuale al 30 giugno 2018 
(1° semestre 2018 + 2° semestre 2017)
migliaia di euro

Fatturato 365.808
Ebitda 35.161
Utile netto 14.965

Posizione finanziaria netta 40.035
Patrimonio netto 82.776