www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 3.700 articoli pubblicati

venerdì 7 giugno 2019

Esautomotion, joint venture in Cina con partner italiano

Esautomotion, società quotata all'AIM Italia, attiva nel settore della componentistica meccatronica ad alta precisione, comunica che ha sottoscritto una lettera di intenti con il gruppo Sangalli Servomotori, finalizzata alla costituzione in joint venture di una società di diritto cinese destinata alla produzione in Cina di servomotori.

L’avvio della joint venture è previsto entro la fine dell’anno, ma la lettera prevede, al fine di anticiparne i benefici, delle condizioni speciali di fornitura già a partire dal mese di luglio 2019.

La lettera prevede che la nuova società produca in territorio cinese tutta la gamma di servomotori che fanno parte dei sistemi di meccatronica di controllo numerico di Esautomotion.

Tali motori devono avere caratteristiche di potenza, velocità, massa, accelerazione, inerzia specifici per ogni singola applicazione, al fine di realizzare le macchine più performanti del mercato, a prezzi di mercato altamente concorrenziali e non gravati da dazi, costi di trasporto e logistica connessi con la produzione in Europa.

Gianni Senzolo, ceo di Esautomotion:

“Ad oggi soltanto circa il 50% dei controlli numerici venduti da Esautomotion ha motori Esautomotion.

La nuova partnership costituisce un’opportunità di crescita per la nostra azienda, permettendo di aumentare il fatturato per unità venduta di circa il doppio.

Fornire sistemi di automazione completi – laddove, ad oggi, si fornisce soltanto il controllo numerico – permetterebbe di aumentare fatturato e redditività ma soprattutto di:
  • esasperare le performance per le macchine più innovative: spesso le prestazioni teoriche dal controllo numerico sono limitate da altri componenti quali motori ed azionamenti;
  • semplificare il processo di acquisizione e crescita presso i clienti, in quanto spesso le maggiori difficoltà sono dovute all’interfacciamento con parti fornite da terzi produttori;
  • rendere più efficace e meno costosa l’assistenza tecnica mediante la teleassistenza con diagnostica completa della macchina;
  • conquistare nuove quote di mercato.
La Cina è diventata il vero banco di prova per tutti i produttori di controlli numerici poiché alla politica di dazi all’importazione si aggiunge la differenza di prezzo dei componenti essenziali rispetto all’Europa, che, talvolta, arriva sino al 50%.

La nuova joint venture realizzata con un fornitore storico di Esautomotion che apporta know-how e le necessarie competenze manageriali per produrre all’estero, mira a raggiungere i livelli di costo di produzione dei grandi costruttori cinesi producendo prodotti migliori, a beneficio non soltanto del mercato cinese ma di tutto il mercato di sbocco di Esautomotion”.

✅ Esautomotion 
✔ Prezzo 2,96 € 
✔ PE 12m 13,1 
✔ PB 2,35 
✔ Fair Value 3,00 € 
✔ Rendimento implicito 11,4% 
✔ Rating A - VALUE