sabato 23 febbraio 2019

Intervista a Claudio Lencovich, associate partner Capital Markets EY

In occasione del convegno AIM Italia - Attori ed opportunità, organizzato a Milano il 22 febbraio 2019 dallo studio legale Dentons.


Fonte: Monitorimmobiliare.it, durata 4:38.

“Quando si inizia a parlare con imprenditori e manager di una quotazione in borsa spesso è necessario delineare un percorso strategico ampio, che preveda una serie di attività che permettano l’approdo in Borsa.

L’imprenditore oggi ha necessità di essere aiutato a strutturare una realtà di controllo, governance e reporting che gli consenta di prendere le proprie decisioni e di potersi mostrare al pubblico con dati più tempestivi e dettagliati per selezionare meglio i propri investimenti.

Quando pensiamo alle criticità del processo di accesso in Borsa dobbiamo pensare che all’Aim approdano piccole e medie imprese, società che storicamente sono meno strutturate, spesso a causa di un percorso di crescita molto rapida”.

Intervista a Emmanuele Mastagni, partner Capital Market DGPA & Co

In occasione del convegno AIM Italia - Attori ed opportunità, organizzato a Milano il 22 febbraio 2019 dallo studio legale Dentons.


Fonte: Monitorimmobiliare.it, durata 2:42.

“La quotazione delle Pmi è un’opportunità per le aziende che cercano nuova finanza per riuscire a finanziare il loro percorso di crescita.

Da questo punto di vista Aim accoglie le Pmi e permette di ottenere questo risultato.

E’ evidente che per quanto sia un percorso agevolato, veloce e dai bassi costi, ha comunque degli oneri, soprattutto per le società non ancora perfettamente strutturate.

E’ fondamentale che arrivino preparate al processo di quotazione.

E’ necessario conoscere le conseguenze della quotazione.

Per questo esistono i financial advisors, che ha le competenze per fornire una prima valutazione per quelle che sono le condizioni di quotazione, in modo che la società colga pro e contro di questo processo”.

Intervista a Luca Tavano, head of Primary Markets, Borsa Italiana

In occasione del convegno AIM Italia - Attori ed opportunità, organizzato a Milano il 22 febbraio 2019 dallo studio legale Dentons.


Fonte: Monitorimmobiliare.it, durata 1:43.

"La quotazione in Borsa rappresenta per la Pmi un’opportunità da diversi punti di vista.

Un’azienda dovrebbe considerare di quotarsi per accelerare il proprio piano di sviluppo.

La patrimonializzazione è un elemento che sta diventando sempre più importante per le Piccole e medie imprese perché assicura una maggiore tutela nei confronti per esempio di eventuali shock dal punto di vista creditizio.

La quotazione non rappresenta solo finanza, ma anche l’opportunità di godere maggiore visibilità dovuta al fatto che si accettano requisiti di trasparenza e regole che consentono di sviluppare la propria attività interfacciandosi con stakeholder, clienti, fornitori, in un mercato di maggiore dimensione."

Intervista a Antonella Brambilla, partner dello studio legale Dentons

In occasione del convegno AIM Italia - Attori ed opportunità, organizzato a Milano il 22 febbraio 2019 dallo studio legale Dentons.


Fonte: Monitorimmobiliare.it, durata 5:38.

“Ritengo che sia fondamentale, soprattutto in Italia, un’attività e una comprensione di cosa voglia dire un processo di quotazione su Aim.

E’ importantissima un’attività di educazione verso gli imprenditori.

Aim nasce per le piccole e e medie imprese, se gli imprenditori riescono a sapere che possono servirsi di uno strumento quale la quotazione su Aim per raccogliere capitali finalizzati alla crescita e allo sviluppo del business è essenziale.

Questa iniziativa nasce da un’esigenza degli operatore del mercato e degli studi legali: far capire al management delle imprese quanto sia importante adottare determinare regole che possano garantire alla società di poter accedere a queste opportunità”.

AIM ITALIA: previsione tasso di crescita degli utili, al 22 febbraio 2019

AIM Italia: previsione tasso di crescita degli utili
Valutazione fondamentale al 22 febbraio 2019

Tasso di crescita degli utili delle imprese dell'AIM Italia, implicito nella loro quotazione.

Dati
P/E [utile previsto dagli analisti]: 11,73 (precedente 11,65)
Ottimismo degli analisti: +7,0% (precedente +6,3%)
P/E [utile corretto]: 13,64 (precedente 13,62)
E/P [1 / 13,64]: 7,33% (precedente 7,34%)
Equity cost: 11,96% (precedente 11,96%)
Inflazione prevista: 1,85% (precedente 1,85%)

Calcoli
Tasso di crescita nominale [11,96% - 7,33%]: 4,63% (precedente 4,62%)
Tasso di crescita reale [4,63% - 1,85%]: 2,78% (precedente 2,77%)

Dati utilizzati e procedura:

1.
Per singolo titolo, l'utile per azione (Eps) previsto nei successivi 12 mesi, corretto dell'intrinseco ottimismo degli analisti finanziari.

Abbiamo utilizzato a tale fine la stima del fattore di correzione fornita mensilmente dal sito di analisi fondamentale www.azioni.ml.

2. 
Per singolo titolo, l'ultimo prezzo di mercato disponibile.

3. 
Il tasso di inflazione previsto per i prossimi 10 anni, calcolato facendo la media tra le stime fornite da Survey of Professional Forecasters (SPF), Consensus Economics e Euro Zone Barometer.

4.
E' stato utilizzato il valore mediano, invece del più comune valore medio, del rapporto prezzo - utili delle società analizzate.

Ciò consente di ottenere una stima di mercato robusta: non influenzata da singole valutazioni azionarie estreme.

Redazione Aim Italia News

Il rendimento implicito di AIM Italia invariato a 11,96%

AIM Italia: tasso di rendimento implicito
Valutazione fondamentale al 22 febbraio 2019

Rendimento Implicito indice AIM Italia Investable: 11,96% (= 0,00%)
Stima aggiornata al 22-02-2019 (mediana)

Rendimento Implicito indice FTSE MIB: 9,60% (- 0,02%)
Stima aggiornata al 22-02-2019 (mediana)
Fonte: www.azioni.ml

Premio di rendimento AIM Italia vs MIB: 2,36% (+ 0,02%)

Analisi: fondamentale
Orizzonte temporale: medio/lungo periodo
Parametro: mediana
Stima: campionaria
Calcolo: al lordo di imposte e inflazione
Aggiornamento: 22 febbraio 2019
Indice: AIM Italia Investable, 8.645,92 (+ 0,86%)
Indice collegato: FTSE AIM Italia, 8.655,62 (+ 0,70%)
Elaborazione: "Aim Italia News"

N.B. Il rendimento implicito è il tasso che eguaglia il flusso futuro atteso di utili e dividendi all'attuale prezzo di mercato.


Trend rendimento implicito indici Aim Italia Investable e FTSE Mib

Redazione Aim Italia News

venerdì 22 febbraio 2019

AIM Italia Investable Index 22-02-2019

L'AIM Italia Investable è salito nella settimana del +0,86% 8.645,92 punti.

Logo AIM Italia InvestableIl FTSE AIM Italia è salito nella settimana del +0,70% a 8.655,62 punti.

Il LIMEYARD Finnat AIM Italia 100 ex SPAC è salito nella settimana del +1,01% a 89,40 punti.

40 titoli su 67 (60%) hanno chiuso la settimana con una variazione positiva.

I risultati migliori della settimana:
  • Vetrya +16,30%
  • EdiliziAcrobatica +11,87%
  • Expert System +9,96%
  • Wiit +9,89%
  • SCM SIM +9,09%
I risultati peggiori della settimana:
  • DBA Group -10,24%
  • CDR Advance Capital -8,96%
  • Notorious Pictures -8,05%
  • Clabo -7,41%
  • Illa -6,87%
L'AIM Italia Investable (AII) è un indice di mercato azionario che comprende le azioni delle società quotate all'Aim Italia coperte da un analista finanziario.

La presenza di uno o più analisti finanziari consente di attivare una modalità di investimento basata sui fondamentali delle società: l'unica adeguata ad un mercato poco liquido come l'Aim Italia.

L'indice è ricalcolato settimanalmente, alla chiusura di venerdì.

Maggiori dettagli sull'AIM Italia Investable Index.

Redazione Aim Italia News

Ftse Aim Italia 22-02-2019

Il FTSE AIM Italia sale del +0,28% 8.655,62 punti.

Ftse Aim Italia 22-02-2019
Ftse Aim Italia 22-02-2019











Il Controvalore scambiato in giornata è di 9.218.667 euro.

38 titoli su 114 (33%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • Mondo Tv Suisse: 25,76%
  • Neosperience: 16,86% 
  • WM Capital: 8,81%
  • Digitouch: 6,45%
  • Vimi Fasteners: 6,22%
I risultati peggiori della giornata:
  • Portale Sardegna: -4,73%
  • Illa: -4,46%
  • Renergetica: -4,24%
  • Ambromobiliare: -3,72%
  • Blue Financial Communication: -3,00%

Redazione Aim Italia News

Wiit, pubblicato studio societario

Studio societario di Intermonte su Wiit
Intermonte ha pubblicato uno studio societario di aggiornamento su Wiit (6 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 31,1 mln di euro nel 2019 (+23,4% rispetto al 2018), 35,1 mln di euro nel 2020.

L'utile netto previsto è di 5,40 mln di euro nel 2019 (+41,7% rispetto al 2018), 6,18 mln di euro nel 2020.

L'utile per azione previsto è di 2,13 euro nel 2019 (1,50 euro nel 2018) e 2,44 euro nel 2020.

Il prezzo corrente del titolo è 45,9 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 21,6 sugli utili del 2019 e 18,8 sugli utili del 2020.

Intermonte attribuisce il rating BUY (invariato) al titolo.

Il target price assegnato è di 60 euro (invariato), con un premio del 31% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 37,8 euro per azione, con un rendimento implicito del 10,0%.

Il nostro rating è C1 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ Wiit 
✔ Prezzo 45,9 € 
✔ PE 12m 24,9 
✔ PB  5,00 
✔ Fair Value 37,8 € 
✔ Rendimento implicito 10,0% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

Modifica dell'indice AIM Italia Investable: Neosperience

Con la tempestiva pubblicazione del primo studio societario, si attiva subito la copertura da parte degli analisti finanziari della neo quotata Neosperience.

Logo AIM Italia InvestableLa società entra quindi, a partire da venerdì 22 febbraio 2019, nel paniere dell'indice AIM Italia Investable.

La sua variazione di prezzo concorrerà alla variazione dell'indice a partire dal 1 marzo 2019.

Diventano quindi 68 le azioni incluse nell'indice, su un totale di 114 negoziate all'AIM Italia.

Redazione Aim Italia News

Mondo TV France, emessi altri 0,5 mln di euro di bond a conversione obbligatoria

Mondo TV France (appartenente al gruppo Mondo TV), società quotata sull’AIM Italia, che opera nel settore della produzione e dello sfruttamento di serie televisive animate, comunica che in data odierna sono state emesse la quarta e la quinta tranche di bond a conversione obbligatoria (Pipe) in virtù del contratto concluso tra la Mondo TV France e Atlas Special Opportunities e Atlas Capital Markets.

Si rammenta che le tranche hanno ad oggetto 25 bond ciascuna, per un controvalore complessivo di 250.000 euro e che il Contratto Atlas, il cui valore complessivo totale è pari ad 2,5 mln di euro, prevede la facoltà della Società di richiedere la sottoscrizione dei Bond entro 30 mesi a partire dalla data di sottoscrizione del Contratto Atlas in dieci tranche di 25 Bond ciascuna; pertanto allo stato residuano ancora 5 tranche.

Sempre in data odierna Mondo TV France comunica che ha ricevuto da Atlas Special Opportunities, del gruppo Atlas Capital Markets, una richiesta di conversione di dieci dei 50 bond emessi in data di oggi, per un importo di 100.000 euro.

Successivamente alla conversione odierna, risultano quindi 40 ulteriori Bond da convertire in base alle due tranche, per un valore di 400.000 euro.

Il numero di azioni oggetto della conversione è stato determinato in conformità al dettato contrattuale sulla base del 92% del prezzo medio ponderato delle transazioni rilevate durante tre giorni di borsa entro i 15 giorni precedenti.

Il prezzo così determinato è risultato essere pari a 0.0253 euro per azione.

Pertanto i Bond oggetto di conversione danno diritto a sottoscrivere 3.947.783 azioni ordinarie Mondo TV pari a circa il 3,41% del capitale sociale attualmente in circolazione.

Il numero di azioni Mondo TV France emesse ad oggi è di 115.583.504.

La futura conversione, ipotizzando un prezzo invariato, dei rimanenti 90 Bond emessi finora, porterebbe alla sottoscrizione di ulteriori 35.530.047 azioni.

In caso di emissione dei rimanenti 125 Bond relativi alle residue 5 tranche non ancora emesse, la loro successiva conversione, ipotizzando un prezzo invariato, porterebbe alla sottoscrizione di ulteriori 49.347.287 azioni.

Neosperience, pubblicato studio societario

Studio societario di Banca Finnat su Neosperience
Banca Finnat ha pubblicato il  primo studio societario su Neosperience (26 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 8,47 mln di euro nel 2018 (+62,0% rispetto al 2017), 14,78 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 1,47 mln di euro nel 2018 (+126,1% rispetto al 2017), 2,03 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,228 euro nel 2018 (0,124 euro nel 2017) e 0,314 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 5,29 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 23,2 sugli utili del 2018 e 16,8 sugli utili del 2019.

Banca Finnat attribuisce il rating BUY al titolo.

Il target price assegnato è di 10,27 euro, con un premio del 94% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 5,21 euro per azione, con un rendimento implicito del 11,6%.

Il nostro rating è B1 - GROWTH.

Redazione Aim Italia News

✅ Neosperience 
✔ Prezzo 5,29 € 
✔ PE 12m 19,7 
✔ PB  3,72 
✔ Fair Value 5,21 € 
✔ Rendimento implicito 11,6% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

giovedì 21 febbraio 2019

Ftse Aim Italia 21-02-2019

Il FTSE AIM Italia sale del +0,21% 8.631,69 punti.

Ftse Aim Italia 21-02-2019
Ftse Aim Italia 21-02-2019











Il Controvalore scambiato in giornata è di 8.627.418 euro.

38 titoli su 114 (33%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • Mondo Tv Suisse: 20,00% 
  • Gambero Rosso: 15,49%
  • Giorgio Fedon & Figli: 12,68%
  • Portale Sardegna: 12,67%
  • Neosperience: 11,60%
I risultati peggiori della giornata:
  • Caleido Group: -7,63%
  • WM Capital: -5,92%
  • Costamp Group: -4,72%
  • Italia Independent Group: -4,15%
  • Telesia: -3,91%

Redazione Aim Italia News

Mondo TV Suisse, consegnati a Netflix i primi 26 episodi di Yoohoo

Mondo TV Suisse (appartenente al gruppo Mondo TV), società quotata sull’AIM Italia, che opera nel settore della produzione e dello sfruttamento di serie televisive animate, comunica di aver completato la realizzazione e la consegna ai coproduttori dei primi 26 episodi della terza serie basata sulla propertyYoohoo”.

La serie è stata doppiata in 20 lingue, oltre l’inglese, per il lancio in contemporanea in più di 100 paesi in tutto il mondo secondo quanto previsto dall’accordo con i coproduttori.

YooHoo to the Rescue, serie originale Netflix
YooHoo to the Rescue, serie originale Netflix
Il lancio, come serie originale Netflix, è previsto a partire dalla metà di marzo 2019 (escluso per Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Polonia e Russia il cui lancio su canali c.d. free TV è previsto in un momento successivo).

Con questa consegna, il gruppo Mondo TV raggiunge un grande risultato industriale: la serie infatti rappresenta il prodotto qualitativamente di punta della Mondo TV.

La serie completa è composta da un totale di 52 episodi di 11 minuti l'uno.

Si conferma la previsione di consegna di tutti gli episodi entro il terzo trimestre 2019.

Gear 1 (spac del settore meccanico) ha finito il collocamento

Gear 1 ha presentato domanda di ammissione delle proprie azioni ordinarie e dei Warrant Gear alle negoziazioni sull'AIM Italia.

Gear 1 è una Special Purpose Acquisition Company (Spac) promossa da Matteo Nobili, Maurizio Cozzolini e Arnaldo Camuffo al fine di individuare imprese target con un posizionamento competitivo rilevante e un management di comprovata esperienza.

L’attenzione, in particolare, è rivolta a società attive nel settore della meccanica agricola e industriale, per realizzare un’operazione di integrazione.

Il collocamento privato, concluso il 19 febbraio 2019 e riservato agli investitori istituzionali italiani ed esteri, ha avuto a oggetto 3 mln di azioni, a un prezzo di sottoscrizione fissato a 10 euro per azione, per un controvalore complessivo di 30 mln di euro.

Per ogni 10 azioni ordinarie è assegnato gratuitamente 1 warrant.

I promotori saranno titolari, alla data di inizio delle negoziazioni, di 50 mila azioni speciali, che si convertiranno in azioni ordinarie nei modi e nei termini previsti dallo statuto di Gear 1.

Gear 1 prevede di ottenere il provvedimento di ammissione da Borsa Italiana entro la fine di questa settimana.

EnVent Capital Markets Ltd ha agito quale Global Coordinator e Nomad.

Gear 1, secondo il modello della accelerated business combination, ha individuato Comer Industries e il gruppo dalla stessa controllato come target per la realizzazione dell'operazione, che sara' realizzata attraverso la fusione per incorporazione di Gear 1 in Comer Industries.

Le assemblee di Comer e Gear 1 hanno già approvato la fusione, perciò l’operazione non prevede l’attribuzione di alcun diritto di recesso in favore degli investitori che hanno sottoscritto le azioni ordinarie nell’ambito del collocamento privato.

Il Target
Matteo Storchi, amministratore delegato di Comer Industries
Matteo Storchi,
amministratore delegato
di Comer Industries
Il gruppo Comer Industries, di Reggiolo (RE), guidato dall'amministratore delegato Matteo Storchi, opera nel settore della progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi avanzati di ingegneria e soluzioni di meccatronica per la trasmissione di potenza, che vengono venduti a imprese operanti in Italia e all’estero nella costruzione di macchine per l’agricoltura e l’industria quali componenti di tali macchine.

La società, fondata nel 1970 dai fratelli Fabio, Fabrizio e Oscar Storchi, è di proprietà della famiglia Storchi.

Fabio Storchi è attualmente presidente di Vimi Fasteners, società quotata all'AIM Italia dall'agosto 2018.

L’87% della della produzione del gruppo è destinata all’export.

Usa, Cina, Francia, Germania, Inghilterra, India e Brasile sono i mercati strategici nei quali Comer Industries è oggi presente con consociate commerciali e impianti di produzione.

Il gruppo ha 1.394 dipendenti.

Bilancio consolidato annuale al 30 giugno 2018 
(1° semestre 2018 + 2° semestre 2017)
migliaia di euro

Fatturato 365.808
Ebitda 35.161
Utile netto 14.965

Posizione finanziaria netta 40.035
Patrimonio netto 82.776

PLT Energia, documento d'offerta al vaglio di Consob

I promotori (azionisti di controllo della società) dell'offerta pubblica di acquisto volontaria riguardante le azioni di PLT Energia comunicano di avere presentato alla Consob il documento di offerta.

Il documento verrà pubblicato al termine dell'istruttoria svolta dalla Consob.

✅ PLT Energia 
✔ Prezzo 2,79 € 
✔ PE 12m 7,1 
✔ PB 1,36 
✔ Fair Value 3,49 € 
✔ Rendimento implicito 14,8% 
✔ Rating A - VALUE 

Vimi Fasteners, utile 2018 inferiore alle aspettative del mercato

Il consiglio di amministrazione di Vimi Fasteners, ha preso visione dei principali risultati consolidati preliminari unaudited relativi all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2018.

Fatturato
I ricavi consolidati pro-forma preliminari del gruppo Vimi Fasteners relativi all’esercizio 2018 si sono attestati a 52,3 mln di euro, in aumento di circa il 4% rispetto al dato pro-forma del 2017.

Il risultato è inferiore del 2% rispetto alla previsione degli analisti finanziari di 53,4 mln di euro di fatturato.

Nell’ultimo quadrimestre del 2018 si è assistito ad un calo della produzione automobilistica a livello globale, che ha influenzato negativamente le vendite di componentistica automotive.

Pur restando confidenti nelle stime di crescita del mercato mondiale dell’automotive nel medio-lungo periodo, si evidenzia che questo settore rappresenta il 45% del fatturato complessivo del gruppo.

Ebitda
Il dato preliminare relativo all’Ebitda consolidato pro-forma adjusted del gruppo Vimi Fasteners per l’esercizio 2018 si è attestato intorno al 13,5% dei ricavi (7,1 mln di euro), in diminuzione rispetto allo stesso dato dell’esercizio precedente pari a circa il 15,9% (8,0 mln di euro).

Il dato preliminare risulta, inoltre, inferiore alle stime di metà anno, precedentemente comunicate al mercato, che prevedevano un Ebitda margin adjusted pari al 16% circa dei ricavi (8,9 mln di euro) per l’esercizio 2018.

Lo scostamento rispetto alle stime è imputabile a inefficienza produttiva legata al trasferimento di parte delle attività industriali in altra sede e alla costruzione del nuovo stabilimento in area adiacente all’esistente.

Questi effetti negativi verranno meno una volta completato il nuovo lay-out industriale.

Utile netto
La flessione della marginalità sopra descritta, unitamente all’incremento degli ammortamenti registrati nel corso dell’esercizio 2018, ha portato ad una diminuzione del risultato netto del gruppo.

Il consiglio di amministrazione ha stimato che l’utile netto consolidato pro-forma adjusted relativo all’esercizio 2018 si attesterà tra i 2,4 mln  e i 2,5 mln di euro, in diminuzione rispetto allo stesso
dato relativo all’esercizio precedente (2,7 mln di euro).

Il risultato è di circa un terzo inferiore rispetto alla previsione degli analisti finanziari di 3,8 mln di euro di utile.

Posizione finanziaria netta
La Posizione finanziaria netta consolidata al 31 dicembre 2018 pari a 14,2 mln di euro è in miglioramento rispetto al dato pro-forma del 2017 (19,9 mln di euro) e al dato pro-forma semestrale al 30 giugno 2018 (22,5 mln di euro) per effetto della liquidità rinveniente dall’aumento di capitale a servizio della quotazione (pari a 10 mln di euro circa, al netto dei costi di IPO).

Tale dato risulta, comunque, superiore alle stime precedenti, a causa di un maggior fabbisogno di capitale circolante determinatosi nell’ultima parte dell’anno.

Le informazioni finanziarie esposte non sono state ancora assoggettate a verifica da parte della società di revisione e i dati finanziari esposti non devono essere considerati definitivi.

✅ Vimi Fasteners 
✔ Prezzo 2,32 € 
✔ PE 12m 8,0 
✔ PB 1,15 
✔ Fair Value 2,68 € 
✔ Rendimento implicito 12,2% 
✔ Rating A - VALUE 

mercoledì 20 febbraio 2019

Ftse Aim Italia 20-02-2019

Il FTSE AIM Italia sale del +0,23% 8.613,61 punti.

Ftse Aim Italia 20-02-2019
Ftse Aim Italia 20-02-2019











Il Controvalore scambiato in giornata è di 7.576.883 euro.

43 titoli su 114 (38%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • Neosperience: 38,60% (rispetto al prezzo di collocamento)
  • Gambero Rosso: 18,33%
  • Mondo Tv Suisse: 10,00%
  • SosTravel: 5,45%
  • Powersoft: 5,32%
I risultati peggiori della giornata:
  • CDR Advance Capital: -7,46%
  • Visibilia Editori: -4,00%
  • Softec: -3,92%
  • Illa: -3,86%
  • Innovatec: -3,64%

Redazione Aim Italia News

Giorgio Fedon & Figli, recupero della redditività nel secondo semestre 2018

Callisto Fedon, presidente di Giorgio Fedon & Figli
Callisto Fedon, presidente di
Giorgio Fedon & Figli
Callisto Fedon, presidente del gruppo Giorgio Fedon & Figli, società quotata all'AIM Italia, che opera a livello internazionale nel settore della produzione e della commercializzazione di astucci per occhiali e accessori per l’occhialeria, ha dichiarato:

"Sotto il profilo reddituale il secondo semestre ha realizzato un recupero nel core business rispetto al primo semestre, sia come maggior fatturato che marginalità, dichiara Callisto Fedon presidente del gruppo.

Le azioni di risparmio costi, messe in atto nello scorso autunno, ci consentiranno un miglior risultato nell’esercizio 2019. 

Il fatturato del mese di gennaio 2019 si è rivelato migliore degli ultimi anni, con un +20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. 

I risultati definitivi dell'intero esercizio saranno approvati dal consiglio di amministrazione il prossimo 28 marzo 2019.

Health Italia acquista partecipazione in società inglese di trattamento di cellule staminali

Health Italia, società quotata all'AIM Italia, che opera nel mercato della sanità integrativa e sostitutiva, comunica di aver raggiunto l’accordo per l’acquisizione del 25% della società britannica StemWay Biotech Ltd, già fornitore da oltre 7 anni del gruppo per i servizi connessi alla conservazione delle cellule staminali.

Motivazioni dell'operazione
StemWay Biotech è una knowledgement company europea attiva da 10 anni nel settore delle cellule staminali e del loro utilizzo e della genetica predittiva, con sede in Inghilterra, che opera in Italia dal 2007.

Oltre ad assicurare un servizio di trattamento e conservazione delle cellule staminali cordonali presso laboratori con i principali accreditamenti internazionali, StemWay Biotech si propone di fornire un continuo aggiornamento sulle possibilità di conservazione, sui progressi della ricerca scientifica e sulle applicazioni in campo medico delle cellule staminali e della genetica predittiva, diretto sia ai genitori che ai professionisti del settore sanitario.

L’accordo per acquisire una partecipazione del 25% è coerente con il modello di business di Health Italia finalizzato a mantenere il vantaggio competitivo del gruppo rispetto ad altri player del mercato rafforzandone la capacità innovativa e, in prospettiva, l’evoluzione tecnologica in campo sanitario, anche tramite la promozione dei servizi offerti da StemWay Biotech nella rete di Health Point che il gruppo Health Italia, tramite la controllata Health Point SpA, sta organizzando nel nostro paese.

Termini dell'operazione
Health Italia ha raggiunto l’accordo per acquisire una partecipazione pari al 25% del capitale sociale di StemWay Biotech ad un prezzo di 300 mila euro il cui corrispettivo verrà pagato integralmente con mezzi propri.

Il bilancio di StemWay Biotech, ancora in fase di approvazione, stima ricavi per l’esercizio 2018 pari a circa 350 mila euro e un ebitda margin del 15%.

Roberto Anzanello, presidente di Health Italia
Roberto Anzanello,
presidente di Health Italia
Il presidente di Health Italia, Roberto Anzanello, ha espresso piena soddisfazione per l’operazione, dichiarando che:

“StemWay Biotech, rappresenta un ulteriore tassello coerente nello sviluppo del modello di business di Health Italia in una logica di innovazione tecnologica e contribuirà allo sviluppo delle sinergie necessarie al raggiungimento degli obiettivi aziendali previsti dal Piano Industriale 2018-2020”.

✅ Health Italia 
✔ Prezzo 5,62 € 
✔ PE 12m 16,3 
✔ PB 2,84 
✔ Fair Value 4,99 € 
✔ Rendimento implicito 11,7% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

Confinvest, monete e lingotti d'oro all'AIM Italia

Confinvest F.L. SpA ha avviato il processo che la porterà a quotarsi sull'AIM Italia.

La società milanese ha avviato a tale fine le procedure per la selezione di Nomad, Global Coordinator e consulente legale e prevede di concludere le operazioni di collocamento e quotazione entro l'estate.

Confinvest è tra i principali operatori italiani del mercato dell'oro fisico (monete e lingotti) da investimento.

Roberto Binetti, cofondatore e presidente di Confinvest
Roberto Binetti, cofondatore
e presidente di Confinvest
La società è stata fondata nel 1983 dall'attuale presidente Roberto Binetti e Gabriella Villa, attualmente azionisti al 25%.

Il management della società (Luciano Avanzini, Franco Buganè e Giacomo Andreoli) partecipa al capitale con una quota del 25%.

Il restante 50% è posseduto da 8 family office entrati nel capitale a metà 2017, nell'ambito di un processo di management-buy-out.

Confinvest, ha chiuso il 2018 con ricavi per 15 mln di euro (in crescita del +40% rispetto all'anno precedente) e un ebitda di 450 mila euro.

L'obiettivo della società è di completare un aumento di capitale da almeno 5 mln di euro, con un flottante compreso tra il 20% e il 30% del capitale sociale.

Maps (big data analysis) inizia il collocamento

Maps comunica di aver presentato a Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione, funzionale all'ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie e dei relativi warrant su AIM Italia, sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana.

Logo di Maps
Fondata nel 2002 a Parma, Maps SpA è una PMI Innovativa che svolge un'attività di software solution provider.

Il gruppo è attivo nel settore della digital transformation, attraverso la progettazione, produzione e distribuzione di software per l'analisi dei big data.

Visione: creare valore dai dati grezzi
L’attuale panorama socio-economico vede una crescita globale ed esponenziale di dati non strutturati, il 90% dei quali è stato creato negli ultimi due anni.

Le aziende e gli enti pubblici si trovano a gestire volumi di dati sempre più significativi.

Si tratta di dati disaggregati e grezzi che, se opportunamente analizzati, strutturati e tradotti in soluzioni in ottica business sono in grado di creare Valore al servizio delle organizzazioni che li hanno prodotti.

Missione: supportare le imprese a gestire i big data
Maps Group progetta e realizza soluzioni a supporto dei processi decisionali delle aziende attraverso strumenti in grado di raccogliere, analizzare, interpretare e strutturare i dati complessi utilizzando strumenti di Operational intelligence, Real Time Data Analysis e Knowledge management.

La divisione Research & Solutions, costituita nel 2016, include 12 risorse qualificate ed è responsabile dell’individuazione dei bisogni informativi del mercato e dello sviluppo di software ad hoc per i Clienti.

Negli ultimi 5 anni Maps ha destinato ad attività di R&D 3,5 mln di euro.

Il gruppo ha un portafoglio di oltre 180 clienti appartenenti ai settori lndustria e servizi, Sanità e Pubblica amministrazione.

Attraverso 3 business unit (Large Enterprise, Healthcare Industry, Gzoom), Maps supporta le aziende nei processi di decision making permettendo loro di inserirsi nei propri mercati di riferimento come data driven companies.

Attraverso la linea Patient Journey, il gruppo opera settore dell’accoglienza dei pazienti nelle strutture sanitarie, con oltre 600 installazioni che gestiscono una popolazione di oltre 17 milioni di pazienti a livello nazionale.

Il mercato
Il mercato mondiale delle tecnologie per la digital transformation ha raggiunto nel 2018 la dimensione di 1.300 mld di dollari.

Nel 2020 si stima un mercato di 2.100 mld di dollari, con un tasso di crescita composto 2018–2020 di circa +27%.

I risultati economici
Maps ha chiuso il 2018 con ricavi consolidati di 16,7 mln di euro e un ebitda di 3,6 mln di euro.

Negli ultimi 5 anni ha raddoppiato i ricavi e decuplicato l’ebitda.

La società è caratterizzata da elevati livelli di recurring revenues e cash conversion.

Alla crescita organica del gruppo si è affiancata un’attività di M&A, con l’acquisizione di IG Consulting (2011) e Artexe (2018).

Il team
Marco Ciscato, fondatore e presidente di Maps
Marco Ciscato, fondatore
e presidente di Maps
Il fondatore di Maps è Marco Ciscato, che ha iniziato la sua carriera come ingegnere informatico.

Attualmente è presidente del consiglio di amministrazione e si occupa di organizzazione interna e sviluppo di piani strategici.

Maurizio Pontremoli è amministratore delegato di Maps e si occupa della definizione dell’offerta e dello sviluppo delle strategie.

Laureato con lode in Fisica, è stato docente di informatica e ricercatore.

Direttore R&D è Gian Luca Cattani: laurea in Matematica, Master e dottorato in Informatica, ricercatore presso l’Università di Cambridge.

È autore di numerose pubblicazioni scientifiche in Teoria informatica.

Il collocamento
L'operazione è rivolta esclusivamente a investitori istituzionali, italiani ed esteri, e a investitori professionali, ed è destinata a supportare la crescita per linee esterne, gli investimenti in innovazione di prodotto e l'internazionalizzazione.

Il range di prezzo è stato fissato tra un minimo di 1,75 e un massimo di 1,90 euro per azione.

Non è stato comunicato il numero di azioni in collocamento, ma l'obiettivo è di raccogliere 3 mln di euro.

La capitalizzazione pre money è compresa tra i 12 e i 13 mln di euro.

A ogni 2 azioni, sia esistenti sia di nuova emissione, è abbinato 1 warrant.

E' prevista un'opzione Greenshoe di 0,5 mln di euro, a disposizione del Global Coordinator.

Nell'operazione di ammissione alle negoziazioni su AIM Italia, Maps è assistita da BPER Banca, in qualità di Nomad e Global Coordinator.

martedì 19 febbraio 2019

Ftse Aim Italia 19-02-2019

Il FTSE AIM Italia scende del -0,08% 8.593,92 punti.

Ftse Aim Italia 19-02-2019
Ftse Aim Italia 19-02-2019











Il Controvalore scambiato in giornata è di 7.233.909 euro.

27 titoli su 113 (24%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • 4AIM SICAF: 4,17%
  • Finlogic: 3,64%
  • Intred: 3,53%
  • Prismi: 3,48%
  • TPS: 3,10%
I risultati peggiori della giornata:
  • Vimi Fasteners: -3,85%
  • Enertronica: -3,77%
  • WM Capital: -3,51%
  • TheSpac: -3,26%
  • Notorious Pictures: -3,17%

Redazione Aim Italia News

Intred, accordo con Open Fiber per utilizzare rete di fibra ottica spenta

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, comunica di aver sottoscritto un rilevante accordo con Open Fiber per l’utilizzo della rete in fibra ottica spenta GPON.

L’operazione, con un investimento complessivo pari a circa 3 mln di euro in 5 anni, consentirà ad Intred di incrementare le vendite di connessioni Fiber to the Home nelle aree raggiunte dalla rete di Open  Fiber.

In particolare, già dal prossimo mese di marzo, Intred avrà la possibilità di attivare connessioni FTTH su un potenziale di 70.000 unità immobiliari della città di Brescia.

Gli investimenti necessari per attivare la rete verranno finanziati in parte con i mezzi raccolti in sede di quotazione in parte tramite generazione di cassa.

L’accordo concluso con Open Fiber segue di pochi mesi quello siglato con Telecom Italia (novembre 2018) per l’acquisizione del diritto d’uso, per 15 anni, di circa 500 km di fibra ottica spenta.

Il contratto con Open Fiber consentirà ad Intred di accrescere sensibilmente le vendite nelle aree urbane delle più importanti città della Lombardia.

Daniele Peli, cofoundatore e amministratore delegato di Intred, ha commentato:

“L’accordo con Open Fiber si inserisce pienamente nella strategia di crescita programmata dalla società in fase di IPO che ha consentito di raccogliere nuovi capitali”.

✅ Intred 
✔ Prezzo 0,00 € 
✔ PE 12m 00,0 
✔ PB 0,00 
✔ Fair Value 2,71 € 
✔ Rendimento implicito 10,2% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

Bio-on, accordo in Messico per progetto tessile

Bio-on, società quotata all'AIM e attiva nel settore delle bioplastiche PHAs e della nuova chimica verde, e Innova Imagen, società del gruppo Himes che opera nel settore del tessile in Messico e negli Stati Uniti con particolare attenzione all'innovazione ecosostenibile, annunciano di aver firmato un accordo esclusivo per progettare il primo impianto in Messico per la produzione di bioplastica PHA, naturale e biodegradabile al 100%, ottenuta da residui e sottoprodotti agroindustriali.

L'accordo conferisce a Innova Imagen un diritto esclusivo, con una durata di 18 mesi, per realizzare sul campo la progettazione e predisporre l'investimento e le iniziative commerciali connesse all'uso delle tecnologie Bio-on in Messico.

Per Bio-on si tratta di un accordo del valore di mezzo milione di euro, il primo di questo tipo nella regione centro-nord americana.

La collaborazione inizierà già dalle prossime settimane con l'utilizzo di diverse materie prime largamente disponibili in Messico, compresi i rifiuti della lavorazione dell'agave, al fine di implementare uno studio ingegneristico per un impianto industriale per la produzione di bioplastica con vari possibili scenari che combinano diverse materie prime da valorizzare e numerosi segmenti di mercato da soddisfare.

«La tecnologia sviluppata e dimostrata a livello industriale da Bio-on è una speranza di fronte al problema globale della contaminazione da plastica e le sue conseguenze sulla salute umana - dichiara Rogelio Himes, cofondatore e cso di Innova Imagen.

Lo sviluppo delle applicazioni del PHA per il tessile e la moda ha particolarmente attratto il nostro interesse perché ha il potenziale per sostituire le fibre sintetiche come i poliesteri che sono una delle maggiori fonti di inquinamento dei nostri oceani perché le microfibre si staccano dai vestiti quando vengono lavati ed entrando in contatto con i nostri ecosistemi vi rimangono per secoli esattamente come succede con la plastica».

Le attività relative all'ingegneria e al business plan saranno condotte in collaborazione tra i team delle due società mentre le Units ENG (Engineering) e RAF (Recovery And Fermentation) di Bio-on lavoreranno allo sviluppo e al miglioramento delle sinergie e delle interconnessioni tra il futuro impianto PHA e altri siti produttivi disponibili nell'area geografica che verrà individuata.

L'approccio al mercato sarà elaborato tenendo conto di tre importanti trend sempre più evidenti anche nei mercati centro-nord americani:
  • la domanda dei consumatori, in costante aumento, per prodotti ecosostenibili
  • le strategie dei brand-owner
  • le normative emergenti a livello mondiale che vietano le materie plastiche tradizionali e spingono verso materiali naturali e biodegradabili.
«La rivoluzione del PHA è già una realtà - sottolinea Marco Astorri, presidente e ceo di Bio-on - e chi vuole adottare tecnologie radicalmente ecologiche e passare a sistemi di produzione che rispettano il pianeta non ha più scuse.

Il gruppo Himes, particolarmente sensibile alla protezione dell'ambiente e preoccupato dalle cattive abitudini umane nel consumo di plastica, ha fatto la scelta giusta e il team Bio-on non vede l'ora di iniziare questa nuova collaborazione in America Centrale anche per soddisfare il mercato di bioplastiche PHAs in rapida crescita».

Tutte le bioplastiche sviluppate da Bio-on (PHAs o poli-idrossi-alcanoati e PHBs o poli-idrossi-butirrato) sono ottenute da fonti vegetali e lipidiche rinnovabili senza alcuna competizione con le filiere alimentari.

Nella maggior parte dei casi garantiscono le medesime proprietà termo-meccaniche delle plastiche tradizionali col vantaggio di essere completamente ecosostenibili e al 100% biodegradabili in modo naturale.

La controparte
Innova Imagen, una società del gruppo Himes, è una società messicana privata con oltre 15 anni di attività di produzione e vendita nel settore dell'abbigliamento speciale.

Il Gruppo Himes è diventato un promotore di imprese sostenibili e rispettose dell'ambiente, volte a contribuire al cambiamento culturale necessario per far fronte alle problematiche ambientali che interessano il nostro pianeta.

Himes LLC è un'azienda statunitense che si dedica allo sviluppo e alla distribuzione di capi d'abbigliamento elaborati con materiali sostenibili.

✅ Bio-on 
✔ Prezzo 59,6 € 
✔ PE 12m 83,0 
✔ PB 17,31 
✔ Fair Value 51,3 € 
✔ Rendimento implicito 10,9% 
✔ Rating B2 - GROWTH 

Convegno a Milano: AIM Italia, Mercato Alternativo del Capitale - Attori ed opportunità.

L'incontro, organizzato dallo studio legale Dentons, si terrà venerdì 22 febbraio 2019 presso la Sala Torino della sede Dentons in Piazza degli Affari 1, a Milano.

L'incontro tratterà degli aspetti relativi alla quotazione su AIM Italia delle PMI, in particolare i requisiti e vincoli per l’ingresso nel sistema multilaterale di negoziazione.

Per partecipare è necessario registrarsi online.

La partecipazione all'evento è gratuita, le adesioni verranno raccolte fino ad esaurimento dei posti.

Programma
AIM Italia: Mercato Alternativo del Capitale – Attori ed opportunità

08.30 Accredito

09.00 Saluti istituzionali e apertura dei lavori
Federico Sutti - Dentons Europe Studio Legale Tributario
Luciano AvanziniD.G.P.A. & Co.

09.15 “La quotazione sul mercato AIM Italia: un’opportunità di crescita per le PMI
Presentazione del Mercato e relativi requisiti, caratteristiche, opportunità e prospettive
Luca Tavano (Borsa Italiana)

09.45 “L’accompagnamento delle imprese all’AIM. Il ruolo dell’Advisor
Breve approfondimento sul processo di quotazione, sugli attori coinvolti e sul ruolo dell’Advisor nella definizione dell’operazione in fase preliminare e nel successivo coordinamento dei professionisti
Emmanuele Mastagni (D.G.P.A. & Co.)

10:10 “Regole e trasparenza: il partner legale nel processo di quotazione
Breve approfondimento su attività e ruolo del partner legale nel processo di quotazione sul mercato AIM Italia
Antonella Brambilla (Dentons Europe Studio Legale Tributario)

10:30 “Informazioni finanziarie: principi contabili, attività di revisione, e sistema di reporting. Il ruolo della società di Revisione
Breve approfondimento su attività e ruolo della società di revisione nel processo di quotazione sul mercato AIM Italia
Claudio Lencovich (EY)

10:50 “AIM Italia e Nomad
Breve approfondimento su attività e ruolo del Nomad nel processo di quotazione sul mercato AIM Italia
Giovanni Reale (Banca Mediolanum)

11.15 “Gli investitori e la raccolta di capitali
Breve approfondimento su attività e ruolo del Global Coordinator nel processo di quotazione sul mercato AIM Italia
Massimo Turcato (Banca Akros)

11:40 Q&A e saluti

Per maggiori informazioni contattare arianna.bertola@dentons.com.

il Fatto Quotidiano inizia il collocamento per entrare all'AIM Italia

La Seif - Società Editoriale Il Fatto SpA, media content provider ed editore, tra l’altro, de Il Fatto Quotidiano e di diversi altri prodotti editoriali e multimediali, annuncia di aver presentato a Borsa Italiana la Comunicazione di pre-ammissione per la quotazione sul mercato AIM Italia.

Caratteristiche del collocamento
Il collocamento è strutturato mediante un’offerta in vendita di azioni proprie per complessive massime n. 6.417.893 azioni, pari al 25,7% del capitale sociale e warrant denominati Warrant SEIF 2019-2021.

La forchetta di prezzo delle azioni è stata fissata tra 0,72 e 0,88 euro per azione.

La capitalizzazione post-piazzamento è compresa tra 18 e 22 mln di euro.

Verrà assegnato gratuitamente 1 Warrant per ogni azione di Seif detenuta da tutti gli azionisti che saranno tali alla data di inizio delle negoziazioni delle azioni dell’emittente su AIM Italia.

il Fatto Quotidiano
La società è proprietaria de il Fatto Quotidiano, giornale italiano fondato nel 2009 da Antonio Padellaro.

Dal 2015 il direttore è Marco Travaglio.

Il giornale ha una diffusione cartacea di 31.082 copie e una diffusione digitale di 14.300 copie (dati di dicembre 2018).

Finalità della raccolta
I proventi rivenienti dalla vendita di azioni proprie serviranno a supportare il piano di crescita di Seif, che la vede impegnata in una strategia di sviluppo digitale e data driven, e nella diversificazione del portafoglio di prodotti con particolare attenzione alla produzione televisiva e allo sviluppo della piattaforma di contenuti per la Web TV Loft.

Cinzia Monteverdi, presidente e ad di Seif
Cinzia Monteverdi,
presidente e ad di Seif
Cinzia Monteverdi, presidente e ad della società, ha commentato:

“Con il percorso di crescita che abbiamo intrapreso vogliamo portare Seif verso un futuro sempre più digitale, per essere protagonisti della transizione storica che oggi sta coinvolgendo profondamente il mercato dell’informazione e dell’editoria.

Vogliamo affrontare al meglio questa rivoluzione, e esprimere tutte le nostre potenzialità per superare il publishing tradizionale e assecondare i trend di crescita che stanno interessando le nostre aree digitali e multimediali.

Ciò richiede un vero e proprio cambio di mentalità, un rinnovamento che va dalla struttura e metodo di lavoro delle redazioni agli strumenti di fruizione dei nostri prodotti”.

Gli intermediari
Nel processo di ammissione alla quotazione la società è affiancata da Advance SIM nel ruolo di Nomad e Joint Global Coordinator, da Fidentiis nel ruolo di Joint Global Coordinator e da Emintad Italy in qualità di financial advisor.

Directa SIM è l’intermediario finanziario incaricato della ricezione ordini segmento retail.

Portobello riceve 2 mln di finanziamento a medio termine da fondo chiuso

Portobello, società quotata sull'AIM Italia, proprietaria della omonima catena retail e attiva nel barter (baratto) pubblicitario, comunica di aver concluso un’operazione di direct lending col fondo di private debt HI CrescItalia PMI Fund.

HI CrescItalia PMI Fund, è un fondo riservato di tipo chiuso, gestito da Hedge Invest SGR SpA con la consulenza di CrescItalia Holding, che investe in obbligazioni da 1 a 3 mln di euro emesse da PMI italiane (minibond) o eroga finanziamenti alle stesse.

Caratteristiche del finanziamento
Il finanziamento, a tasso fisso e di tipo senior unsecured, ha un importo di 2 mln di euro, una durata di 5 anni, con scadenza 31 marzo 2024, e un piano di rimborso su base trimestrale, dopo un periodo di pre-ammortamento iniziale di 15 mesi.

L’operazione prevede la possibilità di effettuare una seconda tranche di 1 mln di euro al soddisfacimento di alcune condizioni.

L’accordo di finanziamento contiene previsioni usuali per contratti delle specie, tra le quali:
  • una clausola di change of control nel caso in cui un soggetto terzo rispetto a ciascuno tra gli attuali soci Simone Prete, Stefano Caporicci, Patrizia Amicucci, Pietro Peligrae Luca Nardi venga a detenere, direttamente e indirettamente, la maggioranza del capitale sociale della società e/o il controllo operativo e strategico del capitale della stessa;
  • ipotesi di rimborso anticipato obbligatorio, tra l’altro, in caso di mancato rispetto di covenant finanziari tipici di tali operazioni (Indebitamento finanziario netto / Patrimonio netto e Indebitamento finanziario netto / Ebitda, entrambi calcolati su base annuale);
  • la possibilità di procedere al rimborso volontario anticipato delle somme finanziate, previa corresponsione di una penale;
  • ulteriori previsioni relative ad eventi di rimborso anticipato obbligatorio, dichiarazioni, covenants (anche finanziari) ed obblighi di non fare, eventi di revoca, consensi e soglie di materialità in linea con la prassi per operazioni della specie.
Banca Finint ha agito come arranger dell’operazione.

“La fiducia accordataci da un partner quale Hedge Invest dimostra ulteriormente la bontà del nostro modello di business e ci permette di accelerare il piano di crescita nazionale grazie all’importante apporto di capitale” ha commentato Pietro Peligra, amministratore di Portobello.

Paolo Massi, gestore di HI CrescItalia PMI Fund
Paolo Massi, gestore di
HI CrescItalia PMI Fund
“Ci fa piacere che il programma di investimento del nostro fondo finalizzi un’ulteriore operazione con una realtà il cui profilo e piani di crescita coincidano con i tratti distintivi delle nostre decisioni di investimento” ha commentato Paolo Massi, gestore di HI CrescItalia PMI Fund.

Utilizzo dei fondi
I proventi del finanziamento sono destinati a sostenere le strategie di crescita della società basate sull’apertura di nuovi punti vendita in Italia, lo sviluppo e l’acquisizione di nuovi magazine, la promozione del marchio Portobello e il rafforzamento della struttura manageriale.

Grazie a tali fondi, infatti, la società si prefigge di accelerare il piano di aperture retail che prevede sia punti vendita in gestione diretta sia l’avvio del progetto di franchising sul territorio nazionale.

Portobello, inoltre, utilizzerà parte dei proventi per rafforzare l’offerta media sulla carta stampata e sul digitale, sia attraverso crescita organica che tramite partnership e acquisizioni.

Un’ulteriore area di investimento, infine, sarà legata alla promozione del marchio Portobello attraverso attività mirate e un piano di comunicazione che si dispiegherà su più anni.

Al fine di poter impiegare al meglio i proventi dell’operazione e di sostenere la crescita, la società ha avviato anche un piano di rafforzamento manageriale sia sulla area corporate sia su quella commerciale già a partire dai prossimi mesi.

✅ Portobello 
✔ Prezzo 4,50 € 
✔ PE 12m 9,3 
✔ PB 2,77 
✔ Fair Value 5,58 € 
✔ Rendimento implicito 13,8% 
✔ Rating A - VALUE 

lunedì 18 febbraio 2019

Ftse Aim Italia 18-02-2019

Il FTSE AIM Italia sale del +0,07% 8.600,9 punti.

Ftse Aim Italia 18-02-2019
Ftse Aim Italia 18-02-2019











Il Controvalore scambiato in giornata è di 8.256.124 euro.

42 titoli su 113 (37%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • Vetrya: 7,06%
  • Culti Milano: 6,52%
  • EdiliziAcrobatica: 4,80%
  • Expert System: 4,62%
  • Enertronica: 4,29%
I risultati peggiori della giornata:
  • Caleido Group: -7,41%
  • ICF Group: -5,86%
  • Vimi Fasteners: -4,06%
  • Grifal: -3,90%
  • CDR Advance Capital: -3,88%

Redazione Aim Italia News

Ftse Aim Italia settimana 15-02-2019

Il FTSE AIM Italia sale in settimana del +0,36% a 8.595,25 punti.

Il Controvalore scambiato in settimana è di 39,7 mln di euro.

48 titoli su 113 (42%) hanno chiuso la settimana con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia



I risultati migliori della settimana:
  • Sciuker Frames: 23,66%
  • Abitare In: 22,20% 
  • BioDue: 15,68% 
  • Expert System: 15,66% 
  • Casta Diva Group: 12,89% 
I risultati peggiori della settimana:
  • Circle: -16,54%
  • Gel: -10,55%
  • Ki Group: -10,48%
  • Italia Independent Group: -9,21%
  • Vimi Fasteners: -7,80%

Risultati settimanali di tutte le società AIM Italia

4AIM SICAF: -3,14%

Abitare In: 22,20%
Agatos: 1,45%
Alfio Bardolla Training Group: 1,13%
Alkemy: 1,17%
Alp.I: -3,38%
Ambromobiliare: 2,65%
Askoll EVA: -2,72%
Assiteca: -1,22%
axélero: sosp.

BioDue: 15,68%
Bio-on: -1,33%
Blue Financial Communication: 0,00%
Bomi Italia: 0,69%

Caleido Group: -2,70%
Capital For Progress 2: -0,52%
Casta Diva Group: 12,89%
CdR Advance Capital: 1,64%
Cellularline: -2,01%
CFT: 10,32%
Circle: -16,54%
Clabo: 1,69%
Costamp Group: 1,54%
Cover 50: -3,33%
Culti Milano: -4,56%

DBA Group: -4,68%
DHH: 1,82%
Digital Magics: 1,00%
Digital Value: -0,77%
Digital360: 0,00%
DigiTouch: -3,57%

Ecosuntek: -2,69%
Ediliziacrobatica: -2,85%
Elettra Investimenti: 0,62%
Energica Motor Company: 0,40%
Energy Lab: sosp.
Enertronica: 2,56%
EPS Equita PEP 2: 0,52%
Esautomotion: -0,47%
Expert System: 15,66%

Fervi: 0,00%
Fine Foods NTM: 1,02%
Finlogic: 1,44%
Fintel Energia Group: 0,00%
First Capital: 3,70%
FOPE: 0,00%
Frendy Energy: -3,31%

Gabelli Value For Italy: -0,55%
Gambero Rosso: 4,79%
Gel: -10,55%
Giorgio Fedon & Figli: -6,16%
GO Internet: -1,66%
Grifal: 1,89%
Gruppo Green Power: -0,59%

Health Italia: -2,49%
H-FARM: -2,54%

Icf Group: -1,69%
IdeaMI: -1,25%
Illa: -2,92%
Ilpra: 6,67%
Imvest: 0,00%
Industrial Stars of Italy 3: -0,42%
Iniziative Bresciane: -2,11%
Innovatec: 0,83%
Intred: 2,00%
Italia Independent Group: -9,21%
Italian Wine Brands: -0,44%

Ki Group: -10,48%
Kolinpharma: -2,24%

Leone Film Group: 2,17%
Life Care Capital: -0,52%
Longino & Cardenal: -5,16%
Lucisano Media Group: 0,56%

MailUp: -0,72%
Masi Agricola: 1,08%
Mondo TV France: -3,45%
Mondo TV Suisse: 2,08%
Monnalisa: 0,22%

Neodecortech: -3,23%
Net Insurance: 11,11%
Neurosoft: -3,70%
Notorious Pictures: 1,27%

Orsero: -0,81%

Pharmanutra: -0,90%
PLT Energia: 6,49%
Poligrafici Printing: 0,00%
Portale Sardegna: 3,33%
Portobello: -1,41%
Powersoft: 2,75%
Prismi: 0,45%

Renergetica: -3,92%
Rosetti Marino: 0,00%

S.M.R.E.: 0,00%
Safe Bag: 0,86%
Sciuker Frames: 23,66%
SCM SIM: 0,00%
SG Company: 4,80%
SITI B&T Group: -3,14%
Softec: 2,00%
Somec: 5,88%
Sostravel.com: -4,12%
Spactiv: -0,21%
Spaxs: 0,00%
Sprintitaly: 0,40%

Telesia: -4,18%
TheSpac: 1,43%
TPS: 0,00%

Vei 1: -0,85%
Vetrya: 1,59%
Vimi Fasteners: -7,80%
Visibilia Editore: -4,76%

WIIT: 3,20%
WM Capital: 2,69%

Redazione Aim Italia News

Intred sul Sole 24 ore

Il Sole 24 ore ha pubblicato un articolo di approfondimento, a firma di Valeria Novellini, su Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale.

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,23 € 
✔ PE 12m 15,4 
✔ PB 2,29 
✔ Fair Value 2,71 € 
✔ Rendimento implicito 10,2% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

GO internet & Linkem, condivisione della banda larga anche in Umbria

GO internet, società quotata all'AIM Italia, attiva nel settore dell’Internet Mobile, e Linkem SpA hanno sottoscritto, un accordo commerciale che integra la partnership per la condivisione dello spettro sottoscritta tra le parti il 24 marzo 2018.

In base all’accordo, finalizzato all’offerta di servizi di connessione internet in banda larga wireless LTE, GO internet potrà acquistare da Linkem, in modalità wholesale, su base non esclusiva, i Servizi LTE Fixed Wireless Access per la regione Umbria.

L’accordo permetterà quindi a GO internet di estendere il servizio LTE a una nuova regione, oltre alle regioni Marche ed Emilia Romagna in cui è già presente, con la possibilità di ampliare la propria base clienti.

L’accordo permetterà, inoltre, alle due società di applicare il wholesale simmetrico dei Servizi FWA anche alla regione Emilia Romagna, dove entrambe sono già presenti.

“Questo accordo rappresenta una significativa opportunità per rafforzare la nostra presenza in Umbria, regione con ottimo potenziale e dove offriamo già il servizio in fibra ultraveloce nei maggiori centri come Perugia” ha commentato Flavio Ubaldi, chief operating officer di GO internet.

“Inoltre, grazie all’accordo wholesale, puntiamo a raggiungere un numero maggiore di utenti anche in  Emilia Romagna”.

“Questo ulteriore accordo con GO internet va nella direzione di rafforzare la creazione di valore sui territori abilitando la fornitura di connettività a banda larga e ultralarga basata su soluzioni tecnologicamente innovative quale il Fixed Wireless Access” ha aggiunto Davide Rota, amministratore delegato Linkem.

GO internet e Linkem sono titolari dei diritti d’uso delle frequenze per i sistemi Broadband Wireless Access nella banda 3,4-3,6 GHz, riconosciuta tra le bande pioniere per lo sviluppo della nuova tecnologia 5G.

GO internet precisa che, avuto riguardo alla qualifica di Linkem quale parte correlata della società, l’accordo è stato oggetto degli adempimenti previsti dalla Procedura per le operazioni con parti correlate adottata da GO internet.

✅ Abc 
✔ Prezzo 1,22 € 
✔ PE 12m neg 
✔ PB 2,06 
✔ Fair Value 0,00 € 
✔ Rendimento implicito 5,6% 
✔ Rating C2 - SPECULATIVO 

SITI B&T Group acquista tutta la quota di minoranza di Ancora SpA

SITI B&T Group, società quotata all'AIM Italia, produttrice di impianti completi per l’industria ceramica, comunica che ha raggiunto l’accordo per l’acquisizione del 20% del capitale della società Ancora SpA, l’azienda del gruppo attiva nelle tecnologie di finitura delle piastrelle ceramiche, consolidando la propria partecipazione al 100%.

“Con l’operazione di acquisizione della minoranza di Ancora completiamo l’acquisto di questa società dedicata alla finitura dei prodotti ceramici – commenta Fabio Tarozzi, presidente e amministratore delegato di SITI B&T Group  – che ha rappresentato un esempio di successo di rilancio di un brand storico che grazie alle sinergie con il nostro gruppo ha più che raddoppiato il proprio fatturato dal 2014 – ultimo esercizio prima dell’acquisizione  -.

La gamma prodotti di Ancora ha consentito al gruppo di identificarsi quale Full Provider dell’intera linea di produzione ceramica mediante tecnologie proprietarie, risultando il fornitore con la più ampia gamma prodotti presente sul mercato”.

Ancora nel 2017 ha sviluppato un fatturato di 32,4 mln di euro (aumentati a 36,9 mln di euro nel  2018), conseguendo un ebitda di 4,1 mln di euro.

La posizione finanziaria netta al 31.12.2017 era di 6,6 mln di euro ed il patrimonio netto di 5,9 mln di euro.

La transazione è stata effettuata per un valore di 1,6 mln di euro, dei quali 0,8 milioni di euro pagabili tra 12 mesi.

La società ha uno staff di 79 addetti di cui 14 nel solo reparto di ricerca e sviluppo ed è titolare di 58 brevetti attivi con investimenti in R&D di oltre 1 mln di euro annui.

Ancora fa dell’R&D un punto di forza competitivo, manifestatasi con la recente introduzione sul mercato di prodotti innovativi ed una linea di squadratura completamente automatizzata mediante  tecnologia laser.

✅ SITI B&T Group 
✔ Prezzo 3,70 € 
✔ PE 12m 5,7 
✔ PB 0,60 
✔ Fair Value 4,91 € 
✔ Rendimento implicito 13,7% 
✔ Rating A - VALUE 

Opa SMRE, la Consob vuole vederci più chiaro

SolarEdge Investment Srl, società interamente controllata dalla società israeliana SolarEdge Technologies, comunica che la Consob ha richiesto di fornire informazioni integrative e di apportare modifiche e integrazioni al documento di offerta relativo all’offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria delle azioni ordinarie di SMRE, società quotata su AIM Italia, specializzata nello sviluppo di soluzioni tecnologiche nei settori Automation e Smart Mobility.

La Consob ha anche disposto la sospensione dei termini dell’istruttoria per l’approvazione per un periodo non superiore al 2 marzo 2019.

Del riavvio dei termini istruttori sarà data tempestiva comunicazione al mercato.

✅ SMRE 
✔ Prezzo 6,26 € 
✔ PE 12m 48,5 
✔ PB 6,87 
✔ Fair Value 4,93 € 
✔ Rendimento implicito 9,2% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

Costamp Group, acquista il restante 49% di Modelleria ARA

Costamp Group, società quotata all'AIM Italia, che opera nella progettazione, ingegnerizzazione e produzione di stampi per la componentistica nel settore automotive, comunica che ha perfezionato l’acquisizione del restante 49% del capitale sociale di Modelleria ARA Srl,società del gruppo attiva nella produzione di modelli e stampi per il settore delle fonderie, portando al 100% del capitale sociale la propria partecipazione di controllo.

L’operazione si è perfezionata attraverso l'acquisizione da parte di Costamp Group delle quote detenute dai quattro soci venditori, ciascuna pari al 12,25% del capitale sociale di Modelleria ARA, per un controvalore complessivo pari a 900 mila euro.

L’operazione sarà regolata attraverso il pagamento per cassa di 850 mila euro e per i restanti 50 mila euro, da corrispondersi a uno dei predetti soci venditori, mediante trasferimento di azioni proprie di Costamp Group.

Le azioni proprie saranno trasferite entro e non oltre il giorno 31 marzo 2019 ad un prezzo per azione pari alla media del valore di mercato rilevato negli ultimi 3 mesi precedenti il pagamento.

✅ Costamp Group 
✔ Prezzo 2,64 € 
✔ PE 12m 27,7 
✔ PB 3,70 
✔ Fair Value 1,63 € 
✔ Rendimento implicito 8,4% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO