www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 3.400 articoli pubblicati

sabato 10 agosto 2019

AIM ITALIA, previsione tasso di crescita degli utili al 09 agosto 2019

AIM Italia: previsione tasso di crescita degli utili
Valutazione fondamentale al 09 agosto 2019

Tasso di crescita degli utili delle imprese dell'AIM Italia, implicito nella loro quotazione.

Dati
P/E [utile previsto dagli analisti]: 11,92 (precedente 12,14)
Ottimismo degli analisti: +11,3% (precedente +9,5%)
P/E [utile corretto]: 13,56 (precedente 13,68)
E/P [1 / 13,56]: 7,37% (precedente 7,31%)
Equity cost: 11,60% (precedente 11,62%)
Inflazione prevista: 1,71% (precedente 1,87%)

Calcoli
Tasso di crescita nominale [11,60% - 7,37%]: 4,23% (precedente 4,31%)
Tasso di crescita reale [4,23% - 1,71%]: 2,52% (precedente 2,44%)

Dati utilizzati e procedura:

1.
Per singolo titolo, l'utile per azione (Eps) previsto nei successivi 12 mesi, corretto dell'intrinseco ottimismo degli analisti finanziari.

Abbiamo utilizzato a tale fine la stima del fattore di correzione fornita mensilmente dal sito di analisi fondamentale www.azioni.ml.

2. 
Per singolo titolo, l'ultimo prezzo di mercato disponibile.

3. 
Il tasso di inflazione previsto per i prossimi 10 anni, calcolato facendo la media tra le stime fornite da Survey of Professional Forecasters (SPF), Consensus Economics e Euro Zone Barometer.

4.
E' stato utilizzato il valore mediano, invece del più comune valore medio, del rapporto prezzo - utili delle società analizzate.

Ciò consente di ottenere una stima di mercato robusta: non influenzata da singole valutazioni azionarie estreme.

Redazione Aim Italia News

Il rendimento implicito di AIM Italia scende a 11,60%

AIM Italia: tasso di rendimento implicito
Valutazione fondamentale settimanale al 09 agosto 2019

Rendimento Implicito indice AIM Italia Investable: 11,60% (- 0,02%)
Stima aggiornata al 09-08-2019 (mediana)

Rendimento Implicito indice FTSE MIB: 9,96% (+ 0,17%)
Stima aggiornata al 09-08-2019 (mediana)
Fonte: www.azioni.ml

Trend rendimento implicito indici Aim Italia Investable e FTSE Mib
Premio di rendimento AIM Italia vs MIB: 1,64% (- 0,19%)

Spread rendimento implicito indice Aim Italia Investable meno indice FTSE Mib
Btp a 10 anni: 1,84%

Inflazione attesa: 1,71%

Rendimento implicito reale netto
Aim Italia Investable: 6,76%
Ftse Mib: 5,57%
Btp a 10 anni: -0,35%

Analisi: fondamentale
Orizzonte temporale: medio/lungo periodo
Parametro: mediana
Stima: campionaria
Calcolo: al lordo di imposte e inflazione
Aggiornamento: 09 agosto 2019
Indice AIM Italia Investable: 8.549,54 (- 1,66%)
Indice FTSE AIM Italia: 7.885,79 (- 1,50%)
Indice FTSE Mib: 20.324,23 (- 3,43%)
Elaborazione: "Aim Italia News"

N.B. Il rendimento implicito è il tasso che eguaglia il flusso futuro atteso di utili e dividendi all'attuale prezzo di mercato.

Redazione Aim Italia News

venerdì 9 agosto 2019

AIM Italia Investable Index 09-08-2019

L'AIM Italia Investable è sceso nella settimana del -1,66% 8.549,54 punti.

Logo AIM Italia InvestableIl FTSE AIM Italia è sceso nella settimana del -1,50% 7.885,79 punti.

22 titoli su 77 (29%) hanno chiuso la settimana con una variazione positiva.

I risultati migliori della settimana:
  • BioDue 21,44%
  • SCM SIM 15,80%
  • CrowdFundMe 8,86%
  • Longino & Cardenal 5,75%
  • Cft 4,63%
I risultati peggiori della settimana:
  • TraWell Co -30,23%, dividendo straordinario di 7 azioni SosTravel
  • SosTravel -26,48%
  • Siti B&T Group -10,72%
  • Casta Diva Group -7,98%
  • Grifal -7,62%
L'AIM Italia Investable (AII) è un indice di mercato azionario che comprende le azioni delle società quotate all'Aim Italia coperte da un analista finanziario.

La presenza di uno o più analisti finanziari consente di attivare una modalità di investimento basata sui fondamentali delle società: l'unica adeguata ad un mercato poco liquido come l'Aim Italia.

L'indice è ricalcolato settimanalmente, alla chiusura di venerdì.

Maggiori dettagli sull'AIM Italia Investable Index.

Redazione Aim Italia News

Ftse Aim Italia 09-08-2019

Il FTSE AIM Italia scende del -0,63% 7.885,79 punti.

Ftse Aim Italia 09-08-2019
Ftse Aim Italia 09-08-2019











Il controvalore scambiato in giornata è di 4.430.000 euro.

19 titoli su 128 (15%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • TraWell Co: 7,24%
  • Gel: 5,62%
  • Energetica: 4,66%
  • DBA Group: 3,97%
  • AMM: 3,93%  
I risultati peggiori della giornata:
  • Grifal: -6,36%
  • Imvest: -6,19%
  • Maps: -5,62%
  • Visibilia Editore: -5,17%
  • Bio-on: -4,97% 
Redazione Aim Italia News

giovedì 8 agosto 2019

Situazione mercati finanziari al 08 agosto 2019

Rendimento implicito nominale lordo
Aim Italia Investable: 11,67%
Ftse Mib: 9,84%
Btp a 10 anni: 1,54%

Inflazione attesa: 1,87%

Rendimento implicito reale netto
Aim Italia Investable: 6,64%
Ftse Mib: 5,31%
Btp a 10 anni: -0,51%

Fonte: elaborazione "Aim Italia News"

Ftse Aim Italia 08-08-2019

Il FTSE AIM Italia scende del -0,11% a 7.935,77 punti.

Ftse Aim Italia 08-08-2019
Ftse Aim Italia 08-08-2019











Il controvalore scambiato in giornata è di 8.826.342 euro.

43 titoli su 128 (34%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • SCM SIM: 7,00%
  • Enertronica: 5,92%
  • EdiliziAcrobatica: 5,81%
  • Maps: 4,71%
  • Digital Value: 4,64%  
I risultati peggiori della giornata:
  • TraWell Co: -12,98
  • SosTravel: -11,47%
  • Assiteca: -9,92%
  • Copernico SIM: -8,15%, rispetto al prezzo di collocamento
  • Renergetica: -6,40% 
Redazione Aim Italia News

Assiteca, Tikehau Capital sottoscriverà aumento di capitale riservato di 25 mln di euro

Assiteca, broker assicurativo quotato all'AIM Italia, ha sottoscritto un accordo di investimento con Tikehau Capital.

L'accordo prevede l’ingresso di Tikehau nell’azionariato di Assiteca con una partecipazione di minoranza, attraverso un’operazione di aumento di capitale riservato.

Tikehau sottoscriverà un aumento di capitale riservato di 25 mln di euro, corrispondente a una quota di minoranza, post aumento, del 23,43% del capitale sociale, a un prezzo di 2,50 euro per azione.

Il closing dell’operazione sarà finalizzato entro il 15 di novembre 2019.

Tikehau è un gruppo di alternative asset management e di investimento indipendente quotato all’Euronext di Parigi con 23,4 mld di euro di gestione e un patrimonio netto di 3 mld di euro.

Tikehau investirà in Assiteca attraverso il fondo di private equity pan europeo del gruppo, Tikehau Growth Equity II , specializzato in investimenti di minoranza a sostegno della crescita.

L’ingresso di Tikehau in Assiteca è finalizzato alla crescita del gruppo, con l’acquisizione di imprese del settore.

Luciano Lucca, presidente di Assiteca ha dichiarato:

“L’aumento di capitale consentirà ad Assiteca di accelerare il progetto di crescita attraverso acquisizioni mirate, a conferma del ruolo di aggregatore del mercato italiano del brokeraggio assicurativo.

Ancora oggi il nostro mercato è caratterizzato dalla presenza di molte piccole e medie imprese il cui consolidamento rappresenta un’ottima opportunità di sviluppo strategico per Assiteca”.

✅ Assiteca 
✔ Prezzo 2,40 € 
✔ PE 12m 15,6 
✔ PB 2,93 
✔ Fair Value 1,98 € 
✔ Rendimento implicito 10,7% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

Copernico SIM, dati riassuntivi e di bilancio

Copernico SIM, SIM indipendente focalizzata sulla consulenza finanziaria, inizia oggi le contrattazioni all'AIM Italia.

La società ha pubblicato il documento di ammissione (176 pagine, formato pdf).

Bilancio annuale
Principi contabili internazionali
migliaia di euro
2018 vs 2017

Commissioni attive 
6.651 vs 6.780, -1,9%

Risultato della gestione finanziaria 
2.719 vs 2.796, -2,8%

Flusso di cassa
143 vs 22, +165

Utile netto
46 vs 179, -74,3%

Patrimonio netto
2.287 vs 2.190, +97

Debiti finanziari netti
439 vs 904, -465


Portafoglio collocato
496.604 vs 515.046, -3,6%

Raccolta lorda 
96.962 vs 94.026, +3,1%

     di cui quote di OICR 59.400 vs 65.230, -8,9%
     di cui prodotti assicurativi 37.562 vs 28.906, +29,9%

Contratti di consulenza d'investimento
7.210 vs 7.272, -0,9%

Promotori finanziari
89 vs 93, -4


Patrimonio netto per azione
1,525 euro

Utile per azione
0,031 euro

Patrimonio netto per azione post money
2,211 euro

  • Azioni in circolazione, post collocamento: 1.950.000 mln, di cui 450.000 azioni collocate sul mercato a 6,50 euro l'una;
  • Flottante506.750 azioni, pari al 25,99% del capitale sociale;
  • Raccolta lorda, esclusa opzione greenshoe2.925.000 euro;
  • Raccolta al netto delle spese: 2.025.000 euro (stima AIN ipotizzando commissioni di collocamento al 6%);
  • Warrant in circolazione: 631.494;
  • Capitalizzazione12.675.000 euro.

Monitor AIM Italia, pubblicato il report di luglio 2019

Monitor AIM Italia, report mese di luglio 2019
Monitor AIM Italia, report mese di luglio 2019
Cristian Frigerio, analista finanziario di MIT SIM, ha pubblicato il Report AIM Italia del mese di luglio 2019 (9 pagine, formato pdf).

Statistiche di mercato, multipli e andamento dell'indice di mercato corretto dell'effetto Bio-on.

mercoledì 7 agosto 2019

Situazione mercati finanziari al 07 agosto 2019

Rendimento implicito nominale lordo
Aim Italia Investable: 11,67%
Ftse Mib: 9,91%
Btp a 10 anni: 1,41%

Inflazione attesa: 1,87%

Rendimento implicito reale netto
Aim Italia Investable: 6,64%
Ftse Mib: 5,36%
Btp a 10 anni: -0,62%

Fonte: elaborazione "Aim Italia News"

Ftse Aim Italia 07-08-2019

Il FTSE AIM Italia scende del -0,25% 7.944,53 punti.

Ftse Aim Italia 07-08-2019
Ftse Aim Italia 07-08-2019











Il controvalore scambiato in giornata è di 12.398.602 euro.

27 titoli su 126 (21%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • BioDue: 22,99%
  • Assiteca: 14,15%
  • Enertronica: 14,03%
  • Siti B&T Group: 6,41%
  • Alfio Bardolla Training Group: 4,21%  
I risultati peggiori della giornata:
  • Iervolino Entertainment: -10,65
  • TraWell Co: -7,01%, dividendo straordinario di 7 azioni SosTravel
  • SosTravel: -6,84%
  • Net Insurance: -5,04%
  • Telesia: -3,52% 
Redazione Aim Italia News

BioDue, prossima OPA obbligatoria con premio del 25%

BioDue, società quotata all'AIM Italia, che sviluppa, produce e commercializza dispositivi medici, prodotti dermocosmetici e integratori alimentari, comunica che gli azionisti di controllo Vanni Benedetti, Ruffo Benedetti e Pierluigi Guasti, hanno sottoscritto un contratto preliminare di vendita con Aurora Dodici SpA.

Aurora Dodici, società indirettamente controllata da Armònia SGR e partecipata da Fidim Srl (holding della famiglia Rovati), acquisterà dai soci 5.417.680 azioni di BioDue, pari al 48,60% del capitale sociale, a un prezzo di 6,50 euro per azione.

Al closing dell’acquisizione Vanni Benedetti e Pierluigi Guasti deterrebbero il 17,19% e il 13,00%, mentre il mercato continuerebbe a detenere il 20,68% delle azioni della società.

Il closing dell’operazione è soggetto al verificarsi di alcune condizioni sospensive, usuali per questo tipo di investimenti.

Gli accordi sottoscritti prevedono un patto parasociale tra Aurora Dodici, Vanni Benedetti e Pierluigi Guasti, al fine di regolare i rapporti tra azionisti di maggioranza e di minoranza della società.

Vanni Benedetti manterrà la carica di amministratore delegato di BioDue.

Al closing sarà stipulato un accordo di incentivazione con l’amministratore delegato.

Una volta perfezionato il closing, che ci si attende possa avvenire entro la fine del terzo trimestre del 2019, Aurora Dodici sarà tenuta a promuovere un’offerta pubblica di acquisto totalitaria avente a oggetto le restanti 2.305.380 azioni di BioDue in circolazione, allo stesso prezzo di 6,50 euro per azione.

Rispetto al prezzo corrente del titolo di 5,22 euro, si tratta di un premio del 24,5%.

Vanni Benedetti e Pierluigi Guasti non porteranno in adesione all’OPA le loro rimanenti azioni della società.

L’OPA sarà finalizzata al delisting della società.

Qualora, per effetto delle adesioni all’OPA, Aurora Dodici venisse a detenere, tenuto conto delle azioni già detenute da Vanni Benedetti e Pierluigi Guasti, una partecipazione superiore al 90% del capitale sociale della società, non verrà ripristinato un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni e troverà applicazione la procedura di obbligo di acquisto.

Alessandro Grimaldi, amministratore delegato di Armònia SGR e Francesco Chiappetta, vice presidente:

“Il Consumer Pharma è uno dei settori di investimenti di Armònia.

BioDue gode di un posizionamento di eccellenza sul mercato che ci permette di beneficiare della sua duplice natura di contract manufactor per conto terzi e di operatore che commercializza anche prodotti a marchio proprio.

A questo si aggiunge l’elevata qualità del management che è stato uno degli elementi determinanti nella decisione finale.”

Vanni Benedetti, attuale presidente e amministratore delegato della società, ha dichiarato:

“Cedere il controllo di BioDue è stata una decisione sofferta ma consapevole, nell’ottica di dare alla società un notevole impulso allo sviluppo degli investimenti, col fine di raggiungere la dimensione ottimale per poter competere in un settore industriale sempre più attraente e sfidante, che mostra una diffusa tendenza alle aggregazioni.

Rimarrò nella società come principale azionista privato, mantenendo la carica di amministratore delegato, a garanzia del fatto che l’operazione miri a tutelare e valorizzare gli attuali siti industriali e tutte le aziende dell’indotto, con continuità dei piani industriali nonché del management e dei dipendenti.”

✅ BioDue 
✔ Prezzo 5,22 € 
✔ PE 12m 13,3 
✔ PB 2,48 
✔ Fair Value 4,99 € 
✔ Rendimento implicito 11,2% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

martedì 6 agosto 2019

Situazione mercati finanziari al 06 agosto 2019

Rendimento implicito nominale lordo
Aim Italia Investable: 11,65%
Ftse Mib: 9,89%
Btp a 10 anni: 1,52%

Inflazione attesa: 1,87%

Rendimento implicito reale netto
Aim Italia Investable: 6,63%
Ftse Mib: 5,35%
Btp a 10 anni: -0,53%

Fonte: elaborazione "Aim Italia News"

Ftse Aim Italia 06-08-2019

Il FTSE AIM Italia scende del -0,37% a 7.964,74 punti.

Ftse Aim Italia 06-08-2019
Ftse Aim Italia 06-08-2019











Il controvalore scambiato in giornata è di 8.325.312 euro.

43 titoli su 126 (34%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • Gruppo Green Power: 59,26%
  • Confinvest: 16,25%
  • Longino & Cardinal: 7,19%
  • Agatos: 5,65%
  • Oficina Stellare: 3,91%  
I risultati peggiori della giornata:
  • Bio-on: -8,21
  • Siti B&T Group: -7,14%
  • Neurosoft: -6,71%
  • EdiliziAcrobatica: -5,62%
  • Net Insurance: -4,80% 
Redazione Aim Italia News

Copernico SIM all'AIM Italia da giovedì 8 agosto 2019

Copernico SIM, SIM non appartenente a gruppi bancari ed assicurativi, ha presentato a Borsa Italiana la domanda di ammissione alle negoziazioni su Aim Italia delle azioni e dei warrant Copernico Sim Spa 2019-2022.

Il collocamento è stato chiuso con successo con una raccolta complessiva di circa 3,3 mln euro, composta da circa 2,925 mln in aumento di capitale (sottoscritto per il 49% da investitori istituzionali e per il 51% da investitori retail) e da circa 0,4 mln in vendita da parte di azionisti storici.

Il prezzo di emissione è di 6,5 euro per azione.

La capitalizzazione teorica è di 12.675.000 euro.

L'operazione prevede l'assegnazione gratuita di 631.494 warrant nella misura di 1 warrant ogni 3 azioni, a favore di tutti coloro che risultano titolari di azioni alla data di inizio delle negoziazioni, ivi inclusi coloro che abbiano sottoscritto azioni nell'ambito del collocamento.

Tutti gli azionisti e la società hanno assunto un impegno di lock-up per un periodo rispettivamente di 18 mesi e di 12 mesi.

La data di ammissione è prevista per oggi.

La data di inizio delle negoziazioni sarà l'8 agosto.

Il flottante atteso è pari a oltre il 25% del capitale sociale.

Confinvest, intervista al consigliere Luciano Avanzini

Luciano Avanzini, consigliere di Confinvest F.L., società quotata all'AIM Italia, che opera nel mercato dell'oro fisico (monete e lingotti) da investimento, ha rilasciato un'intervista in occasione dell'inizio delle contrattazioni.


Fonte: Websim, durata 2:46

Gruppo Green Power, in vista OPA obbligatoria con premio del 71%

Gruppo Green Power, società quotata all'AIM Italia, che opera nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, rende noto che è stato sottoscritto tra Alperia Spa, in qualità di acquirente, e GGP Holding Srl e Tre Bi Srl in qualità di venditori, un contratto per la cessione di complessive 2.144.450 azioni GGP, pari al 71,88% del capitale sociale.

Il perfezionamento della suddetta operazione di cessione della partecipazione verrebbe a determinare in capo all’acquirente l’obbligo di offerta pubblica di acquisto totalitaria sulle azioni ordinarie GGP.

L'acquirente ha dichiarato che non ha ancora deciso se richiedere la revocare delle azioni di GGP dalle negoziazioni sul mercato AIM Italia.

L'eventuale decisione sarà resa nota al pubblico al momento della presentazione dell’OPA.

Per il trasferimento è previsto un corrispettivo determinato dalla sommatoria:
  • corrispettivo di base, da corrispondersi alla data del closing 9 settembre 2019, di 7.920.002 euro, (corrispondente ad un prezzo unitario di 3,693 euro per azione GGP).
Il prezzo potrebbe essere oggetto di rettifica in diminuzione, al ricorrere di alcune situazioni.
  • componente eventuale e differita al raggiungimento di predefiniti livelli di redditività di GGP (“Earn Out”).
Il pagamento dell’Earn Out è subordinato al raggiungimento di livelli minimi e obiettivi specifici di ebitda da parte di GGP, con riferimento agli esercizi 2019, 2020 e 2021.
L'Earn Out potrà avere un ammontare complessivo massimo di 2.156.400 euro (corrispondente a un prezzo unitario di Euro 1,006 per azione GGP
Il corrispettivo di base della transazione, senza tenere conto dell'eventuale Earn Out, presenta un premio del 71% sul prezzo dell'azione Gruppo Green Power, attualmente quotata 2,16 euro.

lunedì 5 agosto 2019

Situazione mercati finanziari al 05 agosto 2019

Rendimento implicito nominale lordo
Aim Italia Investable: 11,63%
Ftse Mib: 9,85%
Btp a 10 anni: 1,57%

Inflazione attesa: 1,87%

Rendimento implicito reale netto
Aim Italia Investable: 6,61%
Ftse Mib: 5,32%
Btp a 10 anni: -0,49%

Fonte: elaborazione "Aim Italia News"

Ftse Aim Italia 05-08-2019

Il FTSE AIM Italia scende del -0,15% 7.994,15 punti.

Ftse Aim Italia 05-08-2019
Ftse Aim Italia 05-08-2019











Il controvalore scambiato in giornata è di 16.134.385 euro.

32 titoli su 126 (25%) hanno chiuso la seduta con una variazione positiva.

I risultati migliori della giornata:
  • Iervolino Entertainment: 17,95%, rispetto al prezzo di collocamento
  • Ki Group: 8,88%
  • Bio-on: 8,15%
  • Neosperience: 7,37%
  • Net Insurance: 6,84%  
I risultati peggiori della giornata:
  • SosTravel: -12,21
  • Expert System: -7,14%
  • DBA Group: -7,14%
  • CleanBnB: -5,79%
  • MailUp Group: -5,60% 
Redazione Aim Italia News

Ftse Aim Italia settimana 02-08-2019

Il FTSE AIM Italia scende in settimana del -2,56% a 8.006,24 punti.

Il Controvalore scambiato in settimana è di 113,6 mln di euro.

33 titoli su 125 (26%) hanno chiuso la settimana con una variazione positiva.

FTSE AIM Italia



I risultati migliori della settimana:
  • EdiliziAcrobatica: 21,21%
  • SCM SIM: 12,00%
  • ICF Group: 6,72%
  • MailUp Group: 5,93%
  • Net Insurance: 4,93%
I risultati peggiori della settimana:
  • Askoll EVA: -20,74%
  • Bio-on: -20,25%
  • Grifal: -13,43%
  • Neosperience: -12,84%
  • Radici: -11,99%

Risultati settimanali di tutte le società AIM Italia

4AIM SICAF: 0,00%

Abitare In: -7,53%
Agatos: 2,67%
Alfio Bardolla Training Group: -4,15%
Alkemy: -3,08%
Ambromobiliare: 4,48%
AMM: -5,25%
Antares Vision: 2,11%
Askoll EVA: -20,74%
Assiteca: -4,42%
axélero: sosp.

BioDue: -3,33%
Bio-on: -20,25%
Blue Financial Communication: -0,89%

Caleido Group: -1,85%
Casta Diva Group: -1,38%
CdR Advance Capital: -0,95%
CFP Single Investment: 0,00%
CFT: 2,95%
Circle: -0,72%
Clabo : -0,31%
Cleanbnb: 2,89%
Comer Industries: -1,64%
Confinvest: 0,01%
Costamp Group: -8,33%
Cover 50: -4,69%
Crowdfundme: -1,68%
Culti Milano: 1,50%

DBA Group: 0,60%
DHH: -8,26%
Digital Magics: -2,90%
Digital Value: -2,56%
Digital360: 1,61%
DigiTouch: -4,61%

Ecosuntek: -5,56%
Ediliziacrobatica: 21,21%
Eles: -8,46%
Elettra Investimenti: -1,68%
Energica Motor Company: -0,85%
Energy Lab: sosp.
Enertronica: 0,00%
EPS Equita PEP 2: -0,52%
Esautomotion: 1,30%
Expert System: -6,67%

Farmaè: -1,46%
Fervi: -4,35%
Fine Foods NTM: 0,00%
Finlogic: -2,52%
Fintel Energia Group: -3,85%
First Capital: -1,63%
FOPE: -1,35%
Frendy Energy: -0,62%
Friulchem: -5,36%

Gabelli Value For Italy: 0,00%
Gambero Rosso: 2,86%
Gel: -8,41%
Gibus: -1,72%
Giorgio Fedon & Figli: 0,76%
GO Internet: -3,65%
Grifal: -13,43%
Gruppo Green Power: -5,83%

Health Italia: 0,00%
H-FARM: -3,14%

Icf Group: 6,72%
IdeaMI: -0,51%
Illa: -3,36%
Ilpra: 3,81%
Imvest: -10,53%
Industrial Stars of Italy 3: 0,00%
Iniziative Bresciane: -0,58%
Innovatec: -5,08%
Intred: 0,62%
Italia Independent Group: 1,14%
Italian Wine Brands: -0,80%

Ki Group: 0,00%
Kolinpharma: -10,68%

Leone Film Group: 4,17%
Life Care Capital: -0,52%
Longino & Cardenal: -5,67%
Lucisano Media Group: -2,01%

MailUp: 5,93%
Maps: -4,88%
Marzocchi Pompe: -3,72%
Masi Agricola: -4,50%
Mondo TV France: -1,67%
Mondo TV Suisse: 0,00%
Monnalisa: -1,84%

Neodecortech: 0,51%
Neosperience: -12,84%
Net Insurance: 4,93%
Neurosoft: -5,52%
Notorious Pictures: -1,07%

Officina Stellare: -11,76%
Orsero: -7,25%

Pattern: 2,27%
Pharmanutra: 1,02%
Poligrafici Printing: -3,23%
Portale Sardegna: -3,11%
Portobello: -4,59%
Powersoft: -3,07%
Prismi: 0,53%

Radici: -11,99%
Relatech: -2,35%
Renergetica: 1,16%
Rosetti Marino: 0,00%

Sciuker Frames: 3,29%
SCM SIM: 12,00%
SEIF: 0,88%
SG Company: 2,91%
Shedir Pharma Group: -2,04%
SICIT: -4,43%
Sirio: -0,55%
SITI B&T Group: -5,98%
Softec: -3,54%
Somec: -2,78%
Sostravel.com: 0,38%
Spactiv: 0,00%

Telesia: 0,00%
TheSpac: 0,00%
TPS: 0,00%
TraWell Co: 0,61%

Vei 1: -0,52%
Vetrya: -3,13%
Vimi Fasteners: 0,88%
Visibilia Editore: -8,06%

WM Capital: 1,35%

Redazione Aim Italia News

Bio-on ha depositato un esposto contro Quintessential Capital Management

Bio-on, società quotata all'AIM e attiva nel settore delle bioplastiche PHAs, ha depositato un esposto presso la Procura della Repubblica di Bologna, in relazione al video e al report pubblicati da Quintessential Capital Management (QCM).

Con tale atto, portato immediatamente a conoscenza anche della Consob, la società ha inteso rappresentare alle Autorità competenti le ragioni per le quali ritiene che la condotta tenuta da QCM costituisca un evidente caso di market abuse, nel quale si intersecano tanto profili di manipolazione del mercato, quanto di criminal insider trading.

QCM ha infatti diffuso notizie false e fuorvianti, finalizzate a determinare una significativa flessione del valore del titolo Bio-On, avendo già assunto - come QCM ha peraltro esplicitamente dichiarato - una posizione di investimento legata a tale flessione.

Per quanto attiene agli aspetti principali dell'esposto, la società Bio-On - che al momento non ritiene di pubblicarlo per rispetto delle prerogative normativamente riconosciute alla Procura della Repubblica e alla Consob durante la fase delle indagini - ha individuato e segnalato all'attenzione delle Autorità le seguenti tipologie di informazioni, contenute nel report elaborato da QCM:
  • informazioni oggettivamente false;
  • informazioni che poggiano su assunti scorretti o, comunque, comunicate al mercato in maniera fuorviante;
  • informazioni vere, immediatamente ricavabili dalla documentazione societaria, presentate tuttavia subdolamente come frutto di un'asserita attività d'inchiesta, svolta in via originale da QCM.
Così, limitandosi ad alcuni esempi:
  • è certamente falso che l'impianto di Castel San Pietro non sia attivo e in produzione;
  • è altrettanto falso il racconto della visita di analisti inglesi, dapprima confermata e poi disdetta immediatamente prima dell'ora stabilita;
  • è falso, infine, che QCM abbia mai cercato un confronto con la società Bio-On attraverso richieste di informazioni.
Derivano poi da premesse fattuali non conformi al vero tanto le illazioni di QCM per le quali la società Bio-On, eludendo il disposto degli artt. 2343 e 2343 bis c.c., non avrebbe mai fatto valutare da terzi la propria tecnologia concessa in licenza alle varie collegate, quanto l'affermazione che la società Bio-On avrebbe cambiato revisore prima del termine imposto dalla legge: la modifica è infatti regolarmente avvenuta a fine mandato, ossia a conclusione del termine triennale, che è l'unico applicabile alle società quotate all'AIM.

Da ultimo, si è segnalato come le accuse di QCM in materia di contabilità aziendale e sistema delle Joint Venture si risolvano tutte in censure, puramente discrezionali e opinabili, riferite al modello di business, senza che da esse emerga alcun elemento capace di fare anche solo lontanamente immaginare una condotta fraudolenta della società Bio-On.

Alla luce di tali dati, Bio-On confida che le Autorità procedano con la massima celerità a ricercare i riscontri alle informazioni fornite da QCM e, una volta constatato che tali riscontri non esistono, né potranno venire a esistenza nel prossimo futuro, ratifichino l'illiceità del comportamento di QCM e ripristinino la reputazione della società così gravemente vulnerata.

Askoll EVA, maxi ordine da eCooltra

Askoll EVA, società quotata all'AIM Italia, che opera nel mercato della mobilità elettrica con e-bike e escooter, comunica di aver ricevuto un nuovo ordine dal cliente eCooltra di ulteriori 2.200 scooter Askoll eS.

Questo ordine si aggiunge a quello di giugno 2019 pari a 550 scooter, facendo arrivare la flotta complessiva circolante a marchio Askoll EVA dell'azienda spagnola nelle città di Roma, Milano, Barcellona e Lisbona, a quota 5.150.

La crescita degli scooter Askoll EVA del programma eCooltra, anno su anno, è stata di oltre il 50% e ad oggi è già stato superato il numero di ordini dell’intero 2018.

L’amministratore delegato Gian Franco Nanni ha affermato:

“Siamo indubbiamente soddisfatti di questo ordine, originariamente previsto per il primo semestre e che pertanto ha contribuito ad un rallentamento della crescita del periodo, che ci consente di aumentare la nostra presenza nel settore dello sharing.

La mobilità condivisa rimane infatti una delle priorità strategiche di Askoll EVA.

Vista la volatilità attesa del segmento, tipica dei nuovi mercati, la nostra strategia di crescita prevede una maggiore diversificazione in settori quale quello della componentistica rivolta a differenti mercati tra cui l’automazione dei cancelli e l’hand push trolley, che siamo convinti, permetteranno buoni ritorni in termini di fatturato e di marginalità”.

Masi Agricola, 1° semestre stabile

Il CdA di Masi Agricola, azienda vitivinicola quotata all'AIM Italia, che produce e distribuisce vini di pregio, ha approvato i risultati consolidati del 1° semestre 2019.

Bilancio consolidato 1° semestre
Principi contabili internazionali
migliaia di euro
2019 vs 2018

Ricavi
29.726 vs 29.471, +0,8%

     di cui Italia 5.949 vs 5.817, +2,3%
     di cui estero 23.777 vs 23.654, +0,5%

Ebitda
5.492 vs 5.896, -6,9%

Flusso di cassa
4.739 vs 8.965, -47,1%

Utile netto
1.730 vs 2.706, -36,1%

Patrimonio Netto
125.987 vs 126.536, -549

Debiti finanziari netti
10.310 vs 5.598, +4.712

Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola, ha dichiarato:

«Il primo semestre 2019 ha evidenziato un contesto che permane in generale molto sfidante per i vini fermi premium.

In Europa è stato inoltre caratterizzato anche da condizioni meteorologiche avverse, ritardando l’arrivo della primavera e con conseguente calo della domanda, soprattutto nelle location turistiche.

In questo scenario siamo dunque soddisfatti del trend dei nostri ricavi e in particolare nel secondo trimestre, che ha consentito un visibile recupero rispetto al -5% registrato a fine marzo, ritornando in territorio positivo.

Resta una priorità mantenere e sviluppare una distribuzione qualificata, per consolidare il posizionamento di Masi e degli altri marchi del gruppo, privilegiando canali e clienti con elevata visibilità, solidità e qualità.

Dal punto di vista della redditività contabile abbiamo una riduzione, quando invece l’utile netto sarebbe sostanzialmente in linea con il periodo 2018, se calcolato al netto degli elementi non dipendenti dalla gestione, costituiti dall’iperinflazione Argentina e dal nuovo principio contabile IFRS 16 sugli affitti.

Da sottolineare il trend particolarmente positivo di Canevel Spumanti e del progetto Masi Wine Experience, rivolto al contatto diretto con il consumatore».

Expert System emette minibond di 5 mln di euro

Expert System, società quotata all'AIM Italia, e attiva nel software del cognitive computing e della text analytics, ha collocato un prestito obbligazionario non convertibile di 5 mln di euro, con durata di 7 anni.

Il Prestito obbligazionario è stato interamente sottoscritto da Unicredit SpA.

Stefano Spaggiari, amministratore delegato di Expert System, ha dichiarato:

“L’emissione del minibond persegue l’obiettivo di supportare le esigenze di gestione e crescita del gruppo.

Affiancando questo nuovo prestito obbligazionario al tradizionale canale bancario e al ricorso al mercato dei capitali, puntiamo a una diversificazione delle fonti di finanziamento nell’ottica di avere una struttura finanziaria sempre equilibrata e orientata al medio-lungo termine.”

Principali termini e condizioni
  • data di emissione: 2 agosto 2019
  • durata: 7 anni, con rimborso il 2 agosto 2026
  • prezzo di emissione: alla pari
  • tasso di interesse: variabile pari a Euribor 3 mesi + spread del 2,25%, con floor 0%
  • piano di rimborso: amortising trimestrale con quota capitale costante e due anni di preammortamento

✅ Expert System 
✔ Prezzo 2,80 € 
✔ PE 12m 239,3  
✔ Fair Value 5,86 € 
✔ Rendimento implicito 5,9% 
✔ Rating C - SPECULATIVO 

Iervolino Entertainment, dati riassuntivi e di bilancio

Iervolino Entertainment, società specializzata nella produzione di contenuti cinematografici e televisivi rivolti al mercato internazionale, inizia oggi le contrattazioni all'AIM Italia.

La società ha pubblicato il documento di ammissione (174 pagine, formato pdf).

Bilancio annuale
Principi contabili internazionali
migliaia di euro
2018 vs 2017

Ricavi esclusi crediti fiscali
27.627 vs 1.088, +26.539

     da cessione dei diritti sui film:
     The Poison Rose 13.878
     Web Series Arctic Justice 12.445

Ebitda
34.144 vs 491, +33.653

Flusso di cassa
15.321 vs 888, +14.433

Utile netto
10.203 vs -1.592+11.795

Patrimonio netto
10.923 vs -78+11.001

Debiti finanziari netti
5.853 vs 784, +5.069

Patrimonio netto per azione
0,390 euro

Utile per azione
0,364 euro

Patrimonio netto per azione post money
0,571 euro


Waiting for the Barbarians, in uscita a settembre 2019
Waiting for the Barbarians,
in uscita a settembre 2019
L'esercizio 2018 non è comparabile con l’esercizio 2017 in quanto è stato, di fatto, il primo anno di attività di produzione cinematografica.
  • Azioni in circolazione, post collocamento: 33 mln
  • di cui azioni collocate sul mercato a 1,95 euro l'una (flottante): 5,5 mln, pari al 16,7% del capitale sociale e al 10,0% dei diritti di voto.
  • Raccolta lorda, esclusa opzione greenshoe: 9.750.000 euro
  • Raccolta al netto delle spese: 7.910.000 euro (stima AIN)
  • Capitalizzazione: 64.350.000 euro

domenica 4 agosto 2019

Evidence of the italian special purpose acquisition company

Pubblicata in rete una interessante ricerca in inglese: Evidence of the italian special purpose acquisition company (12 pagine, in inglese, formato pdf).

Evidence of the italian special purpose acquisition company
Evidence of the italian special
purpose acquisition company
In 1992 David Nussbaum with the support of the law firm Graubard Miller devised the formula of the specified purpose acquisition companies (SPAC): a financial vehicle that has the flexibility and functionality typical of the blank-check companies, which could provide investors with the right protections and guarantees in order to be a reliable instrument.

The first SPAC officially debuted in 2003 through the Initial Public Offering (IPO) of Millstream Acquisition Corporation which then completed the merger with Nations Health in September 2004.

In 2005 the first SPAC got listed in European Market and in 2011 the first SPAC joined in the Italian market.

The aim of this research is to investigate the features of the Italian SPACs System because it‟s becoming a large phenomenon in Italy.

This new type of investment is able to fit the needs of small-medium Italian companies, to solve crisis difficulties, to find new finance to grow, to be a good instrument for opening up venture capital and institutional investors respecting the past business history and the safeguard of corporate control.

The study, then, performs an analysis on the Italian SPACs by examining their target firms, stock performance before and after the business combination and the impact of the SPACs on SME corporate governance models.

These results will be compared with those of other research developed by academic literature.

Autori: Patrizia Riva, Roberta Provasi