www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 3.800 articoli pubblicati

giovedì 20 febbraio 2020

Unidata, parte il bookbuilding per l'AIM Italia

Unidata, operatore di telecomunicazioni con una rilevante presenza a Roma e nel Lazio, ha comunicato che ha preso il via il bookbuilding relativo all’operazione di quotazione delle azioni ordinarie e dei warrant della società, sull'AIM Italia.

Logo di Unidata
Logo di Unidata
La società
Fondata nel 1985 da tre soci tuttora in azienda, Unidata opera attraverso una rete in fibra ottica di oltre 2 mila chilometri, una rete wireless e un data center proprietario.

La società fornisce ad oltre 6.500 clienti business, wholesale e residenziali servizi di connettività Ftth (fiber to the home) e connettività wireless.

Unidata ha chiuso il 2019 con ricavi per 13,3 mln di euro (+15,1% rispetto al 2018) e un ebitda di 4,7 mln di euro (+21,5%).

L’indebitamento finanziario netto è passato da 1,07 mln di euro a fine 2018 a 0,59 mln di euro al 31 dicembre 2019.

Il collocamento
L’offerta prevede l’emissione di nuove azioni Unidata e di warrant denominati “Warrant Unidata 2020-2022”, in aumento di capitale per un importo massimo complessivo di 8 mlni di euro, con collocamento privato destinato a investitori professionali e privati.

A seguito della quotazione, il flottante sarà compreso tra un minimo del 20,0% ed un massimo del 23,5% del capitale sociale.

È previsto un minimo importo garantito per gli investitori retail di 150.000 euro.

I warrant saranno assegnati gratuitamente alle azioni di nuova emissione nel rapporto di 1:1.

Il rapporto di conversione sarà di 1 azione ogni 4 warrant, con strike price fissato a +30% rispetto al prezzo di collocamento.

Attualmente il capitale di Unidata è composto da 2 mln di azioni.

L’intervallo di prezzo delle azioni Unidata è stato fissato tra un minimo di 13 euro e un massimo di 16 euro, per una capitalizzazione ante aumento di capitale compresa tra 26 e 32 mln di euro.

Nel processo di Ipo EnVent Capital Markets agisce in qualità di nomad e global coordinator, Directa SIM è il collocatore online e retail e Banca Finnat è il research provider.

La chiusura dell’offerta è prevista per il 4 marzo 2020.