Visualizzazione post con etichetta EPS Equita. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta EPS Equita. Mostra tutti i post

martedì 10 dicembre 2019

EPS Equita PEP SPAC 2 il 16 dicembre riscatta tutte le azioni e esce dall'AIM

EPS Equita PEP SPAC 2, spac quotata all'AIM Italia, comunica che, sulla base dei risultati definitivi del programma di acquisto di azioni proprie autorizzato dall’assemblea dei soci in data 7 novembre 2019, risultano essere state oggetto di vendita complessive 7.169.919 azioni ordinarie EPS 2, rappresentanti il 98,61% del capitale sociale della società.

Il loro regolamento avverrà il 13 dicembre 2019.

La società procederà a riscattare, in data 16 dicembre 2019, tutte le 91.416 residue azioni ordinarie EPS 2 ancora in circolazione a quella data pari a circa l’1,26% del capitale sociale e tutte le 9.946 azioni ordinarie EPS 2, pari a circa lo 0,14% del capitale sociale, per le quali è stato legittimamente esercitato il diritto di recesso come comunicato in data 29 novembre 2019. 

Il loro regolamento avverrà il 16 dicembre 2019 a 10,00 euro per azione..

Borsa Italiana ha sospeso le azioni ordinarie EPS 2 dalle negoziazioni sull'AIM Italia e ha disposto la relativa revoca a decorrere dalla data del 16 dicembre 2019.

mercoledì 23 ottobre 2019

EPS Equita PEP SPAC, proposta di liquidazione veloce tramite riacquisto

Il CdA di EPS Equita PEP SPAC, spac quotata all'AIM Italia, considerata la non realizzabilità di una “operazione rilevante” entro il termine ultimo del 10 novembre 2019 previsto dallo statuto sociale, ha deliberato di sottoporre all’assemblea degli azionisti alcune deliberazioni societarie volte a consentire agli azionisti ordinari di vedere liquidato il proprio investimento nella società il 13 dicembre 2019 e comunque entro e non oltre la fine dell’anno corrente.

Il tutto in anticipo rispetto alle tempistiche più incerte e alle modalità più complesse che troverebbero altrimenti attuazione in caso di scioglimento e liquidazione della società.

I diritti e le aspettative degli azionisti ordinari subirebbero una variazione migliorativa rispetto allo scenario della liquidazione attualmente previsto dallo Statuto sociale.

In caso di approvazione da parte dell'assemblea verrà offerta agli azionisti ordinari la possibilità di:
  • esercitare l’opzione di vendita per ciascuna delle proprie azioni al prezzo di 10,00 euro per azione, dall’11 novembre 2019 al 9 dicembre 2019, con regolamento il 13 dicembre 2019;
  • cedere (anche anticipatamente) le proprie azioni ordinarie sul mercato AIM Italia, che la società potrà acquistare ad un prezzo massimo pari a 10,00 euro per azione.
Qualora, al completamento dell’operazione di acquisto di azioni proprie e ad esito dell’esercizio del diritto di recesso relativo alle delibere di modifiche statutarie, il numero residuo di azioni ordinarie in circolazione a quella data sia inferiore a 727.128 azioni ordinarie (ossia in misura inferiore al 10% dell’attuale capitale sociale ordinario della società), tali azioni ordinarie saranno riscattate dalla società ad un prezzo di riscatto sempre pari a 10,00 euro per azione.

Il riscatto delle azioni ordinarie in circolazione sarà perfezionato il prima possibile e comunque entro e non oltre il termine ultimo del 31 dicembre 2019.

Inoltre, si propone di deliberare che, subordinatamente al raggiungimento delle condizioni per l’esercizio del riscatto, sia posta in essere la revoca delle negoziazioni delle azioni della società sull'AIM Italia.

Tenuto conto dell’imminente scadenza dell’attuale termine di durata della società verrà anche proposta la proroga del termine di durata al 31 dicembre 2020 per il fine di dare esecuzione al piano.

Nel caso di deliberazione assembleare di approvazione di tale modifica statutaria, agli azionisti ordinari della società che non avranno concorso alla deliberazione spetterà il diritto di recesso con un valore di liquidazione pari a 10,00 euro.

Le azioni ordinarie della società, per le quali sia stato validamente esercitato il diritto di recesso, verranno acquistate dalla società nell’ambito dell’operazione di riscatto.

Una volta che la totalità delle azioni ordinarie sia stata acquistata dalla società e tutti gli azionisti ordinari siano stati rimborsati il mantenimento delle azioni speciali non avrà più ragion d’essere.

Se ne propone pertanto la conversione, a seguito della quale la società rimarrà un veicolo di proprietà degli ex titolari di azioni speciali, fermo beninteso il definitivo esaurimento dell’oggetto sociale quale oggi previsto nello statuto sociale.

Diversamente, nel caso in cui la società non abbia conseguito l’acquisto della totalità delle azioni ordinarie ad oggi in circolazione ad esito delle suddette operazioni, si propone di deliberare lo scioglimento volontario e conseguente liquidazione della società, nonché la revoca delle negoziazioni delle azioni della Società sul mercato AIM Italia.

Le azioni ordinarie dei soci recedenti saranno rimborsate con procedimento ordinario di liquidazione e pertanto con un valore di rimborso certo, ma tempistica indeterminata.