Visualizzazione post con etichetta Gear 1. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Gear 1. Mostra tutti i post

mercoledì 27 febbraio 2019

Gear 1, la valutazione assegnata a Comer Industries sembra "prudenziale"

Nell'ambito della fusione tra la spac Gear 1, quotata all'AIM Italia, e Comer Industries, quest'ultima è stata valutata 157,617 mln di euro.

Modalità di calcolo
Dopo la fusione, i vecchi azionisti di Gear 1, ora azionisti di Comer Industries, detengono 3.170.000 azioni su 20.170.000 totali, pari a circa il 15,72% del capitale sociale di Comer Industries, quota che costituisce il flottante della società. (pagina 270 del documento di ammissione).

Gamma prodotti Comer Industries
Gamma prodotti Comer Industries
Gear 1 ha apportato complessivamente liquidità per 29.391.000 euro (pagina 87 del documento di ammissione).

Dividendo 29,391 mln di euro per 15,72%, si ottiene un valore post-fusione di 187 mln di euro.

Sottraendo a tale valore i 29,391 mln apportati da Gear 1, si ottiene la valutazione pre-fusione di Comer industries di 157,617 mln di euro.

Valutazione provvisioria
Abbiamo cercato di capire, in base ai dati inseriti nel documento informativo, se il prezzo concordato sia ragionevole.

In particolare, rielaborando i dati presenti nel documento di ammissione, abbiamo calcolato il:

Bilancio consolidato annuale al 30 giugno 2018
(1° semestre 2018 + 2° semestre 2017)
migliaia di euro

Fatturato 365.808
Ebitda 35.161
Utile netto 14.965

Posizione finanziaria netta 40.035
Patrimonio netto 82.776

Prezzo / Utile 10,5
Prezzo / patrimonio netto 1,90

In base a questi dati abbiamo applicato la nostra usuale modalità di valutazione e siamo arrivati alla seguente valutazione provvisoria, in attesa della pubblicazione della prima ricerca finanziaria relativa alla società derivante dalla business combination.

Rendimento implicito provvisorio: 15,3%
Rating provvisorio: A - VALUE 

Per confronto, il rendimento mediano delle società quotate all'AIM Italia (componenti dell'indice AIM Italia Investable) è attualmente del 11,96% annuo e quello del settore industria è del 12,00%.

Possiamo quindi ritenere la valutazione attribuita al target di Gear 1 "prudenziale".

Redazione Aim Italia News

martedì 26 febbraio 2019

La Spac Gear 1 debutta oggi all'AIM Italia

La Special Purpose Acquisition Company (SPAC) Gear 1 ha iniziato oggi le contrattazioni su AIM Italia.

È la prima Spac del 2019 su AIM Italia.

Gear 1 ha già stipulato l’atto di fusione per incorporazione col target: Comer Industries.

La relativa business combination avverrà successivamente all’iscrizione della fusione presso il competente ufficio del registro delle imprese.

Il primo giorno di quotazione di Comer Industries sarà probabilmente il 13 marzo 2019.

In fase di collocamento Gear 1 ha raccolto 30 mln di euro.

Il flottante al momento dell’ammissione è del 80,47%.

Gear 1 è stata assistita da EnVent Capital Markets Ltd in qualità di Global Coordinator e Nomad e da Banca Akros in qualità di Specialist.

Per approfondimenti, è possibile scaricare il Documento di ammissione (351 pagine, formato pdf).

In occasione dell’inizio delle negoziazioni Barbara Lunghi, Head of Primary Markets di Borsa Italiana, ha commentato:

“La quotazione di Gear 1, la prima SPAC del 2019, mostra come questo strumento sia in continua evoluzione e rappresenti una soluzione efficace per accompagnare le società che vogliono accelerare il loro processo di crescita ed accedere ai mercati dei capitali”.

Matteo Nobili, presidente del Cda di Gear 1 SpA, anche a nome degli altri promotori, ha dichiarato:

“Siamo molto soddisfatti per l’obiettivo raggiunto, ottenuto in uno scenario caratterizzato da un’alta volatilità dei mercati finanziari negli ultimi sei mesi.

Abbiamo voluto proporre un modello di operazione finanziaria che consentisse agli investitori di conoscere già all’atto della sottoscrizione dell’offerta la destinazione dei proventi dell’aumento di capitale.

L’auspicio è che le accelerated business combination possano aiutare a portare sul mercato altre aziende con uno schema semplice, veloce e trasparente sia per investitori che per emittenti.

Abbiamo individuato una società multinazionale con una storia di successo, non solo patrimonialmente e finanziariamente solida, ma, soprattutto, col pregio e la lungimiranza di aver già completato il passaggio generazionale, guidata da un management giovane, competente, coraggioso e ambizioso che saprà cogliere senz’altro le opportunità di crescita che presenta il mercato globale”.

Video di presentazione di Comer Industries


Durata 4:02

giovedì 21 febbraio 2019

Gear 1 (spac del settore meccanico) ha finito il collocamento

Gear 1 ha presentato domanda di ammissione delle proprie azioni ordinarie e dei Warrant Gear alle negoziazioni sull'AIM Italia.

Gear 1 è una Special Purpose Acquisition Company (Spac) promossa da Matteo Nobili, Maurizio Cozzolini e Arnaldo Camuffo al fine di individuare imprese target con un posizionamento competitivo rilevante e un management di comprovata esperienza.

L’attenzione, in particolare, è rivolta a società attive nel settore della meccanica agricola e industriale, per realizzare un’operazione di integrazione.

Il collocamento privato, concluso il 19 febbraio 2019 e riservato agli investitori istituzionali italiani ed esteri, ha avuto a oggetto 3 mln di azioni, a un prezzo di sottoscrizione fissato a 10 euro per azione, per un controvalore complessivo di 30 mln di euro.

Per ogni 10 azioni ordinarie è assegnato gratuitamente 1 warrant.

I promotori saranno titolari, alla data di inizio delle negoziazioni, di 50 mila azioni speciali, che si convertiranno in azioni ordinarie nei modi e nei termini previsti dallo statuto di Gear 1.

Gear 1 prevede di ottenere il provvedimento di ammissione da Borsa Italiana entro la fine di questa settimana.

EnVent Capital Markets Ltd ha agito quale Global Coordinator e Nomad.

Gear 1, secondo il modello della accelerated business combination, ha individuato Comer Industries e il gruppo dalla stessa controllato come target per la realizzazione dell'operazione, che sara' realizzata attraverso la fusione per incorporazione di Gear 1 in Comer Industries.

Le assemblee di Comer e Gear 1 hanno già approvato la fusione, perciò l’operazione non prevede l’attribuzione di alcun diritto di recesso in favore degli investitori che hanno sottoscritto le azioni ordinarie nell’ambito del collocamento privato.

Il Target
Matteo Storchi, amministratore delegato di Comer Industries
Matteo Storchi,
amministratore delegato
di Comer Industries
Il gruppo Comer Industries, di Reggiolo (RE), guidato dall'amministratore delegato Matteo Storchi, opera nel settore della progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi avanzati di ingegneria e soluzioni di meccatronica per la trasmissione di potenza, che vengono venduti a imprese operanti in Italia e all’estero nella costruzione di macchine per l’agricoltura e l’industria quali componenti di tali macchine.

La società, fondata nel 1970 dai fratelli Fabio, Fabrizio e Oscar Storchi, è di proprietà della famiglia Storchi.

Fabio Storchi è attualmente presidente di Vimi Fasteners, società quotata all'AIM Italia dall'agosto 2018.

L’87% della della produzione del gruppo è destinata all’export.

Usa, Cina, Francia, Germania, Inghilterra, India e Brasile sono i mercati strategici nei quali Comer Industries è oggi presente con consociate commerciali e impianti di produzione.

Il gruppo ha 1.394 dipendenti.

Bilancio consolidato annuale al 30 giugno 2018 
(1° semestre 2018 + 2° semestre 2017)
migliaia di euro

Fatturato 365.808
Ebitda 35.161
Utile netto 14.965

Posizione finanziaria netta 40.035
Patrimonio netto 82.776