Visualizzazione post con etichetta Intred. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Intred. Mostra tutti i post

lunedì 11 novembre 2019

Intred, accordo con Fastweb per 60 km di fibra ottica spenta

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia, ha sottoscritto un accordo quadro con Fastweb per l’acquisto e cessione del diritto d’uso di fibra ottica spenta.

Gli accordi sottoscritti sono relativi all’utilizzo di fibra ottica spenta in modalità IRU da parte di Fastweb ed Intred,con l’obiettivo di aumentare la copertura della rete da parte di entrambi gli operatori, senza la necessità di realizzare nuove opere civili e duplicare infrastrutture già presenti. 

L’accordo prevede l’acquisto da parte di Intred di un primo lotto di circa 60 km di fibra ottica spenta, che verrà consegnata da Fastweb entro il primo trimestre del 2020.

Tale operazione, il cui controvalore complessivo ad oggi non è quantificabile trattandosi di un accordo quadro, consentirà ad Intred di sviluppare la propria rete in diversi comuni lombardi con importanti ricadute sulle vendite di connettività in fibra ottica nelle provincie di Milano, Monza e Brianza, Lecco, Como e Bergamo.

Daniele Peli, co-founder e amministratore delegato di Intred, ha commentato: 

“Voglio sottolineare la nostra soddisfazione per la scelta di un importante operatore nazionale come Fastweb di utilizzare la nostra infrastruttura che conferma concretamente la qualità della nostra rete e dei servizi offerti.”

✅ Intred 
✔ Prezzo 4,98 € 
✔ PE 12m 17,3 
✔ PB 3,07 
✔ Fair Value 4,46 € 
✔ Rendimento implicito 10,4% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

martedì 5 novembre 2019

Intred, nei primi 9 mesi il fatturato cresce del 21%

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia, comunica che il fatturato dei primi 9 mesi dell'anno è stato di 15,2 mln di euro, in crescita del +21,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’incremento, così come nei trimestri precedenti, continua ad essere sostenuto principalmente dalle vendite di connessioni in banda ultralarga (FTTH e FTTC) cresciute del +47%.

Il dato è gestionale e non sottoposto a revisione legale.

✅ Intred 
✔ Prezzo 5,06 € 
✔ PE 12m 17,3 
✔ PB 3,12 
✔ Fair Value 4,37 € 
✔ Rendimento implicito 10,4% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

mercoledì 16 ottobre 2019

Intred, pubblicati 2 studi societari

Studio societario di Integrae SIM su Intred
Studio societario di
Integrae SIM su Intred
Integrae SIM e Alantra hanno pubblicato due studi societari di aggiornamento su Intred (13 e 32 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 21 mln di euro nel 2019 (+20,6% rispetto al 2018), 25 mln di euro nel 2020.

L'utile netto previsto è di 3,7 / 4,2 mln di euro nel 2019 (+24,0% rispetto al 2018), 4,7 / 4,9 mln di euro nel 2020.

L'utile per azione previsto è di 0,235 / 0,267 euro nel 2019 (0,202 euro nel 2018), 0,297 / 0,310 euro nel 2020.

Il prezzo corrente del titolo è 5,00 euro.

Studio societario di Alantra su Intred
Studio societario di
Alantra su Intred
Il rapporto prezzo / utili è di 19,9 sugli utili del 2019 e 16,5 sugli utili del 2020.

Sia Integrae SIM che Alantra attribuiscono il rating BUY (invariato) al titolo.

Il target price assegnato da Integrae SIM è di 6,52 euro (precedente 5,01), con un premio del 30% sul prezzo corrente.

Il target price assegnato da Alantra è di 7,00 euro, con un premio del 40% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 4,19 euro per azione, con un rendimento implicito del 10,6%.

Il nostro rating è B1 - GROWTH.

Redazione Aim Italia News

✅ Intred 
✔ Prezzo 5,00 € 
✔ PE 12m 17,8 
✔ PB 3,11 
✔ Fair Value 4,19 € 
✔ Rendimento implicito 10,6% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

sabato 28 settembre 2019

Intred, gli utili semestrali crescono del +36%

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia, ha diffuso la relazione finanziaria semestrale.

Bilancio 1° semestre
Principi contabili italiani
migliaia di euro
2019 vs 2018

Ricavi
10.010 vs 8.246, +21,4%

Ebitda
4.149 vs 3.343, +24,1%

Utile netto
2.056 vs 1.514, +35,8%

Patrimonio netto
24.383 vs 22.650 al 31 dicembre 2018, +1.733

Cassa netta
5.718 vs 6.587 al 31 dicembre 2018, -869

Utile per azione
0,130

Patrimonio per azione
1,538

Prevedibile evoluzione della gestione
Le previsioni di crescita per il prosieguo dell’esercizio sono ampiamente positive.

Anche nel secondo semestre del 2019 l’incremento dei ricavi sarà trainato dalle vendite dei servizi in banda ultra larga e dal segmento residenziale EIR, continuando anche nel processo di trasferimento di utenti da connessione in banda larga a connessioni in fibra ottica.

Gli investimenti commissionati ed in corso di realizzazione, relativi all’ampliamento della rete in fibra ottica, porteranno ad una decisa crescita dei valori nel secondo semestre, confermando i piani di investimento precedentemente comunicati.

La costante crescita del numero dei clienti e la buona visibilità sui ricavi ricorrenti ci permette di essere confidenti sul raggiungimento di risultati ancora migliori rispetto a quelli conseguiti nel 1° semestre, confermando i principali indicatori.

✅ Intred 
✔ Prezzo 5,00 € 
✔ PE 12m 18,8 
✔ PB 3,17 
✔ Fair Value 4,03 € 
✔ Rendimento implicito 10,9% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

venerdì 2 agosto 2019

Intred cresce del 21%, in linea con le previsioni

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia, comunica il fatturato preliminare al 30 giugno 2019, non sottoposto a revisione legale, che risulta pari a 10,0 mln di euro, in crescita del 21,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’incremento è stato sostenuto principalmente dalle vendite di connessioni in banda ultra larga, che sono aumentate del 48% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Si registra inoltre una crescita significativa nel settore della telefonia (+17%).

Si mantengono stabili i ricavi dei servizi da datacenter (Housing e Cloud) e accessori.

Come previsto, sono in diminuzione il settore della banda larga (-9%), derivante da connettività basata su cavi in rame, e il settore RDSL (-7%), in quanto la società sta fortemente incentivando i propri clienti a passare a connessioni in fibra ottica.

Si rileva inoltre che il 94% dei ricavi deriva da canoni ricorrenti, che garantiscono all’azienda continuità ed agile visibilità sulle previsioni future.

Il “churn rate” sul fatturato è pari al 4,5%.

In crescita anche il numero di utenti con linee dati, passati dai 24.389 al 30 giugno 2018 ai 29.208 del 30 giugno di quest’anno, + 20%.

✅ Intred 
✔ Prezzo 4,66 € 
✔ PE 12m 18,4 
✔ PB 3,01 
✔ Fair Value 3,93 € 
✔ Rendimento implicito 10,5% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

martedì 16 luglio 2019

Intred cambia Nomad

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia, comunica la risoluzione consensuale del contratto di Nominated Adviser con Integrae SIM, che continuerà ad operare come Specialist.

Il nuovo Nomad Banca Profilo SpA assumerà l’incarico dal 18 luglio 2019.

Intred ha inoltre conferito mandato di Corporate Broker ad Alantra, banca d’affari indipendente che opera in ambito internazionale, per sostenere la visibilità del titolo sul mercato AIM ed ampliare l’attività nei confronti della comunità finanziaria.

✅ Intred 
✔ Prezzo 4,86 € 
✔ PE 12m 19,4 
✔ PB 3,16 
✔ Fair Value 4,02 € 
✔ Rendimento implicito 10,4% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

mercoledì 3 luglio 2019

Intred acquisisce il diritto d’uso di 300 km di fibra ottica spenta

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia, ha sottoscritto accordi con Gtt SpA e Retelit SpA per l’acquisizione del diritto d’uso, per 15 anni, di circa 300 km di fibra ottica spenta.

Tale operazione consentirà ad Intred di sviluppare ulteriormente la propria rete in Lombardia con importanti ricadute sulle vendite di connettività in fibra ottica nelle province di Milano, Monza e Brianza, Pavia e Como.

L’implementazione della nuova infrastruttura comporterà anche l’acquisto di apparati di rete di ultima generazione portando l’investimento complessivo a circa 1 mln di euro.

La consegna delle infrastrutture è prevista nel prossimo autunno.

Questa operazione, unitamente allo sviluppo diretto della rete, proietterà la lunghezza complessiva del network oltre i 3.000 km entro la fine del 2019, rispetto ai 2.170 Km registrati lo scorso 31 marzo 2019.

✅ Intred 
✔ Prezzo 5,00 € 
✔ PE 12m 20,4 
✔ PB 3,27 
✔ Fair Value 4,11 € 
✔ Rendimento implicito 10,0% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

martedì 11 giugno 2019

Intred, intervista all'amministratore delegato Daniele Peli

Daniele Peli, amministratore delegato di Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, ha rilasciato un'intervista in occasione della AIM Italia Conference 2019.


Fonte: Italia Informa, durata 9:44.

✅ Intred 
✔ Prezzo 4,70 € 
✔ PE 12m 19,8 
✔ PB 3,10 
✔ Fair Value 3,75 € 
✔ Rendimento implicito 10,1% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

giovedì 16 maggio 2019

Intred, piano d'investimento 2019-2021 per lo sviluppo della rete

Il CdA di Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, ha approvato il Piano di Investimenti per il triennio 2019 –2021 per complessivi 30 mln di euro finalizzato allo sviluppo delle reti infrastrutturali di proprietà sul territorio della Lombardia.

Il nuovo Piano allunga di un anno quello presentato in sede di IPO che prevedeva investimenti per circa 20-25 mln di euro a partire dalla metà del 2018 e di cui 3 mln di euro già realizzati nel secondo semestre del 2018.

Gli investimenti saranno finanziati attraverso l’utilizzo dei proventi dell’aumento di capitale effettuato in sede di IPO pari a circa 10 mln di euro, il cash flow generato dalla gestione operativa ed eventualmente attraverso il ricorso al debito.

Questi investimenti vanno a sommarsi ai circa 28 mln di euro effettuati dalla nascita dell’azienda a fine 2018.

L’azienda investirà principalmente su tecnologie FTTH PTP in modalità attiva (Active Optical Network -AON) e FTTH GPON in modalità passiva (Passive Optical Network – PON).

Le reti ottiche attive (AON) sono reti point-to-point (PTP), nel senso che ogni utente può utilizzare una propria linea ottica in fibra dedicata terminata su un concentratore ottico e sono rivolte principalmente alle aziende medio/grandi.

Le reti FTTH PON,che consentono un’ampiezza di banda elevata e di molto superiore a quella supportata dalle reti in rame, sono rivolte invece principalmente ad utenze residenziali ed imprese medie e/o piccole.

Un’importante quota di investimenti sarà destinata ad apparati di trasmissione di ultima generazione DWDM, che consentono di incrementare ed ottimizzare esponenzialmente le performance della fibra ottica nella trasmissione dati sulle linee di media e lunga distanza.

Tali investimenti consentiranno alla società di adempiere ai programmi di sviluppo di rete comunicati ad Infratel Italia a seguito della consultazione pubblica finalizzata a definire i piani di copertura delle aree cosiddette “grigie” con reti NGAN.

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,87 € 
✔ PE 12m 16,5 
✔ PB 2,58 
✔ Fair Value 3,50 € 
✔ Rendimento implicito 10,2% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

giovedì 9 maggio 2019

Intred, nel 1° trimestre continua la crescita trainata dalla banda ultralarga

Il CdA di Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, comunica che il fatturato del primo trimestre 2019 è di 4,9 mln di euro, in crescita del 20,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’incremento è sostenuto principalmente dalle vendite di connessioni in banda ultralarga (FTTH e FTTC), cresciute del 46,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Continua anche l’estensione della rete che passa dai 1.950 km di fine 2018 ai 2.170 km di fine marzo 2019, con una variazione di +11%.

PAS
La società si era impegnata in sede di IPO a raggiungere un obiettivo di ebitda 2018 di 6,5 mln di euro al netto degli effetti del processo di quotazione; in caso di mancato raggiungimento del risultato, il meccanismo azioni PAS (Price Adjustment Share) prevedeva la progressiva cancellazione fino al 15,6% delle azioni detenute dagli azionisti storici.

Il CdA di Intred ha approvato il “Prospetto PAS” che certifica che l’esercizio 2018 si è chiuso con il superamento di tale target è non vi sarà cancellazione di azioni.

✅ Intred 
✔ Prezzo 4,05 € 
✔ PE 12m 17,5 
✔ PB 2,70 
✔ Fair Value 3,50 € 
✔ Rendimento implicito 10,1% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

lunedì 15 aprile 2019

Intred, pubblicato studio societario

Studio societario di Integrae su Intred
Studio societario
di Integrae su Intred
Integrae ha pubblicato uno studio societario su Intred (12 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 20,5 mln di euro nel 2019 (+19,2% rispetto al 2018), 24,5 mln di euro nel 2020.

L'utile netto previsto è di 3,73 mln di euro nel 2019 (+16,2% rispetto al 2018), 4,92 mln di euro nel 2020.

L'utile per azione previsto è di 0,235 euro nel 2019 (0,202 euro nel 2018) e 0,310 euro nel 2020.

Il prezzo corrente del titolo è 3,90 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 16,6 sugli utili del 2019 e 12,6 sugli utili del 2020.

Integrae attribuisce il rating BUY (invariato) al titolo.

Il target price assegnato è di 5,01 euro (precedente 3,93 euro), con un premio del 28% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 3,42 euro per azione, con un rendimento implicito del 10,8%.

Il nostro rating è B1 - GROWTH.

Redazione Aim Italia News

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,90 € 
✔ PE 12m 16,3 
✔ PB  2,62 
✔ Fair Value 3,42 € 
✔ Rendimento implicito 10,8% 
✔ Rating B1 - GROWTH 

giovedì 21 marzo 2019

Intred, volumi in crescita e utili superiori alle previsioni

Il CdA di Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, ha approvato il progetto di bilancio 2018.

Bilancio annuale
migliaia di euro
2018 vs 2017

Ricavi
17.202 vs 14.401, +19,5%

Ebitda
6.807 vs 5.696, +19,5%

Utile netto
3.209 vs 2.538, +26,4%

Patrimonio netto
22.650 vs 9.439, +13.211

Posizione finanziaria netta
+6.587 vs -4.077+10.664

Patrimonio netto per azione
1,429 euro

Utile per azione
0,202 euro

Dividendo per azione
0,020 euro
Data di pagamento 8 maggio 2019

La società si era impegnata in sede di IPO a raggiungere un obiettivo di ebitda 2018 pari a 6,5 mln di euro, al netto degli effetti del processo di quotazione.

In caso di mancato raggiungimento della soglia sopra indicata il meccanismo azioni PAS (Price Adjustment Share) prevedeva la progressiva cancellazione fino al 15,6% delle azioni detenute dagli azionisti storici.

L'ottima performance dell’esercizio segna il superamento del target prefissato.

L'utile 2018 è superiore alle stime degli analisti finanziari, che  prevedevano un risultato netto compreso tra 2,3 e 2,9 mln di euro.

Daniele Peli, co-founder e amministratore delegato di ha commentato:

“Questo anno è stato caratterizzato da risultati record per l’azienda, con i principali indici economico-finanziari in forte crescita.

I risultati dei primi mesi dell'esercizio in corso e gli accordi strategici recentemente firmati con TIM e Open Fiber, ci rendono confidenti in un prosieguo dell’esercizio in crescita rispetto a quello appena concluso”.

Prevedibile evoluzione della gestione
I risultati dei primi mesi del 2019  confermano l’aumento dei volumi di fatturato e dalla crescita degli indicatori economici.

Nel 2019 l’incremento dei ricavi sarà trainato dalle vendite dei servizi in banda ultra-larga e dal segmento residenziale EIR, continuando anche nel processo di trasferimento di utenti da connessione in banda larga a connessioni in fibra ottica.

La costante crescita del numero dei clienti e la buona visibilità sui ricavi ricorrenti ci permette di essere confidenti sul raggiungimento di risultati in crescita rispetto al 2018.

Per approfondimenti, si rimanda a un precedente articolo: Intred, nel 2018 crescita sopra il 20% di clienti e fatturato.

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,59 € 
✔ PE 12m 16,9 
✔ PB 2,52 
✔ Fair Value 2,85 € 
✔ Rendimento implicito 9,4% 
✔ Rating C2 - SPECULATIVO 

martedì 19 febbraio 2019

Intred, accordo con Open Fiber per utilizzare rete di fibra ottica spenta

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, comunica di aver sottoscritto un rilevante accordo con Open Fiber per l’utilizzo della rete in fibra ottica spenta GPON.

L’operazione, con un investimento complessivo pari a circa 3 mln di euro in 5 anni, consentirà ad Intred di incrementare le vendite di connessioni Fiber to the Home nelle aree raggiunte dalla rete di Open  Fiber.

In particolare, già dal prossimo mese di marzo, Intred avrà la possibilità di attivare connessioni FTTH su un potenziale di 70.000 unità immobiliari della città di Brescia.

Gli investimenti necessari per attivare la rete verranno finanziati in parte con i mezzi raccolti in sede di quotazione in parte tramite generazione di cassa.

L’accordo concluso con Open Fiber segue di pochi mesi quello siglato con Telecom Italia (novembre 2018) per l’acquisizione del diritto d’uso, per 15 anni, di circa 500 km di fibra ottica spenta.

Il contratto con Open Fiber consentirà ad Intred di accrescere sensibilmente le vendite nelle aree urbane delle più importanti città della Lombardia.

Daniele Peli, cofoundatore e amministratore delegato di Intred, ha commentato:

“L’accordo con Open Fiber si inserisce pienamente nella strategia di crescita programmata dalla società in fase di IPO che ha consentito di raccogliere nuovi capitali”.

✅ Intred 
✔ Prezzo 0,00 € 
✔ PE 12m 00,0 
✔ PB 0,00 
✔ Fair Value 2,71 € 
✔ Rendimento implicito 10,2% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

lunedì 18 febbraio 2019

Intred sul Sole 24 ore

Il Sole 24 ore ha pubblicato un articolo di approfondimento, a firma di Valeria Novellini, su Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale.

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,23 € 
✔ PE 12m 15,4 
✔ PB 2,29 
✔ Fair Value 2,71 € 
✔ Rendimento implicito 10,2% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

mercoledì 13 febbraio 2019

Intred, nel 2018 crescita sopra il 20% di clienti e fatturato

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, ha comunicato il fatturato al 31 dicembre 2018, che risulta pari a 17,2 mln di euro, in crescita del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I ricavi sono leggermente superiori ai 16,9 mln di euro previsti dagli analisti finanziari.

Nel 2018 la rete di fibra ottica è passata da 1.500 km a 1.950 km, con una crescita del 30%  su base annua.

Daniele Peli, co-fondatore e amministratore delegato di Intred, ha commentato:

“Siamo indubbiamente soddisfatti dei risultati ottenuti da Intred nel 2018 che segnano una crescita a doppia cifra del fatturato, con un picco in particolare del mercato Wholesale che si avvantaggia degli investimenti fatti in fibra ottica.

Il nostro obiettivo rimane la crescita di lungo periodo e per questo siamo impegnati quotidianamente ad offrire il miglior servizio possibile di connettività ai nostri clienti e partner.

In questo percorso siamo avvantaggiati dall’evoluzione del mercato di riferimento, quello delle TLC, che sta diventando sempre più strategico grazie all’evoluzione digitale in atto e all’aumento della domanda di connettività da parte di aziende e consumatori privati.”

Le connessioni veloci trainano le vendite
L’incremento complessivo dei ricavi continua ad essere trainato dalle vendite di connessioni veloci in banda ultra-larga (FTTH e FTTC) cresciute del +65% a 8,0 mln di euro.

In miglioramento anche il settore della telefonia (+12% a 2,0 mln di euro), sostenuto dalle vendite dei pacchetti commerciali di tipo flat.

In linea con lo scorso anno i ricavi da servizi da data center (Housing e Cloud) e accessori, mentre la  flessione del settore RDSL (‐5%) e quello della banda larga tradizionale derivante da connettività basata su cavi in rame (-7%), è frutto della strategia della società di incentivare i propri clienti a passare a connessioni in fibra ottica, in banda ultra-larga.

Il  95,4% dei ricavi deriva da canoni ricorrenti, che garantiscono all’azienda continuità e visibilità sulle previsioni future.

La ripartizione del fatturato per tipo di cliente si mantiene sostanzialmente stabile rispetto ai periodi precedenti, con una crescita elevata delle vendite verso il mercato Wholesale (+31% a 2,3 mln di euro, pari al 13% del fatturato 2018) grazie all’incremento di connessioni FTTH per alcuni operatori nazionali, il settore residenziale tramite il marchio EIR (+25% a 4,9 mln di euro, pari al 29% del fatturato), la P.A. (+29% a 0,7 mln di euro, pari al 4% del fatturato) e verso il settore business (+14% a 9,2 mln di euro, pari al 54% del fatturato).

Continua sensibilmente la crescita del numero degli utenti con linee dati, 21.937 del 31/12/2017 ai 26.268 del  31/12/2018, con una crescita pari al 20,3% in accelerazione nell’ultimo trimestre dell’anno.

Clientela fedele
Il churn rate sul fatturato, anche noto come tasso di abbandono o tasso di defezione, è pari al 3,5%, sostanzialmente allineato al dato dello scorso esercizio.

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,00 € 
✔ PE 12m 14,4 
✔ PB 2,14 
✔ Fair Value 2,68 € 
✔ Rendimento implicito 10,1% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

martedì 6 novembre 2018

Intred, nel 2019 la rete di fibra ottica aumenterà del 76%

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, ha sottoscritto un accordo con Telecom Italia S.p.A. per l’acquisizione del diritto d’uso, per 15 anni, di circa 500 km di fibra ottica spenta.

Tale operazione, del controvalore complessivo superiore a 2 mln di euro, consentirà ad Intred di sviluppare la propria rete in 90 comuni lombardi con importanti ricadute sulle vendite di connettività in fibra ottica nelle provincie di Milano, Monza e Brianza, Lecco e Bergamo.

L’implementazione della rete sarà completata da investimenti in apparati di ultima generazione che porteranno l’investimento complessivo a circa 3 mln di euro (incluso il controvalore sopra indicato).

Nel primo trimestre del 2019 sarà consegnato un primo lotto di circa 200 km, mentre la restante parte sarà disponibile entro la fine del prossimo esercizio.

Daniele Peli, co-fondatore e amministratore delegato di Intred
Daniele Peli, co-fondatore e
amministratore delegato di Intred
Questa operazione, unitamente allo sviluppo diretto della rete, proietterà la lunghezza complessiva del network verso i 3.000 km entro la fine del 2019, rispetto ai 1.700 registrati lo scorso 30 giugno.

Daniele Peli, Co-fondatore e Amministratore delegato di Intred S.p.A., ha commentato:

“Questo accordo strategico si inserisce pienamente nella strategia di crescita programmata dalla società in fase di IPO che ha consentito di raccogliere nuovi capitali.

Il nostro obiettivo rimane sempre quello della crescita dell’offerta infrastrutturale per consentire di offrire ai nostri clienti le migliori soluzioni di connettività disponibili”.

✅ Intred 
✔ Prezzo 2,90 € 
✔ PE 12m 16,0 
✔ PB  2,14 
✔ Fair Value 2,57 € 
✔ Rendimento implicito 10,1% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

mercoledì 17 ottobre 2018

Modifica dell'indice AIM Italia Investable: SG Company e Intred

Con la pubblicazione dei primi studi societari, si attiva la copertura da parte degli analisti finanziari di SG Company e Intred.

Logo AIM Italia InvestableLe società entrano quindi, a partire da venerdì 19 ottobre 2018, nel paniere dell'indice AIM Italia Investable.

Le loro variazioni di prezzo concorreranno alla variazione dell'indice a partire dal 26 ottobre 2018.

Diventano quindi 61 le azioni incluse nell'indice, su un totale di 113 negoziate all'AIM Italia.

Redazione Aim Italia News

Intred, pubblicato primo studio societario

Studio societario di Integrae su Intred
Studio societario di
Integrae su Intred
Integrae ha pubblicato il primo studio societario su Intred (28 pagine, formato pdf).

Il fatturato previsto è di 16,9 mln di euro nel 2018 (+17,4% rispetto al 2017), 20,0 mln di euro nel 2019.

L'utile netto previsto è di 2,3 mln di euro nel 2018 (-8,0% rispetto al 2017), 3,2 mln di euro nel 2019.

L'utile per azione previsto è di 0,145 euro nel 2018 (0,158 euro nel 2017) e 0,202 euro nel 2019.

Il prezzo corrente del titolo è 3,02 euro.

Il rapporto prezzo / utili è di 20,8 sugli utili del 2018 e 15,0 sugli utili del 2019.

Integrae attribuisce il rating BUY al titolo.

Il target price assegnato è di 3,93 euro, con un premio del 30% sul prezzo corrente.

La nostra valutazione è di un fair value di 2,72 euro per azione, con un rendimento implicito del 10,0%.

Il nostro rating è C1 - SPECULATIVO.

Redazione Aim Italia News

✅ Intred 
✔ Prezzo 3,02 € 
✔ PE 12m 16,1 
✔ PB  2,25 
✔ Fair Value 2,72 € 
✔ Rendimento implicito 10,0% 
✔ Rating C1 - SPECULATIVO 

venerdì 28 settembre 2018

Prima semestrale Intred, crescita e redditività

Intred, società quotata all'AIM Italia e operatore di telecomunicazioni della Lombardia orientale, ha comunicato la relazione semestrale.

Bilancio consolidato 1° semestre
migliaia di euro
2018 

Ricavi
8.245, +20,1%

     Utenti
     22.811 vs 19.248, +18,5%

Ebitda
3.342

Utile netto
1.514

Investimenti
3,1 mln di euro
Concentrati sullo sviluppo della rete di accesso in fibra ottica, attualmente di 1.700 km.

Debiti finanziari netti
2.898 vs 4.076 al 31 dicembre 2017, -28,9%

lunedì 20 agosto 2018

Intred, esercitata integralmente la Greenshoe

Logo IntredIntred, operatore di telecomunicazioni quotato da luglio 2018 sull'AIM Italia, ha comunicato che Banca Profilo ha esercitato l’opzione Greenshoe per 440.500 azioni, l'intero ammontare messo a disposizione dagli azionisti Daniele Peli e Marisa Prati.

Il prezzo di acquisto delle azioni oggetto dell’opzione Greenshoe è di 2,27 euro per azione, per un controvalore di 999.935 euro.

A seguito dell’esercizio integrale dell’opzione Greenshoe, il flottante è pari al 21,4% del capitale.