Visualizzazione post con etichetta KI Group. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta KI Group. Mostra tutti i post

martedì 8 ottobre 2019

Ki Group Holding ha trovato le risorse finanziarie per rimborsare i soci receduti

Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, rende noto che il consiglio di amministrazione ha esaminato ed approvato la sottoscrizione di un contratto di investimento per l’emissione di warrant a favore di Negma Group Limited.

Il contratto di investimento prevede l’impegno di Negma a finanziare il fabbisogno finanziario della società fino ad un importo massimo di 1 mln di euro mediante esercizio di warrant che attribuiranno a coloro che li eserciteranno azioni di compendio della società di nuova emissione.

Ai sensi del contratto di investimento, la società si è impegnata ad emettere:
  • massimi 2.000.000 warrant denominati Warrant A per un controvalore complessivo pari a 1 mln di euro da emettersi a fronte di un prezzo di sottoscrizione pari a 0,0001 euro per ogni Warrant A e con un rapporto di esercizio pari a 1 nuova azione di compendio della ogni 1 Warrant A esercitato.
I Warrant A non esercitati saranno ritenuti automaticamente nulli decorsi 36 mesi dalla loro data di emissione.
  • ulteriori massimi 800.000 warrant denominati Warrant B, da assegnare in misura pari a 2 Warrant B ogni 5 azioni di compendio rivenienti dall’esercizio dei Warrant A, incorporanti un rapporto di esercizio pari a 1 nuova azione di compendio della per ogni 1 Warrant B esercitato.
I Warrant B non esercitati saranno annullati decorsi 60 mesi dallo loro data di emissione.

Il prezzo di esercizio dei Warrant A sarà pari al 100% del più basso prezzo medio ponderato registrato durante il periodo di 15 giorni lavorativi precedenti l’emissione di una comunicazione di esercizio Warrant A.

Il prezzo di esercizio dei Warrant B sarà pari al 120% del più basso tra i prezzi medi ponderati registrati durante un periodo di 15 giorni lavorativi precedenti l’emissione di una comunicazione di esercizio Warrant B e durante un periodo di 15 giorni di negoziazione consecutivi precedenti la sottoscrizione del Contratto di Investimento.

I Warrant non saranno ammessi alla negoziazione su alcun mercato.

È altresì prevista la facoltà di rinnovare l’impegno sopra descritto per un eventuale ulteriore importo pari a 1 mln di euro alle stesse condizioni (nonché per un ulteriore periodo di 36 mesi).

Nella medesima seduta di consiglio è stata deliberata la convocazione di un’assemblea straordinaria degli azionisti che deliberi in merito agli aumenti di capitale sociale a servizio della predetta emissione di Warrant.

La società evidenzia che la scelta di non determinare un prezzo prestabilito, ma di adottare un criterio da seguire per la determinazione del prezzo di emissione delle azioni di nuova emissione, da emettere in considerazione dell’esercizio dei Warrant, appare in linea con la prassi di mercato seguita per operazioni analoghe, caratterizzate dalla previsione di un ampio periodo di tempo durante il quale può avvenire la sottoscrizione delle azioni di compendio.

A fronte degli impegni di sottoscrizione assunti da Negma, la Società si è impegnata a versare alla stessa una commissione di impegno di 55.000 euro, da corrispondersi in cinque rate mensili decorrenti dal primo mese in cui avrà inizio l’esercizio dei Warrant A, nonché, su base settimanale, una commissione di esercizio pari al 7% del prezzo pagato da Negma all’emittente per l’emissione delle azioni di compendio derivanti dalla conversione di Warrant A nel corso della settimana
immediatamente precedente.

Gli accordi prevedono inoltre che Negma, all’atto della prima sottoscrizione dei Warrant A, debba erogare a favore della società un finanziamento di 60.000 euro, che dovrà essere restituito in 4 rate mensili di pari importo con decorrenza dalla fine del mese successivo a quello di erogazione.

L’operazione sopra descritta si inserisce nell’ambito delle attività di reperimento di risorse necessarie, attivato dal consiglio di amministrazione della società al fine di poter procedere alla liquidazione agli azionisti del valore di liquidazione delle azioni Ki Group, pari a 1.950.277 euro, sulle quali era stato legittimamente esercitato diritto di recesso in conseguenza dell’approvazione della deliberazione assunta dall’assemblea straordinaria della società del 21 gennaio 2019 che ha deliberato di modificare l'oggetto sociale dello statuto.

lunedì 23 settembre 2019

Ki Group Holding, rimborso soci receduti in deroga al Codice Civile

Il CdA di Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, con riferimento alla modalità di rimborso delle azioni dei soci receduti, ha deciso di procedere ad un acquisto delle azioni attraverso l’utilizzo di utili di riserve disponibili.

L'acquisto potrà avvenire anche in deroga all'art. 2357 del Codice Civile che disciplina l’acquisto di azioni proprie.

La società potrà acquistare azioni proprie con utili o riserve disponibili, pur se tali utili non siano distribuibili (ad es. utili di periodo) o se tale voci di netto non risultano da un bilancio regolarmente approvato.

venerdì 13 settembre 2019

Ki Group Holding, continua la crisi commerciale

Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, ha diffuso la relazione finanziaria semestrale.

Bilancio consolidato 1° semestre
Principi contabili internazionali
migliaia di euro
2019 vs 2018

Ricavi
17.735 vs 21.158, -16,2%

Ebitda
-204 vs 329, -533

Flusso di cassa
1.379 vs 762, +81,0%

Risultato netto
-946 vs -202-744

Patrimonio netto
-6.626 vs -5.683-943

Debiti finanziari netti
7.500 vs 6.100, +1.400

Il gruppo sta subendo la continua crisi di consumi dei canali “Erboristeria” e “Specializzato”, conseguenza del forte sviluppo degli assortimenti BIO nel Canale “GDO”.

Una recente ricerca di Nomisma ha evidenziato un calo del canale “Specializzato” del -2%, a fronte di una “GDO” (Iper + Super) che cresce del +4,6%.

Il gruppo sta predisponendo un portafoglio prodotti idoneo alla grande distribuzione.

Sono stati inoltri avviati progetti di innovazione sia a livello di brand che di prodotto.

Il logo aziendale è stato rinnovato, così come i packaging, sono create nuove linee di prodotto, ed altre sono state innovate, e presentate al SANA di Bologna. 

Da evidenziare nello sviluppo di questa attività di restyling, la creazione di un nuovo packaging per il settore pasta, con confezione riciclabile al 100% nella carta, innovativo nel mondo del retail biologico.

Nel primo semestre del 2019 il numero di clienti serviti dal gruppo ha mantenuto un trend negativo, con un -5,3% verso il pari periodo 2018 (236 clienti circa in meno).

Il fenomeno è riscontrabile in tutti i canali di vendita, con situazioni peggiori nel canale “Specializzato”. 

La forte competizione della “GDO” che ha comportato la riduzione delle vendite dei clienti del canale “Specializzato” facendo insorgere difficoltà di pagamento e, nei casi più gravi, determinando la chiusura dei punti vendita. 

Anche il numero di ordini spediti ha subito una riduzione che si attesta attorno al -14,9%, diretta conseguenza della riduzione di consumatori che frequentano i punti vendita del canale “Specializzato”, e del loro scontrino medio.

giovedì 5 settembre 2019

Ki Group Holding citata dal socio Idea Team

Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, informa che in data 4 settembre 2019 è stato notificato atto di citazione da parte del socio Idea Team Srl.

In particolare, la società è citata a comparire avanti al Tribunale di Torino, sezione specializzata Imprese, all’udienza del 18 dicembre 2019 al fine di:
  • accertare e dichiarare il diritto di Idea Team ad esercitare i propri diritti sociali in ragione del complessivo numero di azioni detenute, comprese quelle oggetto di recesso, fra cui il diritto di presentare liste per la nomina dei componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale, nonché il diritto di voto in assemblea;
  • accertare e dichiarare l’invalidità delle delibere inerenti alla nomina dei componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale assunte dall’assemblea dei soci di Ki Group in data 26 giugno 2019. 
  • annullare le suddette delibere assunte dall’assemblea dei soci di Ki Group in data 26 giugno 2019, esplicitando le conseguenze che derivano dall’invocato annullamento; 
  • condannare Ki Group e gli amministratori pro termpore di essa a convocare, prevedendo un termine perentorio sia per la pubblicazione del relativo avviso sia per la data di svolgimento dell’assemblea, l’assemblea dei soci di Ki Group, affinché deliberi nuovamente sulla nomina dei componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale di detta società;
  • condannare Ki Group e gli amministratori pro tempore di essa ad ammettere le liste che verranno presentate da Idea Team per la nomina dei componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale di Ki Group; 
  • condannare Ki Group e gli amministratori pro tempore di essa a rispettare la disciplina di legge, artt. 147-ter e 148 del D.lgs. n. 58 del 1998 compresi, per quanto concerne la nomina di almeno un consigliere d’amministrazione, oltre ad un sindaco effettivo e ad un sindaco supplente, da parte dei soci di minoranza, esplicitando se il presidente del collegio sindacale debba essere nominato tra i sindaci eletti dalla minoranza, oppure no; 
  • attribuire ad Idea Team la vittoria riguardo alle spese e agli onorari di giudizio, oltre al rimborso forfettario delle spese di studio pari al 15% su compensi e spese imponibili, cpa e iva.
La società ribadisce la correttezza del proprio operato in conformità alla legge e allo statuto sociale e darà pertanto mandato ai propri legali per la conseguente difesa avverso il predetto atto di citazione.

Liquidazione delle azioni oggetto di recesso
In data 22 agosto 2019 è scaduto il termine per la liquidazione agli azionisti del valore di liquidazione delle azioni sulle quali era stato legittimamente esercitato diritto di recesso.

Come comunicato al mercato, ad oggi la società non ha risorse finanziarie disponibili sufficienti per procedere all’integrale rimborso del valore delle azioni rimaste inoptate.

Come comunicato al mercato; per tale ragione il consiglio di amministrazione della società ha delegato al consigliere Canio Giovanni Mazzaro tutti i più ampi poteri per la ricerca di potenziali investitori presso cui collocare, in tutto o in parte, le azioni rimaste inoptate, e/o per la ricerca di linee di finanziamento al fine di disporre delle risorse finanziarie necessarie al rimborso delle azioni stesse, nonché di ricercare e valutare ulteriori e differenti soluzioni rispetto alla precedenti al fine di poter procedere alla liquidazione delle azioni rimaste inoptate.

La società informa che, ad oggi, tali attività sono tuttora in corso.

In data 24 agosto 2019 il socio Idea Team ha intimato alla società di corrisponderle il complessivo importo dovutole in ragione dell’esercizio del recesso (pari a 1,9 mln di euro) entro il’8 settembre 2019.

Sono in corso contatti con il legale di Idea Team per verificare la presenza di condizioni per disciplinare le modalità di rimborso di quanto dovuto.

sabato 6 luglio 2019

Ki Group Holding cerca modi per rimborsare i soci receduti

Il CdA di Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, ha deliberato riguardo le 1.547.841 azioni oggetto di recesso (conseguente alla modifica dell'oggetto sociale) e rimaste inoptate dai soci.

Il consiglio di amministrazione, tenuto conto che la società non dispone dei 1.950.280 euro necessari per l’integrale rimborso del valore delle azioni, ha deliberato di delegare al consigliere Canio Giovanni Mazzaro la ricerca di potenziali investitori presso cui collocare, in tutto o in parte, le azioni rimaste inoptate, e/o per la ricerca di linee di finanziamento al fine di disporre delle risorse finanziarie necessarie al rimborso.

✅ Ki Group Holding 
✔ Prezzo 1,08 € 
✔ PE 12m neg 

martedì 25 giugno 2019

Ki Group Holding, lista di minoranza non ammessa alla prossima assemblea

Il CdA di Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, rende noto che, con riferimento alla convocata assemblea degli azionisti della società del prossimo 26 giugno 2019, in data 14 giugno 2019 è pervenuta alla società comunicazione da parte del socio Idea Team Srl con la presentazione di una lista per la nomina del consiglio di amministrazione, unitamente ad una lista per la nomina del collegio sindacale.

Come indicato nell’avviso di convocazione diffuso in data 6 giugno 2019, e secondo quanto previsto dallo statuto della società:

“… hanno diritto di presentare le liste gli azionisti che, da soli o unitamente ad altri soci, possiedano una percentuale di capitale sociale con diritto di voto nella assemblea ordinaria almeno pari al 10%.”

Idea Team ha depositato la certificazione rilasciata da Societe Generale Securities Service SpA in cui si attesta che la quantità di azioni di Ki Group Holding per la “presentazione liste consiglio di amministrazione” e per la “presentazione liste collegio sindacale” ammonta a 108.727 azioni (pari al 2,6% del capitale sociale con diritto di voto).

Ne discende che non essendo stato certificato il possesso di almeno il 10% del capitale sociale con diritto di voto, le liste presentate da Idea Team sono state considerate come non presentate e non verranno pertanto prese in considerazione ai fini della votazione durante la celebrazione della prossima assemblea del 26 giugno 2019.

Di ciò veniva informata Idea Team in data 18 giugno 2019.

Con riferimento a quanto sopra, in data 22 giugno 2019, Idea Team ha inviato comunicazione alla società con la quale:
  • contesta l’illegittimità dell’esclusione delle proprie liste di candidati per il rinnovo dei componenti degli organi sociali, anche in ragione delle informazioni rilasciate al mercato dalla società in data 7 febbraio 2019;
  • intima alla società di ammettere le liste dei candidati depositate da Idea Team;
  • avverte la società che lo svolgimento dell’assemblea dei soci in lesione dei diritti di Idea Team renderà invalida la stessa.
La società, preso atto di quanto sopra, conferma la propria convinzione di legittimità dell’esclusione delle liste di candidati per il rinnovo dei componenti degli organi sociali presentate da Idea Team in assenza dei requisiti necessari e la piena validità della conseguente delibera che verrà assunta.

giovedì 30 maggio 2019

Ki Group, una "manovra contabile" porta il patrimonio netto della capogruppo in positivo

Il CdA di Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, ha approvato (con il voto contrario dei consiglieri Conticelli e Tarquini) il resoconto intermedio di gestione del gruppo del 1° trimestre 2019.

Bilancio consolidato 1° trimestre
Principi contabili internazionali
mln di euro
2019 vs 2018

Ricavi
9,2 vs 11,2, -17,9%

Ebitda
-0,4 vs +0,2, -0,6

Utile netto
-0,5 vs 0,0, -0,5

Patrimonio netto
-6,2 vs -5,7-0,5

Debiti finanziari netti
6,1 vs 6,1 al 31 dicembre 2018, +0,0

Tenuto anche conto dell’andamento del gruppo per effetto dell’attuale andamento del mercato di riferimento e della prevista variazione del perimetro di consolidamento, le stime per gli esercizi 2019-2021 comunicate al mercato in data 24 settembre 2018 devono ritenersi non più valide; la società provvederà nel prossimo futuro ad un aggiornamento del proprio piano industriale.

Capogruppo
Con riferimento alla sola capogruppo Ki Group Holding SpA, si rammenta che per effetto della perdita di esercizio consuntivata al 31 dicembre 2018 pari a 7,3 mln di euro, il patrimonio netto al 31 dicembre 2018 risultava negativo per 4,9 mln di euro.

Sulla base di una situazione contabile infrannuale al 31 marzo 2019 approvata in data odierna (con il voto contrario dei consiglieri Conticelli e Tarquini), gli amministratori hanno accertato che a tale data il patrimonio netto della società risulta ricostituito ed ammontante a 6,8 mln di euro.

Gli amministratori pertanto riconfermano di poter ritenere integralmente ripianate, ad oggi, le perdite pregresse consuntivate al 31 dicembre 2018 e sono confidenti che il patrimonio netto della società permarrà positivo al 31 dicembre 2019.

A tale riguardo si precisa che il risultato netto di 11,8 mln di euro conseguito dalla Ki Group Holding SpA al 31 marzo 2019 risente di un provento di 11,8 mln di euro generato dall’operazione di conferimento del ramo d’azienda operativo nella controllata Ki Group Srl; con effetto 28 febbraio 2019.

Sono state infatti conferite in capo alla controllata Ki Group Srl passività nette per complessivi 4,8 mln di euro, a fronte dell’avvenuta sottoscrizione di un aumento di capitale in natura della controllata per 7,0 mln di euro.

martedì 7 maggio 2019

Ki Group Holding, aumento di capitale di 1,95 mln di euro

Ki Group Holding, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, comunica che è stata depositata presso il Registro delle Imprese di Torino l'offerta in opzione di 1.548.653 azioni ordinarie di nuova emissione.

L’Offerta in opzione viene effettuata sulla base del di 13 nuove azioni ogni 36 azioni detenute.

Diritti di opzione
I Diritti di Opzione non sono negoziabili sull’AIM Italia.

Prezzo di offerta
Il prezzo di offerta è di 1,26 euro per ogni nuova azione, con uno sconto del 5,3% sull'ultimo prezzo di 1,33 euro.

Periodo di adesione
Il periodo di adesione all’offerta in opzione è compreso tra il 6 maggio 2019 e il 21 giugno 2019.

Modalità di adesione
Tramite gli intermediari, mediante sottoscrizione dell’apposito modulo.

Diritto di prelazione
Gli azionisti che esercitano il proprio diritto di opzione hanno altresì diritto di prelazione nell’acquisto delle azioni in offerta che residuassero non optate al termine del periodo di adesione, purché ne facciano contestuale richiesta nel modulo di adesione.

Gli amministratori potranno provvedere al collocamento delle eventuali azioni residue mediante offerta in borsa e, in caso di mancato collocamento, potranno venire rimborsate mediante acquisto da parte della società, attraverso l’utilizzo delle riserve disponibili.

lunedì 6 maggio 2019

Ki Group, nuovo amministratore delegato di società controllata

Il CdA di Ki Group, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, comunica la nomina di Jane Virgili come amministratore delegato della controllata Ki Group Srl,

Jane Virgili, classe ’78 e laurea in giurisprudenza, vanta un’esperienza di 4 anni come chief operations officer in Armando Testa SpA, il più grande gruppo pubblicitario italiano, dopo aver iniziato il proprio percorso professionale nel settore fashion lusso nell’ambito risorse umane ed essere approdata in Rainbow SpA, società leader nel segmento entertaiment a carattere fortemente internazionale, dove per 6 anni ha ricoperto la posizione di direttore risorse umane.

Jane Virgili avrà come obiettivo principale quello di incrementare le vendite attivando politiche innovative e rilanciando il brand aziendale e l’ampliamento delle linee di prodotti a marchio proprio, con la creazione di opportunità di business che possano imporsi efficacemente sul mercato.

martedì 16 aprile 2019

Ki Group, nel 2018 la crisi distributiva porta a un patrimonio netto negativo

Il CdA di KI Group, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, ha approvato il bilancio consolidato 2018.

Bilancio consolidato
mln di euro
2018 vs 2017

Ricavi
39,2 vs 45,8, -14,4%

Ebitda
0,8 vs -0,9+1,7

Utile netto
-1,0 vs -2,5+1,5

Patrimonio netto
-5,7 vs -5,2-0,5

Sulla base di una situazione contabile infrannuale al 28 febbraio 2019, gli amministratori hanno accertato che a tale data il patrimonio netto della società capogruppo risulta ricostituito nell’ammontare di 6,9 mln di euro, dovendosi di fatto ritenere integralmente ripianate le perdite pregresse consuntivate al 31 dicembre 2018 e che, pertanto, allo stato non sia necessario intraprendere alcuna ulteriore iniziativa finalizzata al risanamento della gestione o al mantenimento della continuità aziendale.

Debiti finanziari netti
6,1 vs 8,1, -2,0

mercoledì 31 ottobre 2018

KI Group, la redditività recupera ma continua il calo delle vendite

KI Group, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, ha comunicato alcuni indicatori gestionali intermedi della sola capogruppo al 30 settembre 2018.

Capogruppo, primi 9 mesi
migliaia di euro
2018 vs 2017

Ricavi
27.181 vs 31.325, -13,2%

Ebitda
1.043 vs  258, +304,3%

Debiti finanziari netti
4.679 vs 7.138 al 31 dicembre 2017, -34,4%

Il fatturato registra un decremento anche in ragione della perdurante crisi del settore dei Canali Specializzati, impattati dal forte sviluppo degli assortimenti BIO nella Grande Distribuzione Organizzata e dal continuo calo dei prodotti a base soia.

In particolare, il canale delle Erboristerie in Italia sta riducendo la presenza dei prodotti alimentari nei punti vendita ed evidenzia una contrazione generale del numero di punti vendita.

La società beneficia invece della propria crescita nel canale delle Farmacie, grazie ai nuovi prodotti lanciati nell’area del “senza glutine” ed al nuovo contratto siglato con Ortis a fine giugno 2018, e nella GDO per effetto del fatturato incrementale generato dal marchio Buon Bio in un’importante catena del Centro-Nord.

Per i prossimi mesi la Società si aspetta che sia il contributo di Ortis che dei nuovi clienti GDO aiutino maggiormente a mitigare gli effetti della crisi del canale specializzato.

L'ebitda ha registrato un sensibile miglioramento grazie ad un generale contenimento dei costi operativi e dei minori costi straordinari.

La variazione positiva della posizione finanziaria netta è dovuta al minor utilizzo di linee di breve termine per 1.794 mila euro, al rimborso di finanziamenti bancari in essere per circa 260 mila euro, all’erogazione di finanziamenti alle società controllate per 136 mila euro, ed all’incremento delle disponibilità liquide per circa 269 mila euro.

martedì 25 settembre 2018

KI Group, la crisi delle erboristerie fa scendere il fatturato

KI Group, società quotata all’AIM Italia e attiva nel settore della distribuzione all'ingrosso, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici, ha comunicato i risultati del bilancio consolidato semestrale.

Bilancio consolidato 1° semestre
migliaia di euro
2018 vs 2017

Ricavi
21.831 vs 24.670, -11,5%

La capogruppo Ki Group, che opera nel settore della distribuzione all’ingrosso di prodotti biologici e naturali, sta subendo la continua crisi di consumi dei canali Erboristerie e Specializzati, conseguenza del forte sviluppo degli assortimenti BIO nel Canale GDO.

Una recente ricerca di Nomisma ha evidenziato un calo dl canale Specializzato del 3%, a fronte di una GDO (Iper + Super) che cresce del 5,3%.

In tale contesto, Ki Group ha avviato Strategie volte all’ingresso nel Canale GDO, che stanno cominciando a produrre fatturati incrementali, ma tutt’ora largamente insufficienti a compensare le perdite dei Canali Specializzati.

Ebitda
330 vs 76, +334,2%

Perdita netta
-202 vs -707, +505

Debiti finanziari netti
7.507 vs 8.105, -598

Previsioni 2018
Il Consiglio di amministrazione stima per l’esercizio 2018 un fatturato consolidato di 42,4 mln di euro, in calo del 7,5% rispetto all’esercizio precedente.

La redditività è in miglioramento con un Ebitda 2018 pari a 0,871 mln di euro (-0,891 mln di euro nel 2017) e un risultato netto 2018 pari a -0,03 mln di euro (-2,498 mln di euro nel 2017)

La posizione finanziaria netta 2018 si dovrebbe assestare a 6,0 mln di euro, rispetto agli 8,1 mln di euro nel 2017.

Piano industrale 2019 - 2021
Punto vendita Almaverde Bio Market
Punto vendita Almaverde Bio Market
Negli esercizi successivi, il piano 2019-2021 prevede una crescita del fatturato consolidato al 2021 pari a 47,75 mln di euro, +12,7% vs 2018, in virtù di nuove azioni di sviluppo implementate nei canali “Farmacie” e “GDO” (Grande Distribuzione Organizzata), ed allo sviluppo della partnership retail con Ciao Natura (in particolare, lo sviluppo di una rete di punti vendita ad insegna Almaverde Bio Market).

mercoledì 5 settembre 2018

KI Group, parte l'aumento di capitale di 996.984 euro

Logo KI GroupLunedì prossimo 10 settembre 2018 parte l'aumento di capitale di KI Group.

KI Group, società quotata sull'AIM Italia, è attiva nel settore della distribuzione, produzione e vendita al dettaglio di prodotti biologici su base nazionale.

Gli azionisti di KI Group avranno l'opzione di sottoscrivere 1 nuova azione ogni 10 azioni possedute.

Il prezzo unitario di sottoscrizione è di 1,80 euro, con un premio del 10% sul prezzo corrente di borsa di 1,63 euro.

Verranno emessa n. 553.880 nuove azioni ordinarie, prive di indicazione del valore nominale, con godimento regolare e aventi le medesime caratteristiche delle azioni in circolazione.

L'importo massimo totale raccolto sarà di 996.984 euro.

Il periodo di  offerta in opzione e prelazione parte da lunedì 10 settembre 2018 fino a venerdì 28 settembre 2018.

I Diritti di Opzione saranno negoziabili su AIM Italia dal 10 settembre 2018 al 24 settembre 2018, estremi compresi.

Chi aderisce alla sottoscrizione, purché ne faccia richiesta nel modulo di adesione, avrà diritto di prelazione sull’acquisto delle nuove azioni che, al termine del periodo di offerta, dovessero restare inoptate, al medesimo prezzo di opzione.

Il pagamento integrale delle nuove azioni dovrà essere effettuato all’atto della sottoscrizione delle stesse.