www.aimitalia.news: le ultime notizie, gli approfondimenti e un archivio cercabile di oltre 3.400 articoli pubblicati

Visualizzazione post con etichetta axélero. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta axélero. Mostra tutti i post

giovedì 28 maggio 2020

axélero dichiarata fallita

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che il Tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento della società.

Contestualmente, ha autorizzato la prosecuzione dell’attività di impresa nella forma dell’esercizio provvisorio per la gestione dei contratti pendenti e l’incasso dei crediti commerciali, con l’obiettivo di preservare un complesso aziendale.

❌ axélero 
✔ Prezzo -,-- € 
Nessuna analisi finanziaria disponibile

giovedì 30 gennaio 2020

axélero, adunanza dei creditori il 24 giugno 2020

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che il Tribunale di Milano ha accolto l’istanza di differimento, fissando l’adunanza dei creditori al 24 giugno 2020, con termine entro 45 giorni prima dell’adunanza per il deposito della relazione.

❌ axélero 
✔ Prezzo -,-- € 
Nessuna analisi finanziaria disponibile 

martedì 28 gennaio 2020

axélero, chiede il rinvio dell'adunanza dei creditori

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, in considerazione del parere favorevole del collegio commissariale, ha provveduto al deposito telematico dell’istanza di differimento dell’adunanza dei creditori dinanzi al Tribunale di Milano.

❌ axélero 
✔ Prezzo -,-- € 
Nessuna analisi finanziaria disponibile 

mercoledì 22 gennaio 2020

axélero, incassi inferiori alle attese

Il CdA di axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, ha verificato che nell’esercizio 2019 sono stati registrati incassi inferiori alle attese che evidenziano un significativo scostamento rispetto al Piano Industriale.

Il Consiglio di Amministrazione ha, quindi, riconsiderato la situazione e le prospettive della società ritenendo opportuno procedere entro la corrente settimana con il deposito di una istanza di differimento dell’adunanza dei creditori - originariamente fissata al 18 marzo 2020 -, al fine di consentire alla società di depositare un piano revisionato tra la fine del mese di febbraio 2020 e la prima settimana di marzo 2020

mercoledì 26 giugno 2019

axélero, il Tribunale concede tempo per depositare altra documentazione

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, rende noto che in relazione al ricorso del 31 maggio 2019 contenente la domanda di ammissione della società alla procedura di concordato ex art. 160 e 186 bis R.D. 267/42, il Tribunale di Milano ha concesso termine sino al 9 luglio 2019 per il deposito di documentazione integrativa e/o modificativa corredata da relazione attestativa integrativa e/o modificativa e memoria esplicativa, riservando all’esito ogni altro provvedimento.

martedì 18 giugno 2019

axélero, udienza prefallimentare domani

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, informa della pendenza di due istanze di fallimento presentate dinanzi al Tribunale di Milano da parte di:
  • Feel Contact Srl, per 152.709 euro;
  • Atlas Special Opportunities, per 5,94 mln di euro.
Per entrambe le procedure, il Tribunale ha fissato l’udienza prefallimentare al 19 giugno 2019.

venerdì 31 maggio 2019

axélero, correzione di bilancio e seconda domanda di concordato

Il Cda di axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, ha approvato alcune modifiche alla situazione patrimoniale della capogruppo al 28 febbraio 2019, approvata dal consiglio il 24 maggio 2019 ed al progetto di bilancio della capogruppo al 31 dicembre 2018, approvato dal consiglio il 17 maggio 2019.

Le modifiche apportate sono relative al rilascio dei risconti passivi per 2,075 mln di euro di allineamento contabile.

Si determina quindi una variazione di patrimonio netto della capogruppo che passa da -31,109 mln di euro a -29,034 mln di euro e della perdita netta che passa da 24,440 mln di euro a 22,365 mln di euro.

Il consiglio di amministrazione ha successivamente deciso di depositare di una nuova domanda di concordato preventivo con continuità aziendale.

L’assemblea degli azionisti è andata deserta, non avendo raggiunto il quorum, poiché l’azionista di riferimento non ha partecipato all’assemblea, in attesa del deposito della domanda di concordato, avendo ritenuto che il promovendo concordato preventivo costituisca misura funzionale al ristabilimento dello sbilancio patrimoniale della società.

lunedì 27 maggio 2019

axélero, situazione economica e patrimoniale primo bimestre 2019

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, ha pubblicato la situazione economica e patrimoniale aggiornata al 28 febbraio 2019.

Bilancio capogruppo
Principi contabili internazionali
migliaia di euro
1° bimestre 2019 vs 2018

Ricavi
936 vs 10.055

Ebitda
-1.830 vs -16.843

Utile netto
-2.890 vs -24.440

Patrimonio netto
-33.984 vs -31.109

lunedì 20 maggio 2019

axélero, approvato il bilancio consolidato 2018: patrimonio netto a meno 39 mln di euro

Il Cda di axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, ha approvato il bilancio consolidato 2018.

Bilancio consolidato
Principi contabili internazionali
migliaia di euro
2018 vs 2017

Ricavi
10.055 vs 28.629, -64,9%

Ebitda
-16.843 vs -9.501-7.342

Perdita netta
-24.829 vs -39.801+14.972

Patrimonio netto
-39.942 vs -15.586-24.356

Debiti finanziari netti
31,400 vs 32.100, -700

Deficit netto per azione
-2,937 euro

Perdita per azione
-1,826 euro

L'assemblea straordinaria degli azionisti si terrà in seconda convocazione il 30 maggio 2019 per prendere i provvedimenti di cui agli art. 2446 e 2447 del codice civile che riguardano la riduzione del capitale per perdite.

giovedì 18 aprile 2019

axélero, il Tribunale dice NO al concordato preventivo

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che il Tribunale di Milano ha dichiarato improcedibile la procedura di Concordato avviata dalla società rilevando il tardivo deposito della Relazione di Attestazione, avvenuto in data successiva a quello del Piano e della Proposta Concordataria.

Il Tribunale ha, inoltre, osservato che la mancata approvazione dei bilanci relativi agli esercizi 2017 e 2018 appariva di ostacolo alle verifiche demandate al Giudice in fase di ammissione della domanda di Concordato Preventivo.

La società, preso atto della decisione del Tribunale, darà corso senza indugio alle iniziative ed alle azioni più opportune per tutelare i creditori, nel rispetto dei principi di par condicio ed astenendosi, in particolare, dal compiere atti dispositivi o pagamenti che possano alterare i crediti esistenti e rilevati alla data di avvio della procedura di concordato.

Nella prospettiva del miglior soddisfacimento dei creditori e ricorrendone le condizioni, la società privilegerà soluzioni concorsuali di continuità aziendale.

È stata convocata una riunione del consiglio di amministrazione per il giorno 24 aprile 2019.

La società provvederà tempestivamente ad informare il mercato in merito alle attività che intenderà intraprendere.

venerdì 5 aprile 2019

axélero, la società di revisione non è in grado di esprimere un giudizio sul bilancio

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che la società di revisione BDO Italia SpA ha depositato le proprie relazioni sul bilancio consolidato e separato.

La società di revisione ha dichiarato l’impossibilità di esprimere un giudizio a causa della rilevanza delle limitazioni e degli effetti connessi alle incertezze sulla continuità aziendale, il cui presupposto è soggetto a molteplici significative incertezze con potenziali interazioni e possibili effetti cumulati sul bilancio di esercizio della Società al 31 dicembre 2017.

lunedì 25 marzo 2019

axélero, depositati i documenti integrativi del concordato

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, rende noto che ha depositato la documentazione a integrazione della proposta di concordato preventivo depositata il 27.02.2019 presso il Tribunale di Milano.

mercoledì 6 marzo 2019

axélero, il Tribunale proroga il termine per integrare la documentazione del concordato

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, rende noto che il Tribunale di Milano ha prorogato sino al 22.03.2019 il termine concesso per il deposito di ulteriore documentazione a integrazione del piano e della proposta di concordato preventivo depositati il 27.02.2019.

giovedì 28 febbraio 2019

axélero, depositato progetto di concordato preventivo (incompleto)

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, rende noto che il Consiglio di amministrazione ha approvato e depositati presso il Tribunale di Milano il piano e la proposta di concordato preventivo, seppure privi di alcuni documenti che potrebbero comportare l’improcedibilità del ricorso presentato.

La Società ha quindi depositato contestualmente una memoria integrativa per richiedere un ulteriore termine utile al completamento della produzione documentale, richiesta ai sensi di legge, per la valutazione in merito all’accoglimento della proposta da parte del Tribunale.

venerdì 8 febbraio 2019

axélero, il Tribunale proroga il termine per il deposito della proposta di concordato

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, rende noto che il Tribunale di Milano ha prorogato sino al 27.02.2019 il termine concesso per la presentazione della proposta definitiva del piano e della documentazione, relativi al concordato preventivo.

martedì 29 gennaio 2019

axélero chiede altri 60 giorni per presentare il concordato preventivo

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che ha depositare dinanzi al Tribunale di Milano istanza per la concessione della proroga di ulteriori 60 giorni, rispetto all’attuale scadenza del 28 gennaio 2019, del termine per la presentazione di una proposta di concordato preventivo.

lunedì 3 dicembre 2018

axélero commissariata

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, rende noto che il Tribunale di Milano ha concesso termine alla società fino al 28.01.2019 per la presentazione di una proposta definitiva di concordato preventivo o di una domanda di omologa di accordi di ristrutturazione dei debiti.

Il tribunale ha contestualmente nominato un commissario giudiziale e fissato termine sino al 28 dicembre 2018 per il deposito di una situazione finanziaria aggiornata unitamente ad una breve relazione informativa ed esplicativa sullo stato di predisposizione della proposta definitiva.

venerdì 26 ottobre 2018

axélero chiede il concordato in bianco

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che il Consiglio di amministrazione riunitosi ha deliberato di verificare con i consulenti della società la fattibilità di un piano concordatario con continuità aziendale e, nelle more di tale verifica, ha autorizzato il deposito di un ricorso di concordato con riserva (c.d. “Concordato in bianco”).

Il Consiglio di Amministrazione ha contestualmente revocato il Progetto di Bilancio 2017 approvato il 2 ottobre scorso, riservando all’esito della verifica in corso, l’approvazione di un nuovo progetto di bilancio ovvero l’eventuale conferma e riapprovazione di quello oggi revocato.

Le decisioni sopra richiamate sono state adottate in considerazione dell’incertezza sulle prospettive di continuità aziendale, dipesa dal concatenarsi, nel mese di ottobre, di alcuni eventi inattesi, tra i quali la notifica di atti esecutivi, che hanno comportato l’indisponibilità delle risorse liquide occorrenti per l’ordinario funzionamento aziendale, rendendo non più attuale la fattibilità dell’intrapreso percorso di risanamento in bonis.

In particolare, sono stati notificati tre atti di pignoramento per l’importo complessivo di 247.062,22 euro.

Preso atto di quanto sopra, il Consiglio di amministrazione ha assunto i provvedimenti ritenuti necessari nell’interesse dei creditori, degli azionisti e di tutti gli stakeholder e comunicherà tempestivamente al mercato ogni sviluppo in merito alla situazione in corso.

Concordato in bianco
Il concordato c.d. "in bianco" o "con riserva" o, "con prenotazione", consente all’imprenditore di godere immediatamente degli effetti derivanti dall’apertura della procedura concordataria.

Si tratta di una procedura che prende avvio con una domanda incompleta, sia del piano che della proposta.

Per quanto concerne la documentazione, c'è l'obbligo di corredare la domanda dei bilanci degli ultimi tre esercizi e dell’elenco nominativo dei creditori con l’indicazione dei rispettivi crediti.

Malgrado la citata incompletezza della domanda, la procedura consente di interrompere o sospendere le esecuzioni in corso dalla data di pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese da parte del cancelliere entro il giorno successivo al deposito della domanda in cancelleria.

L'apertura della procedura concordataria travolge le ipoteche giudiziali iscritte nei novanta giorni anteriori alla pubblicazione del ricorso.

Inoltre, per quanto concerne i contratti in corso di esecuzione al momento del deposito della domanda di concordato, è prevista l'ipotesi che il Tribunale possa autorizzare il debitore a sciogliersi dai contratti ove tale decisione possa risultare più favorevole al superamento della crisi.

La legge prevede, inoltre, la possibilità, per l’imprenditore, di richiedere al Tribunale l’autorizzazione a stipulare contratti di finanziamento bancario in prededuzione che non entrano a far parte della massa debitoria precedente per cui sono destinati ad essere soddisfatti senza subire la falcidia concordataria o fallimentare.

Fino alla data di presentazione del piano e del decreto di ammissione alla procedura, l’imprenditore può compiere atti di ordinaria amministrazione; di contro, gli atti di straordinaria amministrazione sono soggetti alla preventiva autorizzazione del Tribunale.

Il concordato in parola prevede, altresì, la possibilità che l'imprenditore possa pagare regolarmente i debiti contratti dopo il deposito della domanda prenotativa mentre il pagamento dei debiti precedenti presuppone l’autorizzazione del Tribunale.

Fonte: www.studiodostuni.it

giovedì 18 ottobre 2018

axélero, continuità aziendale in forse

axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che è stato convocato il Consiglio di Amministrazione della società che si terrà il 24 ottobre 2018, per valutare la persistenza dei presupposti di continuità aziendale e conseguentemente assumere i provvedimenti più opportuni, inclusa l’eventuale revisione, modifica o revoca del progetto di bilancio approvato lo scorso 2 ottobre 2018.

Comunica inoltre di aver ricevuto in data 16 ottobre scorso, sia la relazione del Collegio Sindacale al Progetto di Bilancio al 31.12.2017, nella quale il Collegio invita l’Assemblea degli Azionisti a non approvare il Bilancio 2017, sia la relazione della società di revisione BDO Italia S.p.A., che non esprime un giudizio sul Bilancio 2017 a causa della rilevanza delle limitazioni e degli effetti connessi all’incertezza sulla continuità aziendale.

Il Nomad lascia
axélero comunica, infine, che Banca Finnat Euramerica ha manifestato l’intenzione di non rinnovare a scadenza l’incarico di Nomad, conferitole il 22 dicembre 2017 in ragione delle modifiche sostanziali del contesto societario, intervenute negli ultimi mesi, che hanno cambiato le condizioni in essere al momento del conferimento.

L’attività di Nomad svolta da Banca Finnat Euramerica S.p.A. terminerà il 31.12.2018.

La Società, una volta identificato il nuovo Nomad, provvederà a darne tempestiva informazione al mercato.

Estratti della relazione del Collegio Sindacale del 16 ottobre 2018
...

L'Organo Amministrativo, sebbene sollecitato in tal senso, non ha fornito al Collegio Sindacale le informazioni essenziali per valutare la continuità aziendale, in particolare il progetto di bilancio e le situazioni contabili aggiornate mensilmente.

...

Il Collegio Sindacale rileva che alla data odierna, la società non è in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni, sia nei confronti dei creditori, sia nei confronti dell'Erario.

Tenuto conto stato della mancanza della relazione semestrale e di una situazione contabile aggiornata al 31 agosto e del manifesto stato di crisi aziendale e e delle ulteriori considerazioni svolte nei paragrafi che seguono il Collegio Sindacale non può che esprimere un giudizio negativo sulla continuità aziendale della Vostra società.

...

Il Collegio Sindacale, nel vigilare sul rispetto dei principi di corretta amministrazione, tenuto conto che il Consiglio di Amministrazione non ha fornito alcuna situazione contabile intermedia, non è in grado di accertare che il Consiglio di Amministrazione non abbia compiuto operazioni estranee all'oggetto sociale, manifestamente imprudenti, azzardate e palesemente idonee a pregiudicare l'integrità del patrimonio sociale, volte a prevaricare o modificare i diritti attribuiti dalla legge o dallo statuto ai singoli soci.

...

Nello svolgimento delle attività appena descritte, il Collegio rileva che, nel caso in cui fosse accertato che il patrimonio contabile sia stato perso prima della data odierna, la prosecuzione dell'attività in assenza dei provvedimenti richiesti dal codice civile, costituirebbe un illecito.

Come già precisato, il Collegio Sindacale non ha potuto accertare questa circostanza perché il Consiglio di Amministrazione, sebbene sollecitato in tal senso, fino al 2 ottobre 2018 non ha fornito né il progetto di Bilancio né le normali situazioni contabili intermedie.

...

Tale incertezza ha portato ad alcune sovrapposizioni di figure apicali come dettagliato "People Chart" del 1 agosto 2018, ove ad esempio l'Amministratore Delegato riveste il ruolo di Chief Marketing Officer, Chief Finance Officer, Chief Legal Corporate Affairs Officer e Chief Peple Officer.

Questo ha fatto venire meno la segregazione delle responsabilità, fatto imprescindibile perché il Collegio Sindacale possa dare un giudizio positivo sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo.

Il Collegio Sindacale rileva che a seguito delle dimissioni del dirigente responsabile dell'area contabile, la società è priva di una figura dotata dei necessari requisiti di professionalità contabile.

... nel ricorso promosso ex art. 2409 si denunciava l'inadeguatezza del sistema amministrativo contabile.

La società infatti, più volte sollecitata dal Collegio Sindacale, non è stata in grado di fornire situazioni economico patrimoniali aggiornate, di fatto impedendo al Collegio Sindacale la verifica della consistenza del Patrimonio Netto.

...

Il progetto di bilancio al 31 dicembre 2017 evidenzia una perdita netta di euro 29.058.802 ed un Patrimonio Netto di euro 15.627.006.

...

Nel progetto di bilancio chiuso al 31/12/2017, la valorizzazione del Patrimonio Netto è influenzata in modo determinante dal cambiamento del criterio di valutazione delle partecipazioni.

Se il criterio non fosse stato modificato, il patrimonio netto avrebbe un valore negativo di circa Euro 4 milioni, fattispecie che avrebbe obbligato gli azionisti ad assumere i provvedimenti di cui all'art. 2447 o 2484 c.c.

A parere del Collegio Sindacale, il tema non è tanto e solo se la perizia che ha stimato il valore delle partecipazioni rivalutate sia formulata in modo corretto o meno, ma se, indipendentemente dalla qualità della perizia contenente la rivalutazione, la scelta del Consiglio di Amministrazione si sostanzi in una condotta potenzialmente idonea ad occultare la reale consistenza del patrimonio netto e le informazioni necessarie ai destinatari del bilancio perché essi possano comprendere chiaramente quale sia la reale consistenza del patrimonio sociale e quali  siano gli effetti reali del risultato di esercizio su di esso.

...

Si evidenzia inoltre che, con la comunicazione trasmessa in data 15 ottobre 2018, con la quale il Consigliere indipendente ha rassegnato le proprie dimissioni, lo stesso ha espresso dissenso rispetto alla scelta del Consiglio di Amministrazione di effettuare la valutazione delle partecipate al Fair value, ritenendo che tale scelta "presenti eccessivi margini di incertezza e si rilevi non corrispondente ai criteri di prudenza".

...

Il collegio Sindacale non condivide il giudizio sulla continuità aziendale formulato dal Consiglio di Amministrazione ed evidenzia che la società non è in grado di adempiere alle proprie obbligazioni pecuniarie con mezzi ordinari alle normali scadenze.

Questa circostanza non può essere sanata con una rivalutazione di poste attive o con il ricorso a nuovo debito, ma esclusivamente con la raccolta di nuovo capitale sottoscritto in denaro.

...

Considerando le risultanze delle attività di vigilanza e le osservazioni in merito al progetto di bilancio presentatoci, invitiamo l'Assemblea a non approvare il progetto di Bilancio al 31 dicembre 2017 così come redatto dagli Amministratori.

Estratti della relazione della società di revisione BDO Italia del 16 ottobre 2018

...

Al 31 dicembre 2017 la Società ha iscritto in bilancio crediti per imposte anticipate pari ad Euro 2.649 migliaia, la cui sostenibilità si basa sulla effettiva realizzazione dl piano industriale ad oggi non ancora approvato dal Consiglio d'Amministrazione e, conseguentemente, sulla possibilità della Società di operare in un'ottica di continuità aziendale.

Come evidenziato nelle note di bilancio al paragrafo dedicato alle partecipazioni, cui si rimanda, i valori delle partecipazioni nelle società controllate Arreeba S.p.A. e Privategriffe S.r.l. sono stati determinati sostituendo il criterio del costo adottato fino al bilancio chiuso al 31 dicembre 2016, con il criterio del fair value ai sensi dello IAS 39.

Per quanto riguarda la partecipazione nella società Arreba S.p.A., il trattamento contabile suindicato ha consentito di rilevare all'interno del patrimonio netto relativo al bilancio di axélero S.p.A. al 31 dicembre 2017, una riserva di rivalutazione a fair value pari ad Euro 20.653 migliaia.

Le incertezze sulla continuità aziendale della axélero S.p.A., come sopra descritte, possono determinare impatti significativi sui parametri e sulle metodologie valutative adottate ai fini della stima, aumentandone così il livello di aleatorietà, pertanto non siamo in grado di esprimerci né sulla adeguatezza delle metodologie, che tengono conto di un piano industriale di Arreeba S.p.A. non approvato dal competente Consiglio d'Amministrazione, né sulla sostenibilità del valore della partecipazione in oggetto.

Quanto sopra descritto evidenzia che il presupposto della continuità aziendale è soggetto a molteplici significative incertezze con potenziali interazioni e possibili effetti cumulati sul bilancio d'esercizio della axélero S.p.A. al 31 dicembre 2017.

Inoltre, alla data della presente relazione gli amministratori non ci hanno fornito la lettera di attestazione prevista dal principio di revisione Isa (Italia) n.580.

Tale indisponibilità rappresenta una grave limitazione al procedimento di revisione, i cui potenziali effetti sono pervasivi al bilancio nel suo complesso.

...

A causa della rilevanza delle limitazioni e degli effetti connessi alle incertezze descritte nella sezione  Elementi alla base della dichiarazione di impossibilità di esprimere un giudizio della relazione sul bilancio d'esercizio, non siamo in grado di esprimere un giudizio sulla coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio d'esercizio della axélero S.p.A. al 31 dicembre 2017 e sulla conformità alle norme di legge, né di rilasciare la dichiarazione di cui all'art. 14 co. 2, lettera e, del D.Lgs. 39/10, sulla base delle conoscenze e della comprensione dell'impresa e del relativo contesto acquisite nel corso dell'attività di revisione.

mercoledì 17 ottobre 2018

axélero, dimissioni del consigliere indipendente

Michele Casucci, ex amministratore indipendente di axélero
Michele Casucci,
ex amministratore indipendente
di axélero
axélero, società quotata all'AIM Italia, che offre soluzioni di digital marketing per le PMI, comunica che Michele Casucci, consigliere indipendente del Consiglio di amministrazione della società, ha rassegnato le proprie dimissioni.

La motivazione delle dimissioni sono divergenze con gli altri consiglieri, in particolare in relazione all’approvazione, avvenuta il 02.10.2018, del Progetto di Bilancio 2017.

Il consigliere indipendente ha precisato, al momento delle dimissioni, di essere in disaccordo sul valore dell’iscrizione al fair value della partecipazione di axélero in Arreeba, ritenendo insufficiente la documentazione acquisita a supporto.

Ricordiamo che il patrimonio netto di axélero risulta positivo per 15,6 mln di euro solo in forza della rivalutazione della partecipazione in Arreeba (di cui axélero detiene il 51%), valutata complessivamente 42 mln di euro.

Senza tale rivalutazione il patrimonio netto di axélero risulterebbe negativo per 5 mln di euro.